Il litio nell’acqua potabile è collegato a tassi di suicidio più bassi

Water Drawing by Marija Novaković | Saatchi Art

Il litio presente naturalmente nell’acqua potabile pubblica può avere un effetto anti-suicida – secondo un nuovo studio della Brighton and Sussex Medical School (BSMS) e dell’Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience del King’s College di Londra. Pubblicato sul British Journal of Psychiatry, lo studio ha raccolto ricerche provenienti da tutto il mondo e ha scoperto che le aree geografiche con livelli relativamente elevati o concentrazione di litio nell’acqua potabile pubblica avevano tassi di suicidio di conseguenza inferiori. È promettente che livelli più elevati di litio in tracce nell’acqua potabile possano esercitare un effetto anti-suicida e avere il potenziale per migliorare la salute mentale. La prevalenza delle condizioni di problemi di salute mentale e dei tassi di suicidio nazionali sono in aumento in molti paesi. In tutto il mondo, oltre 800.000 persone muoiono ogni anno per suicidio e il suicidio è la principale causa di morte tra le persone di età compresa tra 15 e 24 anni. In questi tempi senza precedenti della pandemia di COVID-19 e il conseguente aumento dell’incidenza delle condizioni di salute mentale, l’accesso ai modi per migliorare la salute mentale della comunità e ridurre l’incidenza di ansia, depressione e suicidio è sempre più importante. Il litio, a volte indicato come “ione magico”, è ampiamente ed efficacemente usato come farmaco per il trattamento e la prevenzione di episodi maniacali e depressivi, stabilizzando l’umore e riducendo il rischio di suicidio nelle persone con disturbi dell’umore. Le sue proprietà anti-aggressive possono aiutare a ridurre l’impulsività, l’aggressività, i comportamenti criminali violenti e l’abuso cronico di sostanze. Il litio è un elemento naturale e si trova in quantità variabili nelle verdure, nei cereali, nelle spezie e nell’acqua potabile. È presente in praticamente tutte le rocce ed è mobilitato dagli agenti atmosferici nei suoli, nelle acque sotterranee e stagnanti, e quindi nell’approvvigionamento idrico pubblico. I benefici per la salute e i poteri curativi del litio naturale in acqua sono noti da secoli. La Lithia Springs, un’antica sorgente sacra medicinale dei nativi americani, con le sue acque naturali arricchite con litio, è rinomata per le sue proprietà salutari. In effetti, la popolare bibita 7-Up conteneva litio quando fu creata nel 1929. Studi recenti hanno anche collegato il litio alla ridotta incidenza della malattia di Alzheimer e di altre demenze. Ciò aumenta il potenziale per il suo uso preventivo per combattere il rischio di demenza. Questa sintesi e analisi di tutte le prove disponibili conferma i risultati precedenti di alcuni studi individuali e mostra una relazione significativa tra livelli più alti di litio nell’acqua potabile e tassi di suicidio più bassi nella comunità. I livelli di litio nell’acqua potabile sono molto più bassi di quelli raccomandati quando il litio è usato come medicinale sebbene la durata dell’esposizione possa essere molto più lunga, potenzialmente a partire dal concepimento. Questi risultati sono anche coerenti con i risultati degli studi clinici secondo cui il litio riduce il suicidio e i comportamenti correlati nelle persone con un disturbo dell’umore. I prossimi passi potrebbero includere la verifica di questa ipotesi mediante studi randomizzati condotti sulla comunità per l’integrazione di litio dell’approvvigionamento idrico, in particolare nelle comunità (o ambienti) con dimostrata elevata prevalenza di condizioni critiche di salute mentale, comportamento criminale violento, abuso cronico di sostanze e rischio di suicidio. Ciò può fornire ulteriori prove a supporto dell’ipotesi che il litio potrebbe essere usato a livello comunitario per ridurre o combattere il rischio di queste condizioni. Lo studio prevedeva una revisione sistematica e una meta-analisi di tutti gli studi precedenti sull’argomento – condotti in Austria, Grecia, Italia, Lituania, Regno Unito, Giappone e Stati Uniti – che correlavano i livelli di litio presenti in natura nei campioni di acqua potabile e i tassi di suicidio in 1.286 regioni / contee / città in questi paesi. Questo studio dimostra che i confini tra terapia e interventi nutrizionali non sono così rigidi come una volta, aprendo la possibilità di nuovi trattamenti che abbracciano entrambi i settori. Una maggiore conoscenza delle proprietà benefiche del litio e del suo ruolo nella regolazione della funzione cerebrale può portare a una comprensione più profonda della malattia mentale e migliorare il benessere dei pazienti con depressione e altri problemi di salute mentale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association between naturally occurring lithium in drinking water and suicide rates: systematic review and meta-analysis of ecological studies”. by Anjum Memon et al. British Journal of Psychiatry.

Immagine: Water (Marija Novaković)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Pare che l’alimentazione sia un valido aiuto per diversi problemi di salute.

    Piace a 1 persona

    1. Per tantissimi, anche il cervello se ne giova molto di una sana alimentazione!

      Piace a 2 people

  2. QueridaJ ha detto:

    So fascinating, never could have guessed this connection between lithium levels in water and suicide prevention!

    Piace a 1 persona

    1. Yes, the interesting point is that it’s possible prevention without drugs! Thanks

      "Mi piace"

Rispondi a Le perle di R. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.