Perché il cervello è programmato per vedere i volti negli oggetti quotidiani

Se tendi a notare facce negli oggetti inanimati intorno a te come la faccia accigliata di una casa, una palla da bowling sorpresa o una mela che fa smorfie, non sei solo. ‘Face pareidolia’ – il fenomeno di vedere i volti negli oggetti di uso quotidiano – è una condizione molto umana che si riferisce al modo in cui il nostro cervello è cablato. E ora una ricerca dell’UNSW Sydney ha dimostrato che elaboriamo questi volti “falsi” utilizzando gli stessi meccanismi visivi del cervello che utilizziamo per quelli reali. In un articolo pubblicato sulla rivista Psychological Science, i ricercatori della UNSW Science’s School of Psychology, affermano che vedere i volti negli oggetti di uso quotidiano è molto comune, il che è evidenziato dai molti meme e pagine web ad esso dedicate su Internet. Le pagine su siti Web come Flickr e Reddit hanno accumulato migliaia di fotografie di oggetti di uso quotidiano che assomigliano a volti, fornite da utenti di tutto il mondo. Una caratteristica sorprendente di questi oggetti è che non solo sembrano volti, ma possono anche trasmettere un senso di personalità o significato sociale. Ad esempio, le finestre di una casa potrebbero sembrare come due occhi che ti guardano e un peperone potrebbe avere un aspetto felice sul suo volto. Ma perché si verifica la pareidolia del viso? Per rispondere a questa domanda dobbiamo guardare a cosa comporta la percezione del viso. Sebbene i volti umani abbiano tutti un aspetto leggermente diverso, condividono caratteristiche comuni, come la disposizione spaziale degli occhi e della bocca. Questo modello di base di caratteristiche che definisce il volto umano è qualcosa su cui il nostro cervello è particolarmente in sintonia ed è probabile che sia ciò che attira la nostra attenzione sugli oggetti nella pareidolia. Ma la percezione del viso non consiste solo nel notare la presenza di un volto. Dobbiamo anche riconoscere chi è quella persona e leggere le informazioni dal suo volto, ad esempio se sta prestando attenzione a noi e se è felice o turbata. Questo processo si basa su parti del nostro cervello specializzate per estrarre questo tipo di informazioni da ciò che vediamo. Nello studio i ricercatori hanno testato se gli stessi meccanismi nel cervello che estraggono importanti informazioni sociali quando una persona guarda un’altra si attivano anche quando sperimentiamo la pareidolia del viso. Lo hanno testato utilizzando il processo noto come “adattamento sensoriale”, una sorta di illusione visiva in cui la propria percezione è influenzata da ciò che è stato visto di recente. Se ti vengono ripetutamente mostrate immagini di volti che guardano verso la tua sinistra, ad esempio, la tua percezione cambierà effettivamente nel tempo in modo che i volti sembrino guardare più a destra di quanto non siano in realtà. Ci sono prove che questo riflette una sorta di processo di assuefazione nel cervello, in cui le cellule coinvolte nel rilevamento della direzione dello sguardo cambiano la loro sensibilità quando siamo ripetutamente esposti a volti con una particolare direzione dello sguardo. Ad esempio, le persone che sono state ripetutamente esposte a volti che guardavano a sinistra, quando si presentavano con una faccia che li guardava direttamente, avrebbero detto che gli occhi dell’altro guardavano un po ‘a destra. Questo fenomeno è stato notato in studi precedenti. Hanno scoperto che l’esposizione ripetuta a volti di pareidolia che trasmetteva una specifica direzione di attenzione (ad esempio, oggetti che sembravano ‘guardare verso sinistra’) ha causato un cambiamento nella percezione di dove guardano i volti umani. Questa è la prova della sovrapposizione nei meccanismi neurali che sono attivi quando sperimentiamo la pareidolia del viso e quando guardiamo i volti umani. Ciò significa, dicono i ricercatori, che se senti che un oggetto pareidolia ti sta guardando o trasmette una sorta di emozione, potrebbe essere perché le caratteristiche dell’oggetto stanno attivando meccanismi nel tuo cervello progettati per leggere un tipo di informazioni da volti umani. Quindi I ricercatori pensano che la pareidolia del viso sia una sorta di illusione visiva. Sappiamo che l’oggetto non ha realmente una mente, ma non possiamo fare a meno di vederlo come dotato di caratteristiche mentali come una ‘direzione dello sguardo’ a causa dei meccanismi nel nostro sistema visivo che si attivano quando rilevano un oggetto con lineamenti simili a una faccia. La pareidolia del viso è possibile che sia un prodotto della nostra evoluzione, osservando che gli studi hanno osservato il fenomeno tra le scimmie, suggerendo che la funzione cerebrale è stata ereditata dai primati. Il nostro cervello si è evoluto per facilitare l’interazione sociale e questo modella il modo in cui vediamo il mondo che ci circonda. C’è un vantaggio evolutivo nell’essere veramente bravi o davvero efficienti nel rilevare i volti, è importante per noi socialmente. È anche importante per rilevare i predatori. Quindi, se ti sei evoluto per essere molto bravo a rilevare i volti, questo potrebbe portare a falsi positivi, in cui a volte vedi volti che non sono realmente presenti. Un altro modo per dirlo è che è meglio avere un sistema che sia eccessivamente sensibile al rilevamento dei volti, piuttosto che uno che non sia abbastanza sensibile. Oltre a confermare il modo in cui il nostro cervello processa i volti, lo studio potrebbe sollevare nuove domande sulla nostra comprensione dei disturbi cognitivi relativi al riconoscimento facciale. Comprendere la percezione del viso è importante quando si considerano condizioni o tratti come la prosopagnosia del viso, che è l’incapacità di riconoscere i volti, e lo spettro dell’autismo, che può includere difficoltà nel leggere le informazioni dai volti di altre persone, come il loro stato emotivo. E quindi l’obiettivo a lungo termine di questo tipo di ricerca è capire come possono verificarsi difficoltà nella percezione del viso e nel funzionamento sociale quotidiano. Successivamente, i ricercatori intendono indagare più in dettaglio i meccanismi cerebrali specifici coinvolti nella “lettura” delle informazioni sociali dal viso di un’altra persona e se questi meccanismi possono funzionare in modo diverso in persone diverse.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Face Pareidolia Recruits Mechanisms for Detecting Human Social Attention” by Colin J. Palmer et al. Psychological Science.

Immagine: dominio pubblico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.