Prevenire la demenza prendendo di mira 12 fattori di rischio

This is an infographic for the study

La modifica di 12 fattori di rischio nel corso della vita potrebbe ritardare o prevenire il 40% dei casi di demenza, secondo un rapporto aggiornato della Commissione Lancet sulla prevenzione, l’intervento e le cure della demenza presentato alla Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer (AAIC 2020). Ventotto esperti di demenza leader a livello mondiale hanno aggiunto tre nuovi fattori di rischio nel nuovo rapporto: assunzione eccessiva di alcol e ferite alla testa durante la mezza età e inquinamento atmosferico. Questi sono in aggiunta a nove fattori precedentemente identificati dalla commissione nel 2017: meno istruzione nelle prime fasi della vita; perdita dell’udito durante la mezza età, ipertensione e obesità; e fumo, depressione, isolamento sociale, inattività fisica e diabete in età avanzata (dai 65 anni in su). Stiamo imparando che le tattiche per evitare la demenza iniziano presto e continuano per tutta la vita, quindi non è mai troppo presto o troppo tardi per agire. La demenza colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo, un numero che dovrebbe più che triplicare entro il 2050, in particolare nei paesi a basso e medio reddito dove vivono circa i due terzi delle persone con demenza, secondo il rapporto. Le donne hanno anche maggiori probabilità di sviluppare demenza rispetto agli uomini. Tuttavia, in alcuni paesi, come gli Stati Uniti, l’Inghilterra e la Francia, la percentuale di persone anziane affette da demenza è diminuita, probabilmente in parte a causa di cambiamenti nello stile di vita, dimostrando la possibilità di ridurre la demenza attraverso misure preventive. I ricercatori e i membri della commissione raccomandano che i responsabili politici e le persone adottino i seguenti interventi:

  • Cerca di mantenere una pressione arteriosa sistolica di 130 mm Hg o inferiore dall’età di 40 anni.
  • Incoraggiare l’uso di apparecchi acustici per la perdita dell’udito e ridurre la perdita dell’udito proteggendo le orecchie dagli alti livelli di rumore.
  • Ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico e al fumo passivo.
  • Prevenire le lesioni alla testa (in particolare prendendo di mira occupazioni ad alto rischio).
  • Limitare l’assunzione di alcol a non più di 21 unità a settimana (un’unità di alcol equivale a 10 ml o 8 g di alcool puro).
  • Smetti di fumare e aiuta gli altri a smettere di fumare.
  • Fornire a tutti i bambini l’istruzione primaria e secondaria.
  • Conduci una vita attiva verso la mezza età e anche successivamente.
  • Ridurre l’obesità e le condizioni collegate del diabete.

Il rapporto sostiene anche l’assistenza olistica, individualizzata e basata sull’evidenza per i pazienti con demenza, che in genere hanno più ricoveri per condizioni che sono potenzialmente gestibili a casa e sono a maggior rischio di COVID-19. Inoltre, raccomanda di fornire interventi per i caregiver familiari che sono a rischio di depressione e ansia. I membri della commissione hanno condotto un’indagine approfondita di tutte le migliori prove sul campo, comprese revisioni sistematiche della letteratura, meta-analisi e studi individuali, per giungere alle loro conclusioni.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Dementia prevention, intervention, and care: 2020 report of the Lancet Commission” by Lon Schneider et al. The Lancet.

Immagine: The image is credited to Keck Medicine of USC.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.