I narcisisti non imparano dai loro errori perché non pensano di farne

Narcissism Painting by Eliza Matica | Saatchi Art

Quando la maggior parte delle persone scopre che le loro azioni hanno portato a un risultato indesiderato, tendono a ripensare le loro decisioni e chiedono: “Cosa avrei dovuto fare diversamente per evitare questo risultato?” Quando i narcisisti affrontano la stessa situazione, tuttavia, il loro ritornello è: “Nessuno avrebbe potuto prevedere!” Rifiutando di riconoscere di aver commesso un errore, i narcisisti non riescono a imparare da quegli errori- un recente studio dell’Oregon State University ha scoperto. Il processo mentale di analisi delle azioni passate per vedere cosa si dovrebbe fare diversamente si chiama “pensiero controfattuale”. Il pensiero controfattuale è il processo mentale di immaginare un risultato o uno scenario diverso da quello effettivamente accaduto. Tutti noi ci impegniamo in un certo livello di pensiero autoprotettivo. Tendiamo ad attribuire il successo ai nostri sforzi, ma incolpiamo dei nostri fallimenti le forze esterne – mentre spesso incolpiamo il fallimento di altre persone sulle proprie carenze. Ma i narcisisti fanno così di più perché pensano di essere migliori degli altri. Non ricevono consigli da altre persone; non si fidano delle opinioni degli altri. … Puoi chiedere, “Cosa avresti dovuto fare diversamente?” E potrebbero rispondere: “Niente; è stato bello come ho fatto.” Il narcisismo è in genere definito come una credenza nella superiorità e nel diritto di una persona, con i narcisisti che credono di essere migliori e più meritevoli degli altri. Lo studio, pubblicato di recente sul Journal of Management , consisteva in quattro varianti dello stesso esperimento con quattro diversi gruppi di partecipanti, tra cui studenti, dipendenti e manager con una significativa esperienza nelle assunzioni. Uno dei quattro è stato condotto in Cile con partecipanti di lingua spagnola. I partecipanti hanno prima fatto un test che classificava il loro narcisismo facendoli scegliere tra coppie di dichiarazioni (“Penso di essere una persona speciale” rispetto a “Non sono migliore o peggiore della maggior parte delle persone”). Nella prima delle quattro varianti, hanno quindi letto le qualifiche dei candidati ipotetici e hanno dovuto scegliere chi assumere. Dopo aver scelto, sono stati forniti dettagli su come questo ipotetico dipendente si è comportato nel lavoro e sono stati valutati in merito alla misura in cui si sono impegnati a “pensare controfattuale” sul fatto che abbiano preso la decisione giusta. Le quattro variazioni hanno utilizzato metodi diversi per analizzare in che modo il pensiero controfattuale è stato influenzato dal pregiudizio col senno di poi, che è la tendenza a esagerare con il senno di poi ciò che si sapeva realmente in prospettiva. I ricercatori citano l’esempio del presidente Donald Trump che nel 2004 affermava che “aveva predetto la guerra in Iraq meglio di chiunque altro”. Gli autori osservano che la ricerca precedente ha dimostrato che il pregiudizio del senno di poi è spesso invertito come una forma di autoprotezione quando una previsione si rivela inaccurata – ad esempio, Trump ha affermato nel 2017 che “Nessuno sapeva che l’assistenza sanitaria potesse essere così complicata” dopo non aver proposto un’alternativa di successo all’Affordable Care Act. Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che quando i narcisisti predissero correttamente un risultato, sentivano che era più prevedibile rispetto ai non narcisisti (“Lo sapevo da sempre”); e quando hanno predetto erroneamente, hanno ritenuto che il risultato fosse meno prevedibile rispetto ai non narcisisti (“Nessuno avrebbe potuto indovinare”). Ad ogni modo, i narcisisti non sentivano di dover fare qualcosa di diverso o impegnarsi in pensieri autocritici che avrebbero potuto avere effetti positivi sulle decisioni future. Cadono preda del pregiudizio col senno di poi, e non imparano da esso quando commettono errori. E quando ottengono le cose giuste, non stanno ancora imparando. I narcisisti spesso salgono in classifica all’interno delle organizzazioni perché trasudano totale fiducia, si prendono il merito per i successi degli altri e sviano la colpa da se stessi quando qualcosa va storto. Tuttavia, nel tempo questo può essere dannoso per l’organizzazione, sia a causa del basso morale dei dipendenti che lavorano per il narcisista, sia a causa delle continue cattive decisioni del narcisista. Per evitare la trappola del pregiudizio col senno di poi, gli individui dovrebbero riservare del tempo per la riflessione e la revisione dopo una decisione, anche se il risultato è positivo. Che la decisione sia stata favorevole o sfavorevole, dovrebbero chiedersi cosa avrebbero dovuto fare diversamente. E poiché i narcisisti non si impegnano in questo processo, sarebbe saggio che i panel consultivi fornissero controlli ed equilibri quando i narcisisti hanno l’autorità decisionale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “When and Why Narcissists Exhibit Greater Hindsight Bias and Less Perceived Learning”. by Satoris S. Howes, Edgar E. Kausel, Alexander T. Jackson, Jochen Reb. Journal of Management.

Immagine: Narcissism (Eliza Matica)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. marzia ha detto:

    E’ interessante questo “pensiero controfattuale”…

    "Mi piace"

    1. Molto e non appartiene solo ai narcisisti ma a tutti!

      "Mi piace"

  2. janettelart ha detto:

    Molto interessante, ottimo articolo.

    "Mi piace"

    1. Grazie, mi fa piacere che ti sia piaciuto! Buona giornata☺️

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.