Il rischio di Alzheimer è collegato a schemi di sonno specifici?

Sleeping Man paintings

I disturbi del sonno non causano la malattia di Alzheimer, ma le persone che sono ad alto rischio genetico di sviluppare la malattia di Alzheimer possono avere maggiori probabilità di essere una “persona mattiniera”, hanno una durata del sonno più breve e altre misure di disturbo del sonno e hanno meno probabilità di avere l’insonnia, secondo uno studio pubblicato nel numero online di Neurology del 19 agosto 2020. Sappiamo che le persone con malattia di Alzheimer spesso riferiscono depressione e vari problemi di sonno, come l’insonnia. I ricercatori volevano scoprire se ci sono relazioni causali tra diversi modelli di sonno e depressione e Alzheimer. Per valutare la relazione tra diversi modelli di sonno, disturbo depressivo maggiore e morbo di Alzheimer, i ricercatori hanno analizzato il risultato di diversi studi genetici raccolti da database che includevano: 21.982 persone con diagnosi di Alzheimer rispetto a 41.944 senza Alzheimer; 9.240 con disturbo depressivo maggiore che sono stati confrontati con 9.519 senza disturbo depressivo maggiore; e 446.118 persone con misurazioni delle caratteristiche legate al sonno. Il rischio di Alzheimer è stato determinato sulla base di studi genetici in cui l’Alzheimer è stato diagnosticato mediante autopsia o esame clinico. I ricercatori hanno analizzato le informazioni genetiche utilizzando un disegno di studio chiamato randomizzazione mendeliana che può determinare se c’è causa ed effetto. I ricercatori non hanno trovato prove che le caratteristiche legate al sonno causassero la malattia di Alzheimer. Inoltre, non hanno trovato prove di causa ed effetto tra disturbo depressivo maggiore e Alzheimer. I ricercatori hanno trovato una piccola associazione tra quanto segue: le persone con il doppio del rischio genetico per la malattia di Alzheimer avevano l’1% di probabilità in più di definirsi “persone mattiniere” rispetto alle persone a minor rischio genetico; e le persone con il doppio del rischio genetico di Alzheimer avevano un rischio inferiore dell’1% di insonnia. Tuttavia, questo effetto di questa associazione è piccolo e mostra solo un possibile collegamento, non causa ed effetto. Una limitazione dello studio era che la maggior parte delle persone nello studio erano di discendenza europea, quindi i risultati potrebbero non essere applicabili a persone di diversa etnia.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Sleep, major depressive disorder and Alzheimer’s disease: A Mendelian randomisation study” by Jian Huang, Verena Zuber, Paul M. Matthews, et al. Neurology.

Immagine: Old Man Sleeping Portrait (GREG CARTMELL)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.