Quella vocina nella tua testa, se ce l’hai, organizza i tuoi pensieri

Non è raro di questi tempi trascorrere del tempo da solo con i propri pensieri. Ma cosa si sente, se si sente qualcosa? Molte persone sentono che i loro pensieri prendono la forma di una voce interiore, una sorta di conversazione con se stessi nella loro mente, secondo un nuovo questionario sulle voci interiori sviluppato dai ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison. Altri scoprono (spesso attraverso Internet) questo modo di sperimentare i pensieri e sono completamente confusi dall’idea. È molto più facile vedere le differenze fisiche, che qualcuno possa saltare più in alto di te o correre più veloce. Ma le differenze mascherate – differenze nel modo in cui percepisci qualcosa o come pensi a qualcosa – quelle sono molto più difficili da scoprire. Devi avere persone con cui confrontarsi. Le variazioni nel modo in cui le nostre menti evocano immagini e parole sono un argomento ricorrente per i post su Facebook e Reddit. L’ingegnere informatico Blake Ross ha pubblicato su Facebook nel 2016 un saggio su ciò che ha descritto come “il più vicino a una rivelazione onesta fatta da un vivente: puoi visualizzare le cose nella tua mente”. Ross ha scritto che non poteva. Non una cosa specifica come la faccia di suo padre o una scena generalizzata sulla spiaggia. Migliaia di commenti sono arrivati. Quando un utente di Reddit ha pubblicato un video sui vari modi in cui le persone descrivono i propri pensieri, molti commentatori hanno espresso confusione. “A volte reagisco a qualcosa e lo dico nella mia testa invece che ad alta voce, ma questo non è un evento che dura tutto il giorno, tutti i giorni”, ha scritto un commentatore. “Pensare come schemi? Non so cosa significhi … Mi sento sconcertato da tutto questo.” I precedenti questionari sulle voci interiori si sono concentrati su domande diverse: ad esempio, una voce interiore serve come metodo di autovalutazione o per fornire motivazione. Quello che i ricercatori stanno guardando è una propensione. Con che frequenza le persone riferiscono di fare queste cose? Questa idea del linguaggio interiore non è stata studiata molto e questa misura la fornisce il contesto di cose come le immagini visive e le immagini ortografiche (visualizzazione di testo). Solo il 19% dei 232 intervistati del nuovo questionario (tutti adulti) non è d’accordo con l’affermazione: “Quando penso, sento le parole nell’orecchio della mia mente”. Il 16% non è d’accordo con l’affermazione: “Penso ai problemi nella mia mente sotto forma di conversazione con me stesso”. E mentre le risposte al questionario confermano la confusione aneddotica nelle discussioni online, contraddicono anche il modo in cui gli intervistati immaginano la vita interna degli altri. Le persone che dicono che non sperimentano realmente il linguaggio interiore, presumono che nemmeno gli altri lo facciano. E qualcuno che ha molte esperienze, presume che lo facciano anche gli altri. È interessante, però, che non ci siano prove di bimodalità – che o senti i pensieri in questo modo o non lo fai. Alla gente piacciono le categorie e i tipi, ma la realtà è che le persone cadono in un continuum da poco a molto. I risultati sono stati stabili nel tempo, con soggetti che hanno ottenuto livelli simili di attività della voce interiore in questionari somministrati a distanza di mesi e hanno dato ai ricercatori l’opportunità di studiarne la relazione con altri aspetti del loro pensiero. In un esperimento, ai partecipanti sono state mostrate le immagini di un oggetto, seguite da una parola che descriveva o meno l’oggetto raffigurato. Tutto quello che dovevano fare era dire ai ricercatori se l’immagine e la parola corrispondevano. Ma c’è stato un intoppo. A volte le coppie non corrispondenti venivano scelte, come l’immagine di un albero seguita dalla parola “chiave”. La cosa bella è che le persone che dicono di esprimere i propri pensieri in misura maggiore impiegano molto più tempo a rispondere se quelle immagini e parole sono abbinabili. Anche se le parole non vengono mai dette ad alta voce, sono rallentate da combinazioni come chiave e albero o orso e capelli o lumaca e balena. Le persone i cui risultati del questionario mostrano che si inclinano verso le immagini ortografiche – vedere le parole come pensano – sono inciampate in un diverso tipo di relazione. Sono state più lente a rispondere se la parola per l’immagine che veniva mostrata e la parola effettiva che hanno visto erano simili quando sono state scritte entrambe. Ci sono parole che vengono rappresentate visivamente in modo diverso ma sono scritte in modi molto simile. Quindi, le persone che dicono di pensare più frequentemente vedendo le parole scritte, impiegano più tempo per risolvere questo problema quando c’è somiglianza visiva con le parole, di nuovo, anche se l’immagine che hanno visto non contiene alcun testo. È la prova che le differenze nelle rappresentazioni visive e “udibili” nella loro mente sono collegate alle differenze nel modo in cui organizzano i loro pensieri. Nella misura in cui qualcuno sta usando il linguaggio più nella cognizione momento per momento, il linguaggio può anche allineare i loro spazi mentali. Costruire un modo per descrivere in modo coerente le differenze personali nella verbalizzazione interna e nelle immagini visive o ortografiche può aiutare i ricercatori che cercano di studiare diverse modalità di allineamento. Le persone che ottengono un punteggio basso nel linguaggio interiore, sono molto meno dettagliate su come sono le loro esperienze. La gente dice cose come “penso per idee “o” penso per concetti “e non è veramente chiaro cosa sia. Essere in grado di identificare queste persone apre la possibilità di una migliore comprensione di come stanno pensando.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Internal Representations Questionnaire: Measuring modes of thinking” by Hettie Roebuck et al. Behavior Research Methods.

Immagine: dominio pubblico

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviacavalieri ha detto:

    Io ho la vocina da sempre!

    "Mi piace"

    1. Ed immagino che ti aiuti ad organizzare i pensieri…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.