Come un’alterazione genica modifica il comportamento sociale nell’autismo

This shows a chalk drawing of a brain

Un team di ricercatori del Biozentrum, Università di Basilea, ha scoperto una nuova connessione tra un’alterazione genetica e difficoltà sociali legate all’autismo: una mutazione nel gene neuroligin-3 riduce l’effetto dell’ormone ossitocina. Nella rivista Nature, i ricercatori riportano un approccio terapeutico che potrebbe normalizzare il comportamento sociale nell’autismo. Hanno già ottenuto risultati promettenti in un modello animale. L’autismo si verifica in circa l’uno percento della popolazione ed è caratterizzato da alterazioni della comunicazione, comportamento ripetitivo e difficoltà sociali. Esistono numerosi fattori genetici coinvolti nello sviluppo dell’autismo. Sono stati identificati centinaia di geni diversi, incluso il gene che codifica per la molecola di adesione sinaptica neuroligin-3. I meccanismi con cui questa grande varietà di alterazioni genetiche è correlata ai sintomi dell’autismo sono ancora in gran parte sconosciuti ed è una delle maggiori sfide nello sviluppo di nuovi trattamenti. Il team di ricerca dell’Università di Basilea ha ora scoperto un legame inaspettato tra neuroligin-3, un gene che contribuisce alla probabilità di autismo e la via di segnalazione dell’ossitocina in un modello murino. L’ormone ossitocina regola il comportamento sociale nei mammiferi, in particolare le interazioni sociali. I topi con mutazioni in alcuni geni che mostrano un comportamento tipico legato all’autismo nell’uomo sono usati come sistema modello per studiare l’autismo e aiutare gli scienziati a imparare di più sulla biologia di questa condizione nell’uomo. In tale modello di topo, il team ha dimostrato per la prima volta che una mutazione associata all’autismo nel gene neuroligin-3 interrompe il percorso di segnalazione dell’ossitocina nei neuroni del sistema di ricompensa del cervello nei topi e, di conseguenza, riduce le interazioni sociali tra topi. Inaspettatamente, la perdita di neuroligin-3 influenza l’equilibrio della sintesi proteica in questi neuroni e quindi le risposte neuronali all’ossitocina. È stato già ipotizzato che i segnali mediati dall’ossitocina possano avere un ruolo nell’autismo. Tuttavia, i ricercatori sono rimasti molto sorpresi nello scoprire che le mutazioni nei neuroligin-3 compromettono le vie di segnalazione dell’ossitocina. Sono riusciti a mettere insieme due pezzi del meccanismo alla base dell’autismo. Inoltre, il team di ricerca ha dimostrato che le alterazioni nel sistema dell’ossitocina nei topi con una mutazione neuroligin-3 possono essere ripristinate mediante il trattamento con un inibitore farmacologico della sintesi proteica. Questo trattamento ha normalizzato il comportamento sociale dei topi: come i loro salutari conspecifici, hanno reagito diversamente ai topi familiari o ai topi estranei a loro. È importante sottolineare che lo stesso inibitore ha anche migliorato i sintomi comportamentali in un secondo modello di autismo di roditori, indicando che potrebbe essere applicato più ampiamente nel trattamento dell’autismo. La nuova convergenza scoperta tra tre elementi importanti – un fattore genetico, i cambiamenti nella sintesi delle proteine ​​neuronali e la regolazione del comportamento sociale da parte del sistema dell’ossitocina – fa luce su come possono essere collegati più fattori implicati nell’autismo. Inoltre, i risultati potrebbero aprire nuovi approcci per il trattamento di alcuni aspetti del comportamento sociale in alcuni casi di autismo, ove ciò sia desiderabile.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Rescue of oxytocin response and social behaviour in a mouse model of autism” by Hanna Hörnberg, Enrique Pérez-Garci, Dietmar Schreiner, Laetitia Hatstatt-Burklé, Fulvio Magara, Stephane Baudouin, Alex Matter, Kassoum Nacro, Eline Pecho-Vrieseling & Peter Scheiffele. Nature.

Immagine: The image is credited to University of Basel.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.