Uno studio identifica la connessione sociale come il più forte fattore protettivo per la depressione

True Friendship Painting by Ibibo Briggs

I ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno identificato una serie di fattori modificabili da un campo di oltre 100 che potrebbero rappresentare obiettivi preziosi per prevenire la depressione negli adulti. In uno studio pubblicato sull’American Journal of Psychiatry, il team ha definito la connessione sociale il più forte fattore protettivo per la depressione e ha suggerito che la riduzione delle attività sedentarie come guardare la TV e sonnecchiare durante il giorno potrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di depressione. La depressione è la principale causa di disabilità in tutto il mondo, ma fino ad ora i ricercatori si sono concentrati solo su una manciata di fattori di rischio e di protezione, spesso solo in uno o due domini. Questo studio fornisce il quadro più completo fino ad oggi di fattori modificabili che potrebbero avere un impatto sul rischio di depressione. A tal fine, i ricercatori hanno adottato un approccio in due fasi. La prima fase si è basata su un database di oltre 100.000 partecipanti alla Biobank del Regno Unito, uno studio di coorte di fama mondiale sugli adulti, per esaminare sistematicamente un’ampia gamma di fattori modificabili che potrebbero essere associati al rischio di sviluppare la depressione, comprese l’interazione sociale, l’uso dei media, sonno, dieta, attività fisica ed esposizioni ambientali. Questo metodo, noto come ExWAS (ExWAS), è analogo agli studi di associazione sull’intero genoma (GWAS) che sono stati ampiamente utilizzati per identificare i fattori di rischio genetici per la malattia. La seconda fase ha preso i candidati modificabili più forti da ExWAS e ha applicato una tecnica chiamata randomizzazione mendeliana (MR) per indagare su quali fattori possono avere una relazione causale con il rischio di depressione. Questo approccio in due fasi ha permesso ai ricercatori di MGH di restringere il campo a un insieme più piccolo di obiettivi promettenti e potenzialmente causali per la depressione. Di gran lunga il più importante di questi fattori era la frequenza di confidarsi con gli altri, ma anche le visite alla famiglia e gli amici, che hanno tutti evidenziato l’importante effetto protettivo della connessione sociale e della coesione sociale. Questi fattori sono rilevanti ora più che mai in un momento di allontanamento sociale e separazione da amici e familiari. Gli effetti protettivi della connessione sociale erano presenti anche per gli individui che erano a maggior rischio di depressione a causa della vulnerabilità genetica o di traumi precoci. D’altra parte, i fattori associati al rischio di depressione includevano il tempo trascorso a guardare la TV, anche se gli autori notano che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se tale rischio fosse dovuto all’esposizione mediatica di per sé o se il tempo davanti alla TV fosse un indicatore dell’essere sedentario. Forse più sorprendente, la tendenza al sonnellino diurno e l’uso regolare di multivitaminici sembra essere associata al rischio di depressione, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per determinare come questi potrebbero contribuire. Lo studio MGH dimostra un nuovo importante approccio per la valutazione di un’ampia gamma di fattori modificabili e l’utilizzo di questa evidenza per dare la priorità agli obiettivi per gli interventi preventivi per la depressione. La depressione ha un costo enorme per gli individui, le famiglie e la società, ma sappiamo ancora molto poco su come prevenirla. Hanno dimostrato che ora è possibile affrontare queste questioni di ampia rilevanza per la salute pubblica attraverso un approccio su larga scala basato sui dati che non era disponibile nemmeno pochi anni fa. Ci si augura che questo lavoro motiverà ulteriori sforzi per sviluppare strategie attuabili per prevenire la depressione. L’approccio a due fasi dello studio potrebbe essere utilizzato anche per informare circa la prevenzione di altre condizioni di salute.

Daniele Corbo

Bibliografia: “An Exposure-Wide and Mendelian Randomization Approach to Identifying Modifiable Factors for the Prevention of Depression” by Karmel W. Choi et all. American Journal of Psychiatry.

Immagine: True Friendship (Ibibo Briggs)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.