Come i bambini di 12 mesi codificano e ricordano gli oggetti

Seeds of life, newborn baby with blue Painting by Adelacreative ...

Anche per i bambini che iniziano a pronunciare le prime parole, il modo in cui un oggetto viene chiamato guida la codifica, la rappresentazione e la memoria dei bambini per quell’oggetto, secondo una nuova ricerca della Northwestern University. Codificare gli oggetti nella memoria e richiamarli in seguito è fondamentale per la cognizione umana ed emerge nell’infanzia. Le prove di un nuovo compito di riconoscimento della memoria rivelano che, poiché codificano gli oggetti, i bambini sono sensibili a un collegamento di principio tra la denominazione e la rappresentazione degli oggetti dai 12 mesi. Durante l’addestramento, tutti i bambini hanno visto quattro oggetti distinti della stessa categoria di oggetti, ciascuno introdotto insieme allo stesso nuovo nome (condizione nome coerente), un nome nuovo distinto per ogni oggetto (condizione nomi distinti), o la stessa sequenza di toni sinusoidale (condizione di tono coerente). I ricercatori hanno quindi verificato se i bambini ricordassero quali oggetti avevano appena visto durante l’allenamento. Per fare ciò, i bambini hanno rivisto ogni oggetto dell’addestramento, questa volta presentato in silenzio insieme a un nuovo oggetto della stessa categoria di oggetti. La memoria dei bambini per i singoli oggetti era sensibile al modo in cui erano stati nominati. I neonati nella condizione di nome coerente hanno mostrato una scarsa memoria di riconoscimento al test, suggerendo che i nomi applicati in modo coerente li focalizzavano principalmente sugli elementi in comune tra gli oggetti nominati a scapito delle distinzioni tra loro. Al contrario, i bambini nella condizione dei nomi distinti riconoscevano tre dei quattro oggetti, suggerendo che l’applicazione di nomi distinti migliorava la codifica dei bambini delle distinzioni tra i singoli oggetti. Hanno mostrato che il modo in cui viene denominato un oggetto, sia come membro di una categoria, ad esempio “Questo è un cane” o come individuo unico, ad esempio, “Questo è Fido”, è determinante per i bambini di 12 mesi- la codifica e la memoria dei bambini per quell’oggetto. Quando lo stesso nome viene applicato in modo coerente a un insieme di oggetti, i bambini codificano principalmente le loro caratteristiche comuni. Al contrario, quando un nome univoco viene applicato a ogni oggetto, i bambini codificano le caratteristiche uniche di ogni oggetto. Ciò fornisce la prima dimostrazione che per i bambini di appena 12 mesi di età, se e come un oggetto è nominato ha conseguenze rapide e concettualmente precise sulla rappresentazione di quell’oggetto da parte dei bambini. Inoltre, la precisione delle risposte dei bambini rivela che dare un nome agli oggetti, anche un singolo episodio di denominazione, può avere un impatto duraturo sul modo in cui i bambini codificano quell’oggetto, lo rappresentano nella memoria e lo ricordano in seguito. I ricercatori hanno affermato che questo lavoro getta nuova luce sul vantaggio potente e ben documentato della denominazione sulla categorizzazione degli oggetti infantili, lasciando pochi dubbi sul fatto che nominare un insieme di oggetti individuali distinti con lo stesso nome invita i bambini a formare una categoria di oggetti. In questo articolo hanno dimostrato che sentire lo stesso nome per gli oggetti invita i bambini a concentrarsi sulle caratteristiche comuni tra gli oggetti, ma a scapito di ricordare le caratteristiche che sono uniche per ogni individuo. Le nuove prove aprono nuove strade per future indagini. In primo luogo, poiché l’attuale esperimento si è concentrato esclusivamente su nomi nuovi, rimane una questione aperta in che modo nomi familiari, ad esempio, ‘Fido’ o ‘cane’, influenzano le rappresentazioni degli oggetti dei bambini. Affrontare questa questione dovrebbe anche far luce sui dibattiti attuali riguardanti il ​​legame tra linguaggio e cognizione negli adulti. In secondo luogo, sarà importante specificare gli effetti della denominazione sulle rappresentazioni degli oggetti dei bambini durante il primo anno di vita. Sappiamo che la denominazione supporta la creazione di categorie di oggetti in modo coerente per tutto il primo anno, a partire dai 3 mesi di età. Ciò che rimane sconosciuto è se la denominazione conferisca i suoi benefici tramite gli stessi meccanismi durante questo periodo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Naming guides how 12-month-old infants encode and remember objects” by Alexander S. LaTourrette and Sandra R. Waxman. PNAS.

Immagine: Seeds of life, newborn baby with blue (Adelacreative Adela Trifan)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.