Farmaci comuni legati a un aumento del rischio di declino cognitivo

Una classe di farmaci utilizzati per molte condizioni, tra cui allergie, raffreddori, ipertensione e depressione, può essere associata ad un aumentato rischio di sviluppare pensieri confusi e problemi di memoria, in particolare nelle persone che hanno fattori di rischio genetici per la malattia di Alzheimer o marcatori di questa condizione, secondo uno studio pubblicato nel numero online di Neurology del 2 settembre 2020. Questi tipi di farmaci, chiamati farmaci anticolinergici, sono usati per cinetosi, incontinenza urinaria, vescica iperattiva, morbo di Parkinson e ipertensione. Ci sono circa 100 farmaci di questo tipo ampiamente utilizzati, alcuni che richiedono una prescrizione e molti altri che possono essere acquistati al banco. Lo studio ha rilevato che le persone cognitivamente normali che assumevano almeno un farmaco anticolinergico avevano il 47% di probabilità in più di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo, che può essere un precursore della demenza, nel decennio successivo rispetto alle persone che non assumevano tali farmaci. Questi risultati suggeriscono che ridurre l’uso di farmaci anticolinergici prima che le persone sviluppino problemi cognitivi può essere un modo importante per prevenire le conseguenze negative di questi farmaci sulle capacità di pensiero, specialmente per le persone che hanno un rischio elevato di sviluppare la malattia di Alzheimer. Sono necessari studi futuri per vedere se effettivamente l’interruzione dell’uso di questi farmaci potrebbe portare ad una riduzione del deterioramento cognitivo lieve e del morbo di Alzheimer lungo la strada. Lo studio ha coinvolto 688 persone con un’età media di 74 anni che non avevano problemi di pensiero e capacità di memoria all’inizio dello studio. I partecipanti hanno riferito se stavano assumendo farmaci anticolinergici entro tre mesi dall’inizio dello studio almeno una volta alla settimana per più di sei mesi. Hanno fatto test cognitivi una volta all’anno per un massimo di 10 anni. Un terzo dei partecipanti stava assumendo farmaci anticolinergici, con una media di 4,7 farmaci anticolinergici assunti a persona. Metoprololo, atenololo, loratadina e bupropione erano i più comuni. Poiché diversi farmaci hanno diversi livelli di attività anticolinergica, i ricercatori hanno anche determinato il carico anticolinergico complessivo dei partecipanti in base al numero, al dosaggio e alla forza dei farmaci anticolinergici che stavano assumendo. Delle 230 persone che stavano assumendo farmaci anticolinergici, 117 persone, pari al 51%, hanno successivamente sviluppato un lieve deterioramento cognitivo, rispetto a 192 persone, o il 42%, delle 458 persone che non stavano assumendo i farmaci. Dopo l’aggiustamento per la depressione, il numero di farmaci assunti e la storia di problemi cardiaci, le persone che assumevano almeno un farmaco anticolinergico avevano un rischio maggiore del 47% di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo. Inoltre, quelli con una maggiore esposizione complessiva ai farmaci anticolinergici avevano un ulteriore aumento del rischio. I ricercatori hanno anche esaminato se le persone avessero biomarcatori per la malattia di Alzheimer nel loro liquido cerebrospinale o se avessero fattori di rischio genetici per la malattia di Alzheimer. Lo studio ha rilevato che le persone con biomarcatori per la malattia di Alzheimer nel liquido cerebrospinale che stavano assumendo farmaci anticolinergici avevano una probabilità quattro volte maggiore di sviluppare in seguito un lieve deterioramento cognitivo rispetto alle persone che non assumevano i farmaci e non avevano i biomarcatori. Allo stesso modo, le persone che avevano fattori di rischio genetici per la malattia di Alzheimer e assumevano farmaci anticolinergici avevano circa 2,5 volte più probabilità di sviluppare in seguito un lieve deterioramento cognitivo rispetto alle persone senza fattori di rischio genetici e che non assumevano i farmaci. Poiché le persone anziane metabolizzano i farmaci anticolinergici in modo diverso rispetto ai giovani, molti farmaci anticolinergici hanno dosaggi giornalieri raccomandati diversi per gli anziani rispetto ai giovani. La maggior parte dei farmaci nello studio veniva assunta a livelli molto più alti della dose efficace più bassa raccomandata per gli anziani, con il 57% assunta al doppio del dosaggio raccomandato e il 18% almeno quattro volte il dosaggio raccomandato. Questo è ovviamente preoccupante ed è una potenziale area di miglioramento che potrebbe portare a una riduzione dei casi di lieve deterioramento cognitivo. È anche un possibile obiettivo verso un futuro approccio alla medicina di precisione perché si possano considerare e prescrivere farmaci più attentamente per le persone a seconda del loro profilo di rischio per disturbi neurodegenerativi come il morbo di Alzheimer. Le persone che assumono farmaci anticolinergici sono incoraggiate a discutere dell’adeguatezza dei farmaci con i loro medici o farmacisti prima di apportare modifiche ai loro dosaggi dei farmaci, poiché alcuni di questi farmaci possono causare effetti avversi se interrotti improvvisamente.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Association of anticholinergic medication and AD biomarkers with incidence of MCI among cognitively normal older adults” by Alexandra J. Weigand, Mark W. Bondi, Kelsey R. Thomas, et al. Neurology.

Immagine: L’immagine è di pubblico dominio.

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Che brutta notizia!
    Daniele caro, non mandarmi in ulteriore depressione 🙂

    "Mi piace"

    1. Cara Luisa, come ti dico sempre, la tua vivacità intellettuale compensa qualsiasi altro fattore. Stai tranquilla 😘💖

      Piace a 1 persona

  2. vikibaum ha detto:

    condivido….

    "Mi piace"

    1. Eh si, bisognerebbe studiare meglio gli effetti collaterali dei farmaci…

      Piace a 2 people

      1. vikibaum ha detto:

        concordo in pieno soprattutto perché molti sono da banco oppure è come se lo fossero ….

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.