Molti scrittori affermano di poter ascoltare le voci dei loro personaggi, ecco perché

The Writer Painting by Kevin Richard | Saatchi Art

Molti scrittori famosi sostengono che sono i personaggi che guidano effettivamente la trama, creano i dialoghi ed essenzialmente “fanno le proprie cose” nei romanzi che scrivono. Per indagare su questo fenomeno, un team di ricerca ha condotto un sondaggio all’International Book Festival di Edimburgo nel 2014 e nel 2018, chiedendo agli scrittori come hanno vissuto i loro personaggi. Oltre il 60% dei 181 partecipanti ha dichiarato di aver sentito le voci dei loro personaggi, e oltre il 60% ha affermato che i loro personaggi a volte recitavano da soli. Alcuni autori hanno anche affermato di poter entrare in dialogo con i loro personaggi e che i loro personaggi a volte “hanno parlato” e hanno discusso con loro. Questi scrittori erano spesso abbastanza espliciti che tutte queste esperienze erano immaginarie. Ma gli scrittori hanno anche parlato di essere “sorpresi” da ciò che i loro personaggi hanno detto e fatto, a volte anche ridendo a causa delle barzellette raccontate dai loro personaggi. Questo fa sorgere domande su controllo e la capacità di agire indipendentemente, ​​dal momento che questi scrittori non hanno sempre avuto la sensazione di decidere consapevolmente cosa è successo nella narrazione. Questa esperienza è spesso spiegata dal suggerimento che gli scrittori sono in qualche modo speciali o diversi e che la loro immaginazione è più “vivida” o “potente”. Ma nello studio, c’era un grado di variazione molto maggiore di quanto spiegano tali teorie. In effetti, vi era una significativa minoranza di scrittori che non riferiva l’esperienza dei loro personaggi come autonoma. Ma recenti studi sul ” discorso interiore ” possono aiutare a spiegare le esperienze degli scrittori sui loro personaggi in un modo diverso. Il discorso interiore è il monologo interiore e/o il dialogo che la maggior parte di noi ha quando pensiamo verbalmente. Può variare molto da persona a persona. Ad esempio, alcune persone sono consapevoli di ascoltare il loro discorso interiore per la maggior parte del tempo, e altre sono a malapena consapevoli di ciò. Alcune persone, ad esempio, vivono il loro discorso interiore più come un monologo, mentre per altri è più un dialogo. Le persone possono anche essere consapevoli di avere le voci di “altre persone” nel loro discorso interiore – per esempio, ascoltare la voce di uno dei loro genitori che dà loro un consiglio o una critica. Allo stesso modo, potremmo anche immaginare di sentire le voci di altre persone quando facciamo cose come pensare a come una discussione potrebbe essere andata diversamente, o come qualcuno che conosciamo probabilmente risponderà alle notizie che stiamo per dare loro. Non è irragionevole quindi mettere in discussione la misura in cui siamo consapevoli di controllare effettivamente queste versioni immaginarie di persone reali. Dopotutto, la sensazione che un amico o un familiare abbia più probabilità di dire una cosa piuttosto che un’altra non è di solito qualcosa che viene deliberatamente deciso o elaborato faticosamente attraverso il ragionamento. Di solito è immediato e intuitivo, almeno quando conosciamo bene quella persona. E questo è di nuovo diverso dal decidere semplicemente di immaginarli che rispondono nel modo in cui li vogliamo. Secondo questa linea di pensiero, la maggior parte di noi in realtà ha “personaggi” indipendenti e di grande attitudine e ascolta le loro voci – è solo che questi personaggi hanno le stesse identità delle persone che conosciamo nel mondo reale. In effetti, alcuni degli autori del sondaggio hanno esplicitamente confrontato l’udire i loro personaggi con le “altre persone” nel loro discorso interiore: “È come quando vedi un vestito nella vetrina di un negozio e senti la voce di tua madre che dice” non si lava [bene] “nella tua mente. È involontario ma non invadente. Quindi forse non è tanto una questione di come gli scrittori hanno queste esperienze di personaggi indipendenti. Invece, potrebbe essere più una questione del perché l’autonomia di personaggi immaginari sia molto più evidente (e quindi più degna di nota). Una possibile spiegazione sta nel modo in cui questa esperienza dell’autonomia dei personaggi si collega ad altre esperienze, sia reali che immaginarie. Da un lato, emerge un contrasto che viene dal modo in cui i personaggi si sviluppano nel tempo. Innanzitutto, ci sono le fasi iniziali in cui lo scrittore determina consapevolmente cosa fanno e dicono i personaggi. Tuttavia, dopo un certo punto, la maggiore familiarità dello scrittore con i personaggi fornisce lo stesso tipo di senso immediato e intuitivo di ciò che farebbero o direbbero, che spesso si applica alla nostra immaginazione di persone reali. D’altra parte, c’è un contrasto che di solito riguarda la nostra immaginazione di persone reali: il contrasto tra la nostra immaginazione di ciò che faranno e ciò che realmente fanno nel mondo. Ma, naturalmente, i personaggi immaginari non hanno una controparte là fuori che ha evidentemente più indipendenza e libertà di azione. In altre parole, quelle qualità non vengono costantemente “oscurate” dalle versioni della vita reale. Queste teorie potrebbero andare in qualche modo a spiegare alcuni degli aspetti più ampi di ciò che sta succedendo. Tuttavia, più ricercatori approfondiscono il pensiero e l’immaginazione, più è difficile dire esattamente quanto controllo sui nostri pensieri e sulle azioni che ognuno di noi ha effettivamente — e in che misura il controllo che sentiamo di avere sia un’illusione.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: The Writer (Kevin Richard)

