Lo stress e la rabbia possono esacerbare l’insufficienza cardiaca

Lo stress mentale e la rabbia possono avere implicazioni cliniche per i pazienti con insufficienza cardiaca secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Cardiac Failure. L’insufficienza cardiaca è una malattia cardiovascolare pericolosa per la vita in cui il cuore è danneggiato o indebolito. Ciò può portare a una frazione di eiezione ridotta, in cui il muscolo cardiaco pompa una quantità di sangue inferiore a quella tipica di ciascuna contrazione. In questo studio su pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, gli autori – compresi i ricercatori di Yale – hanno valutato gli effetti dello stress e della rabbia sulla funzione diastolica. La funzione diastolica descrive la capacità del cuore di rilassarsi e ricaricarsi tra le contrazioni muscolari ed è predittiva del rischio di mortalità. Per una settimana, i partecipanti hanno completato questionari giornalieri sulle loro esperienze di stress, rabbia ed emozioni negative durante le 24 ore precedenti. I partecipanti hanno quindi completato un protocollo standardizzato di “stress mentale” in cui hanno risolto problemi aritmetici impegnativi e hanno descritto una recente esperienza stressante. Sono stati eseguiti ecocardiogrammi per valutare la funzione diastolica a riposo e durante l’attività di stress. I ricercatori hanno detto che i pazienti che hanno riferito di aver sperimentato rabbia nella settimana prima del protocollo di stress mentale di laboratorio hanno mostrato una pressione diastolica a riposo di base peggiore. Inoltre, la maggior parte dei pazienti ha mostrato cambiamenti provocati dallo stress nella funzione diastolica, tra cui una diminuzione del rilassamento precoce e un aumento della pressione diastolica. Lo stress mentale è comune nei pazienti con insufficienza cardiaca a causa in parte della complessità dell’autogestione della malattia, del progressivo peggioramento dei limiti funzionali e delle frequenti esacerbazioni dei sintomi e dei ricoveri. Hanno le prove che i pazienti che sperimentano livelli di stress cronicamente elevati sperimentano un decorso della malattia più gravoso con una qualità della vita ridotta e un aumento del rischio di eventi avversi. Chiarire i percorsi comportamentali e fisiologici rilevanti è particolarmente importante nell’era del COVID-19, quando i fattori di stress tipici dello scompenso cardiaco possono essere ulteriormente aggravati da fattori di stress legati alla pandemia. Fattori come lo stress mentale e la rabbia spesso non vengono riconosciuti e vengono sottovalutati. Questo studio contribuisce alla vasta letteratura che mostra che lo stress e la rabbia influenzano i risultati clinici per i pazienti con malattie cardiache, aggiungendo l’insufficienza cardiaca cronica alla lista che include la cardiopatia ischemica (arterie ristrette) e la malattia aritmica. Mentre la gestione dello stress e le tecniche correlate hanno dimostrato di ridurre il rischio di eventi avversi tra i pazienti con cardiopatia ischemica (arterie ristrette), è necessario ulteriore lavoro per identificare i fattori che aumentano la vulnerabilità agli effetti dello stress nell’insufficienza cardiaca e determinare se la gestione dello stress può migliorare i risultati per questi pazienti.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Impact of Mental Stress and Anger on Indices of Diastolic Function in Patients with Heart Failure” by Kristie M. Harris, John S. Gottdiener, Stephen S. Gottlieb, Matthew M. Burg, Shuying Li, David S. Krantz. Journal of Cardiac Failure.

Immagine: Anger (Balazs Konrad)

5 commenti Aggiungi il tuo

    1. Si… Bisognerebbe stressarsi il meno possibile…

      Piace a 1 persona

      1. sunusaix ha detto:

        Come? 😀

        "Mi piace"

      2. Ah, questo proprio è difficile… Fortificandosi per essere immuni alle criticità della vita, ma è molto difficile…

        Piace a 1 persona

Rispondi a sunusaix Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.