Perché ad alcuni bambini piace la TV più di altri

Watching TV Painting by Wim Carrette | Saatchi Art

Il temperamento dei bambini potrebbe guidare la quantità di TV che guardano, secondo una nuova ricerca dell’Università di East Anglia e Birkbeck, Università di Londra. Nuove scoperte appena pubblicate mostrano che le risposte cerebrali dei bambini di 10 mesi potrebbero prevedere se a loro piacerebbe guardare programmi TV frenetici sei mesi dopo. Il team di ricerca afferma che i risultati sono importanti per il dibattito in corso sull’esposizione televisiva precoce. L’ambiente sensoriale che circonda neonati e bambini piccoli è davvero complesso e disordinato, ma la capacità di prestare attenzione a qualcosa è una delle prime pietre miliari dello sviluppo nei bambini. Ancor prima che possano porre domande, i bambini variano notevolmente in quanto spinti ad esplorare l’ambiente circostante e interagire con nuovi luoghi o suoni. I ricercatori volevano scoprire perché i bambini sembrano essere così diversi nel modo in cui cercano una nuova stimolazione sensoriale visiva, come essere attratti da oggetti luccicanti, colori brillanti o immagini in movimento in TV. Ci sono state varie teorie per spiegare queste differenze, con alcune che suggeriscono che i bambini meno sensibili cercheranno meno stimoli, altri suggeriscono che alcuni bambini sono semplicemente più veloci nell’elaborare le informazioni, un’abilità che potrebbe spingerli a cercare nuove stimolazioni più frequentemente. In questo studio forniscono supporto per una terza teoria, dimostrando che una preferenza per la novità fa sì che alcuni bambini cerchino stimoli più vari. Utilizzando un metodo di imaging del cervello noto come elettroencefalografia (EEG), il team di ricerca ha studiato l’attività cerebrale in 48 bambini di 10 mesi mentre guardavano ripetutamente una clip di 40 secondi del film Disney Fantasia. Hanno studiato come le onde cerebrali dei bambini rispondevano alle interruzioni casuali del film, sotto forma di una scacchiera bianca e nera che lampeggiava improvvisamente sullo schermo. Mentre i bambini guardavano il video clip ripetuto, le risposte di EEG hanno detto di averne appreso il contenuto. Si aspettavano che, poiché il video diventava meno nuovo e quindi attirava meno la loro attenzione, avrebbero iniziato a notare la scacchiera. Ma alcuni dei bambini hanno iniziato a rispondere alla scacchiera in precedenza mentre stavano ancora imparando a conoscere il video, suggerendo che questi bambini ne avevano abbastanza delle vecchie informazioni. Al contrario, altri sono rimasti coinvolti nel video anche quando non c’era molto da imparare. Ai genitori e ai caregiver è stato anche chiesto di compilare un questionario sui comportamenti sensoriali dei loro bambini, incluso se si divertivano a guardare programmi TV dai colori vivaci e frenetici. Questo è stato seguito da un secondo questionario simile sei mesi dopo. È stato molto interessante scoprire che le risposte del cervello a 10 mesi, indicando la velocità con cui i bambini hanno spostato la loro attenzione dal video ripetuto alla scacchiera, hanno predetto se si sarebbero divertiti a guardare programmi TV frenetici sei mesi dopo. Questi risultati sono importanti per il dibattito in corso sull’esposizione precoce alla TV poiché suggeriscono che il temperamento dei bambini può determinare differenze nell’esposizione televisiva. È improbabile che questi risultati siano spiegati dalla prima esposizione televisiva poiché i genitori hanno riferito che solo una piccola percentuale di bambini di 10 mesi stava già guardando programmi televisivi. La prossima parte della ricerca mirerà a capire esattamente cosa spinge queste differenze individuali nell’attenzione alla novità, compreso il ruolo che possono avere i primi ambienti. L’esplorazione e la scoperta sono essenziali per l’apprendimento e lo sviluppo cognitivo dei bambini. Tuttavia, bambini diversi possono trarre vantaggio da ambienti diversi per il loro apprendimento. Come tale, questa ricerca aiuterà a capire come gli ambienti individualizzati possano favorire l’apprendimento dei bambini, promuovere il loro sviluppo cognitivo e, in definitiva, supportare il raggiungimento del loro pieno potenziale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Explaining individual differences in infant visual sensory seeking” by Elena Serena Piccardi, Mark H. Johnson, Teodora Gliga. Infancy.

Immagine: Watching TV (Wim Carrette)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    10 mesi….si mette un bambino a 10 mesi davanti alla TV?

    "Mi piace"

  2. vincenza63 ha detto:

    Anche a meno…

    "Mi piace"

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.