14 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviacavalieri ha detto:

    L’esperienza del mio primo libro è stata travolgente. la storia mi si presentava da sola, mi saliva alle labbra, addirittura. Non sapevo nemmeno io come perché fosse cominciata, era come un gomitolo da svolgere. Quando andavo a scrivere al computer, poteva stare ore di fila senza fermarmi, semplicemente trascrivendo le scene che si formavano nella mia mente. I personaggi erano tutti lì, come a teatro e, come è stato detto nell’articolo, facevano quello che dovevano fare, a volte sorprendendomi o lasciandomi perplessa, certi giorni perdevano tempo, facevano cose apparentemente inutili, come lunghe passeggiate, che avrebbero solo rallentato il ritmo della storia, ma io li lasciavo fare e trascrivevo. Ho pensato che la storia che ho raccontato fosse semplicemente quello che da sempre tenevo relegato nel mio inconscio e che quando è sgorgato all’esterno, è stato inarrestabile come un giovane torrente.

    Piace a 3 people

    1. Grazie Silvia, avere la testimonianza diretta di una scrittrice è molto interessante!!

      Piace a 2 people

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Che bell’articolo! Grazie per averlo condiviso

    "Mi piace"

    1. Grazie a te Luisa! Un abbraccio forte😘

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Anche a te!

        "Mi piace"

  3. zoon ha detto:

    verissimo!

    "Mi piace"

  4. Nonna Pitilla ha detto:

    io non scrivo romanzi , paciugo qualche verso, ma racconto favole alla mia nipotina di 4 anni due ogni sera e gliele registro e lei le ascolta prima di addormenatrsi e devo dire che mi capita una cosa che io pensavo molto buffa, le favole le invento sul momento non sono le classiche , prendo un personaggio amimale fiore fanciulla principessa e poi parto non so dove finirò, ma la favola va da sola, prende una sua strada e se ne va, a volte faccio fatica a fermarmi!! lo so che è buffo, ma è come se i personaggi vivessero e si raccontassero…leggere il tuo aricolo mi ha fatto penare che forse non sono del tuto folle ! ahhahah grazie

    Piace a 1 persona

    1. Eh no, sei decisamente in linea cogli scrittori… Quindi potresti pensare anche di scriverle le favole che inventi! Grazie a te

      Piace a 2 people

      1. Nonna Pitilla ha detto:

        Ma non ci ho mai pensato, ma chissà ho le registrazioni chissà!!!

        "Mi piace"

  5. Maria ha detto:

    Sembra assurdo crederlo, ma le testimonianze parlano da sé! Ho letto quella di Silvia, per esempio, e mi ha impressionata 😮
    Davvero interessante 👍

    Piace a 2 people

    1. Si, può sembrare strano davvero…

      Piace a 2 people

  6. walterthinnes ha detto:

    Sorry to respond in English, I assume you have software to translate (as I do to read your excellent blog). As a down to earth manager who took up script writing later in life I was astonished when my characters began speaking back to me in my mind as I wrote. Some clarified their roles in the play, others quite literally changed the plot and their parts in it as I wrote. Some quite strongly objected to what I was writing and I changed their dialogue and the plot because of them. I used to wonder if I was crazy but I have come to understand it as part of my process. Unlike other writers who bang out a daily quota, much of the early writing happens in my brain and my girlfriend has become accustomed to me “going away” for a moment as I craft the story in my cranium. When ready it comes gushing out and I pour it out on the page. Most of the voices come during the editing process as if they are looking over my shoulder. I have come to understand this is still just me working out the endless fictional options one does as he writes. Or perhaps I really am insane.

    I always enjoy reading your medical study summaries. This one hit particularly close to home. Thanks and keep up the good work!

    "Mi piace"

    1. Don’t worry, comments in English are fine! I simply believe that you are a very creative person and your flow of creativity cannot be stemmed by your mind which needs a little time to sort everything out. Thank you so much for the compliments, they push to go on.

      Piace a 1 persona

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.