Per percepire i volti, il tuo cervello si basa su un processo simile ai sistemi di riconoscimento facciale del computer

Immagina se ogni volta che guardi un viso, un lato del viso apparisse sempre distorto come se si stesse sciogliendo, simile a un dipinto di Salvador Dalí. Questo è il caso delle persone che hanno una rara condizione nota come emi-prosopometamofosia (emi-PMO), che rende fastidioso guardare i volti. Secondo un nuovo studio pubblicato su Current Biology , alcune persone con emi-PMO vedono distorsioni nella stessa metà del viso di una persona indipendentemente da come viene visto il viso. I risultati dimostrano che il nostro sistema visivo standardizza tutti i volti che percepiamo utilizzando lo stesso processo in modo che possano essere migliori rispetto ai volti che abbiamo visto prima. Ogni volta che vediamo un volto, il cervello regola la nostra rappresentazione di quel volto in modo che le sue dimensioni, il punto di vista e l’orientamento corrispondano ai volti archiviati in memoria, proprio come i sistemi di riconoscimento facciale dei computer come quelli utilizzati da Facebook e Google. Allineando il viso percepito con i volti archiviati in memoria, è molto più facile per noi determinare se il viso è quello che abbiamo visto prima. L’emi-PMO è una malattia rara che può verificarsi dopo un danno cerebrale. Quando una persona con questa condizione guarda un viso, i tratti del viso su un lato del viso appaiono distorti. L’esistenza dell’emi-PMO suggerisce che le due metà del viso vengono elaborate separatamente. La condizione di solito si dissolve nel tempo, il che rende difficile lo studio. Di conseguenza, si sa poco della condizione o di ciò che rivela su come funziona normalmente l’elaborazione del volto umano. L’attuale studio si è concentrato su un uomo destro sulla sessantina (“Paziente AD”) con emi-PMO i cui sintomi persistono da anni. Come molti con questa condizione, le sue distorsioni erano causate da un danno a un fascio di fibre chiamato splenio che collega le aree visive nell’emisfero sinistro e nell’emisfero destro del suo cervello. Cinque anni fa, mentre AD stava guardando la televisione, ha notato che la metà destra dei volti delle persone sembrava essersi sciolta. Eppure, la parte sinistra dei loro volti sembrava normale. Si guardò allo specchio il proprio viso e notò che anche il lato destro del suo riflesso era distorto. Al contrario, l’AD non vede distorsioni in altre parti del corpo o oggetti. Lo studio ha coinvolto due esperimenti. Nel primo, AD è stato presentato con immagini di volti umani e immagini senza volto come oggetti, case e automobili, e gli è stato chiesto di riferire sulle distorsioni. Per 17 dei 20 volti, ha visto distorsioni. Le distorsioni erano sempre sul lato destro del viso e i tratti del viso di solito sembravano abbassati. Ad esempio, in una delle facce, AD riferì che l’occhio destro sembrava molto più grande dell’occhio sinistro mentre il sopracciglio destro, il lato destro del naso e il lato destro delle labbra penzolavano tutti in modo innaturale. Due delle fotografie del viso che non hanno provocato una distorsione hanno mostrato viste del profilo destro in cui il lato destro del viso non era visibile. Coerentemente con le sue esperienze quotidiane, AD non ha visto distorsioni in nessuna delle immagini senza volto. Per la seconda parte dello studio, AD ha riferito di distorsioni che ha visto in 15 volti diversi che sono stati presentati in una varietà di modi: nel campo visivo sinistro e destro, a diverse rotazioni di profondità ea quattro rotazioni del piano dell’immagine – 0 gradi o verticale, 90 gradi, 180 gradi o capovolto e 270 gradi. Indipendentemente da come sono stati presentati i volti, AD ha continuato a segnalare che le distorsioni interessavano gli stessi tratti del viso. Ad esempio, anche quando un viso veniva presentato capovolto, AD continuava a vedere i tratti del viso distorti sul lato destro del viso anche se la distorsione ora appariva sul lato sinistro dello stimolo (la regione ombreggiata di rosso nelle facce nella riproduzione della Figura). La coerenza della posizione della distorsione di AD dimostra che i volti, indipendentemente dal punto di vista o dall’orientamento, sono allineati allo stesso modello simile a quello che fanno i sistemi di riconoscimento facciale del computer. Nel caso di AD, l’uscita da quel processo viene interrotta mentre passa da un emisfero cerebrale all’altro a causa della sua lesione dello splenio. Questo studio è molto informativo sia perché permette di conoscere meglio un raro disturbo, ma in generale aggiunge conoscenze al modo in cui il cervello elabora i volti.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Face-Specific Perceptual Distortions Reveal A Viewand Orientation-Independent Face Template” by Brad Duchaine et al. Current Biology.

Immagine: The image is credited to the researchers.

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. scienziatimatti ha detto:

    Diciamo che semmai sono i sistemi di riconoscimento facciale dei computer che funzionano come i nostri cervelli, non viceversa 😉

    "Mi piace"

    1. Era per far capire il modo in cui opera il cervello, visto che molti conoscono il modo di funzionare dei computer. ☺️

      "Mi piace"

  2. zoon ha detto:

    Ma la prosopometamofosia è la prosopagnosia? Soffro della seconda, ma i sintomi mi sembrano gli stessi della prima…

    "Mi piace"

    1. Chi è affetto da prosopagnosia è incapace di riconoscere i volti, mentre chi ha la prosometamofosia vede la metà dei volti deformata, ma è in grado di riconoscerli.

      Piace a 1 persona

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Che lettura interessante!
    Grazie

    "Mi piace"

    1. Grazie mille cara Luisa. Un abbraccio🤗

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.