Quantità elevate di “ormone della fame” aumenta la probabilità negli adolescenti di PTSD

Lo stress cronico aumenta un ormone scoperto nel 1999 da un gruppo di ricercatori giapponesi, chiamato acil-grelina. Stiamo parlando di una proteina, un peptide acilato di 28 aminoacidi prodotto principalmente dallo stomaco, il quale dopo anni dall’esposizione iniziale a fattori di stress traumatico in alcuni adolescenti, quelli con livelli elevati dell’ormone, genera maggiori probabilità di sviluppare disturbo post-traumatico da stress (PTSD) e di soffrire dei più gravi casi della condizione. Questo è il risultato di uno studio condotto dai ricercatori della Icahn School of Medicine del Monte Sinai e pubblicato il 20 agosto su JAMA Network Open. L’acil-grelina, rilasciato anche nel pancreas durante i periodi di esaurimento energetico, era originariamente definito un “ormone della fame”, ma i ricercatori del Mount Sinai sostengono che è più appropriatamente classificato come un ormone dello stress e che la fame è una conseguenza dello stress. L’acil-grelina può essere un “anello mancante” mediante il quale lo stress cronico produce cambiamenti duraturi nel cervello che aumentano il rischio di malattie mentali. In particolare, il team di ricerca ha scoperto che le probabilità di sviluppare PTSD erano quasi otto volte maggiori negli adolescenti esposti a traumi con acil-grelina moderatamente elevati, rispetto agli adolescenti esposti a traumi con bassi livelli dell’ormone. Quelli con i livelli più alti di acil-grelina hanno tutti sviluppato PTSD e la gravità dei sintomi era direttamente correlata ai livelli di acil-grelina, sia negli adolescenti che soddisfacevano i criteri per il PTSD sia in quelli che potrebbero essere considerati affetti da disturbo post-traumatico da stress “sotto la soglia”. I ricercatori misurarono anche il cortisolo, un altro ormone spesso pensato come mediatore degli effetti dello stress nel cervello e nel corpo, ma è emerso che fosse l’acil-grelina da sola, piuttosto che il cortisolo o la combinazione di entrambi gli ormoni, che spiegava la maggior parte della variabilità nella gravità dei sintomi di PTSD, suggerendolo come un biomarcatore particolarmente potente del disturbo. Il lavoro precedente del loro laboratorio, utilizzando modelli di roditori di PTSD, ha dimostrato che l’acil-grelina era aumentata dall’esposizione allo stress cronico per mesi dopo l’esposizione e che questo aumento era responsabile dei cambiamenti nel cervello che hanno portato a ricordi di paura eccessivamente forti in roditori, simili a quelli osservati negli esseri umani con PTSD. Hanno anche precedentemente dimostrato che negli adolescenti umani l’esposizione a gravi fattori di stress traumatici ha portato a un aumento a lungo termine dell’ormone, per anni dopo la fine dell’esposizione a fattori di stress. Questo studio ha esteso questi studi precedenti chiedendosi se i livelli di acil-grelina osservati anni dopo l’esposizione al trauma negli adolescenti umani siano correlati al rischio e alla gravità di PTSD. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno condotto uno studio trasversale su 49 adolescenti che avevano subito gravi traumi e 39 partecipanti sani e di controllo abbinati. I ragazzi del gruppo traumatizzato hanno subito un attacco terroristico e sono rimasti feriti o hanno perso un genitore, un parente o un amico intimo a seguito dell’attacco. I bambini del gruppo di controllo non hanno subito perdite o feriti associati al terrore. L’acil-grelina e il cortisolo sono stati misurati rispettivamente in campioni di sangue e saliva e a tutti i partecipanti è stata somministrata la lista di controllo PTSD – versione civile, una scala di valutazione standardizzata per PTSD. La loro osservazione di un’associazione tra acil-grelina e PTSD negli adolescenti che hanno subito traumi gravi motiva ulteriori ricerche per indagare i meccanismi alla base dell’innalzamento dell’ormone indotto dal trauma. I ricercatori suggeriscono che le banche del sangue che raccolgono campioni di pazienti con disturbo post-traumatico da stress dovrebbero utilizzare metodi che preservano l’acil-grelina per l’analisi, poiché l’ormone può essere facilmente misurato in piccole quantità di sangue. Ci si augura che l’abbassamento dei livelli di acil-grelina negli esseri umani traumatizzati riduca il rischio e la gravità del successivo disturbo da stress post-traumatico. È possibile inoltre che la produzione dell’ormone indotta dallo stress possa anche avere un impatto su altri circuiti cerebrali che predispongono gli individui a malattie aggiuntive oltre al disturbo da stress post-traumatico. Nel frattempo, misurare i livelli dell’ormone negli individui esposti allo stress può identificare alcuni di coloro che sono a rischio di sviluppare PTSD in modo che possano essere avviati interventi terapeutici precoci per prevenire lo sviluppo del disturbo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of Acyl-Ghrelin With Posttraumatic Stress Disorder in Adolescents Who Experienced Severe Trauma” by Ki Goosens et al. JAMA Network Open.

Immagine: ADOLESCENCE (Tomasa Martin)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.