Il consumo frequente di bevande analcoliche può rendere gli adolescenti più aggressivi

Soda Time Painting by Artist Anthony Flake | Saatchi Art

Uno studio dell’Università dell’Alabama a Birmingham ha dimostrato che il consumo frequente di bevande analcoliche da parte degli adolescenti può contribuire a un comportamento aggressivo nel tempo. Studi precedenti hanno dimostrato associazioni tra consumo di bevande analcoliche e problemi di salute mentale negli adolescenti. Lo studio pubblicato sul Journal of Adolescent Health ha identificato il consumo di bevande analcoliche come un probabile predittore di comportamento aggressivo. Nonostante le politiche di salute pubblica volte a ridurre il consumo di bevande zuccherate da parte dei bambini, come le tasse sulle bibite gassate e i divieti di soda nelle scuole, il consumo di bevande zuccherate da parte dei giovani negli Stati Uniti rimane un significativo problema di salute pubblica. Le relazioni reciproche sono state analizzate mostrando che il consumo di bevande analcoliche prediceva un aumento del comportamento aggressivo nel tempo. Lo studio ha mostrato che il consumo di bevande analcoliche all’età di 11 e 13 anni ha predetto un comportamento più aggressivo al momento successivo. Il comportamento aggressivo all’età di 13 anni prediceva anche un maggiore consumo di bevande analcoliche all’età di 16 anni. Il consumo di bevande analcoliche all’età di 13 anni prediceva meno sintomi depressivi, ma i sintomi depressivi non predicevano il consumo di bevande analcoliche. I risultati di questo studio suggeriscono che la riduzione dell’assunzione di bevande analcoliche da parte degli adolescenti può ridurre il comportamento aggressivo, ma non i sintomi depressivi. Le interviste a 5.147 bambini e ai loro caregiver sono state condotte da tre siti, a bambini di 11, 13 e 16 anni. In ogni momento, i bambini hanno riferito sulla loro frequenza di consumo di bevande analcoliche, comportamento aggressivo e sintomi depressivi. Le bevande analcoliche costituiscono oltre il 10% dell’apporto calorico totale degli adolescenti e vengono consumate quotidianamente da oltre il 20% degli studenti delle scuole superiori, secondo recenti rapporti. Gli alti tassi di consumo di soda tra i giovani statunitensi hanno portato a preoccupazioni sul suo impatto sull’obesità pediatrica e sulle relative condizioni di salute. Oltre all’obesità, sono state sollevate preoccupazioni circa il potenziale impatto del consumo di bevande analcoliche sulla salute mentale pediatrica, in particolare per gli adolescenti che consumano più bevande analcoliche e sperimentano più problemi emotivi e comportamentali rispetto ai bambini più piccoli. Parallelamente alle tendenze storiche di aumento del consumo di bevande analcoliche, i problemi emotivi negli adolescenti sono aumentati tra gli anni ’80 e l’inizio degli anni 2000. Ad esempio, diversi studi hanno riportato aumenti dal 70% al 350% dei problemi emotivi tra ragazzi e ragazze adolescenti nei paesi sviluppati durante questo periodo di tempo. Numerosi studi hanno collegato il consumo di bevande analcoliche a problemi di salute mentale degli adolescenti. In particolare, il consumo più frequente di bevande analcoliche è stato associato a più aggressività, altri problemi comportamentali come iperattività e comportamento ostile, depressione e comportamento suicida negli adolescenti di Stati Uniti, Norvegia, Slovacchia, Iran e Cina. Un altro recente studio transnazionale ha trovato un’associazione coerente tra l’elevato consumo di zucchero da parte degli adolescenti (da bibite e dolciumi) e la lotta, il bullismo e l’uso di sostanze in 24 dei 26 paesi studiati. Tutti questi studi hanno incluso aggiustamenti statistici per una varietà di potenziali fattori di confondimento come l’età dei bambini, il sesso, l’IMC, l’attività fisica, la dieta, l’uso di sostanze e fattori familiari; ma la limitazione chiave rimane il design della sezione trasversale. Sebbene i risultati siano generalmente interpretati in termini di bevande analcoliche che contribuiscono a problemi emotivi e comportamentali, è altrettanto probabile che i problemi di salute mentale possano guidare il consumo di bevande analcoliche zuccherate. Studi sperimentali mostrano che alcuni individui consumano più cibi zuccherini in risposta allo stress e alle emozioni negative.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Soft Drink Consumption and Mental Health in Adolescents: A Longitudinal Examination” by Sylvie Mrug et al. Journal of Adolescent Health.

Immagine: Soda Time (Anthony Flake)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Maria ha detto:

    Chi l’avrebbe mai detto 😮

    "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Da un po’ di anni a questa parte ho perso l’attrazione verso bevande gassate e zuccherine; l’unica bevanda zuccherina che mi è stata consigliata è il tè freddo.

    P.S. 350% è un refuso?

    "Mi piace"

    1. Ottimo per te! Io farei a meno anche dello zucchero nel tè.
      No, non è un refuso. Significa che se negli anni 80 erano 100 ad avere problemi emozionali negli anni 2000 ce ne sono 350 in più.

      Piace a 2 people

      1. Le perle di R. ha detto:

        Il tè lo prendo prettamente in estate.
        Chiaro, grazie ☺

        "Mi piace"

  3. gianni ha detto:

    Chi l’avrebbe mai detto… senza considerare la valanga di caffeina che certe bevande hanno…

    "Mi piace"

    1. Si, bisognerebbe evitare di bere abitualmente bevande diverse dall’acqua.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.