Come dormiamo oggi può prevedere l’inizio della malattia di Alzheimer

Sleep 1 Painting by Jaroslav Leonets |

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che sorga la malattia di Alzheimer? Non disperare. Una nuova ricerca dell’Università della California, Berkeley, suggerisce che una difesa contro questa forma virulenta di demenza – per la quale attualmente non esiste alcun trattamento – è il sonno profondo e ristoratore, e in abbondanza. I neuroscienziati della UC Berkeley hanno trovato un modo per stimare, con un certo grado di accuratezza, un lasso di tempo in cui è più probabile che l’Alzheimer colpisca nella vita di una persona. Hanno scoperto che il sonno che stai avendo in questo momento è quasi come una sfera di cristallo che ti dice quando e quanto velocemente si svilupperà la patologia di Alzheimer nel tuo cervello. Il lato positivo è che c’è qualcosa che è possibile fare al riguardo. Il cervello si pulisce da solo durante il sonno profondo, quindi potrebbe esserci la possibilità di tornare indietro nel tempo dormendo di più nelle prime fasi della vita. I ricercatori hanno confrontato la qualità del sonno notturno di 32 anziani sani con l’accumulo nel loro cervello della placca tossica nota come beta-amiloide, un attore chiave nell’insorgenza e nella progressione dell’Alzheimer, che distrugge i percorsi della memoria e altre funzioni cerebrali e affligge più di 40 milioni di persone in tutto il mondo. I loro risultati, pubblicati il 3 settembre sulla rivista Current Biology, mostrano che i partecipanti allo studio che hanno iniziato sperimentando un sonno più frammentato e un sonno a onde lente con movimenti oculari meno rapidi (non REM) avevano più probabilità di mostrare un aumento della beta-amiloide nel corso dello studio. Sebbene tutti i partecipanti siano rimasti in buona salute per tutto il periodo di studio, la traiettoria della loro crescita beta-amiloide era correlata alla qualità del sonno di base. I ricercatori sono stati in grado di prevedere l’aumento delle placche beta-amiloidi, che si pensa segnino l’inizio dell’Alzheimer. Piuttosto che aspettare che qualcuno sviluppi la demenza molti anni dopo, sono in grado di valutare come la qualità del sonno predice i cambiamenti nelle placche beta-amiloidi su più punti temporali. In tal modo, è possibile misurare la velocità con cui questa proteina tossica si accumula nel cervello nel tempo, il che può indicare l’inizio della malattia di Alzheimer. Oltre a prevedere il tempo necessario per l’insorgenza dell’Alzheimer, i risultati rafforzano il legame tra il sonno scarso e la malattia, che è particolarmente critico di fronte a uno tsunami di “baby malati” (rispetto all’età tipica di insorgenza della malattia) all’orizzonte. Mentre studi precedenti hanno scoperto che il sonno purifica il cervello dai depositi di beta-amiloide, queste nuove scoperte identificano il sonno profondo a onde lente non REM come l’obiettivo dell’intervento contro il declino cognitivo. E anche se i test genetici possono prevedere la propria suscettibilità intrinseca all’Alzheimer e gli esami del sangue offrono uno strumento diagnostico, nessuno dei due offre il potenziale per un intervento terapeutico sullo stile di vita che il sonno fa, sottolineano i ricercatori. Se un sonno profondo e ristoratore può rallentare questa malattia, dovrebbe essere resa una priorità importante. E se i medici conoscono questa connessione, possono chiedere ai loro pazienti più anziani la loro qualità del sonno e suggerire il sonno come strategia di prevenzione. I 32 partecipanti sani di 60, 70 e 80 anni che sono stati arruolati nello studio sul sonno fanno parte del Berkeley Aging Cohort Study. Lo studio sull’invecchiamento in buona salute è stato avviato nel 2005 con una sovvenzione del National Institutes of Health. Per l’esperimento, ogni partecipante ha trascorso una notte di sonno di otto ore nel laboratorio mentre si sottoponeva a polisonnografia, una batteria di test che registra le onde cerebrali, la frequenza cardiaca, i livelli di ossigeno nel sangue e altre misure fisiologiche della qualità del sonno. Nel corso dello studio pluriennale, i ricercatori hanno periodicamente monitorato il tasso di crescita della proteina beta-amiloide nel cervello dei partecipanti utilizzando la tomografia a emissione di positroni o le scansioni PET e hanno confrontato i livelli di beta-amiloide degli individui con i loro profili di sonno. I ricercatori si sono concentrati sull’attività cerebrale presente durante il sonno profondo a onde lente. Hanno anche valutato l’efficienza del sonno dei partecipanti allo studio, che è definita come il tempo effettivo trascorso addormentato, in contrapposizione a giacere insonni a letto. I risultati hanno supportato la loro ipotesi che la qualità del sonno sia un biomarcatore e predittore di malattie lungo la strada. Sappiamo che c’è una connessione tra la qualità del sonno delle persone e quello che sta succedendo nel cervello, in termini di malattia di Alzheimer. Ma ciò che non è stato testato prima è se il tuo sonno in questo momento prevede cosa ti succederà anni dopo. E questa è la domanda che avevano. E hanno ottenuto la loro risposta: Misurare il sonno in modo efficace ci aiuta a viaggiare nel futuro e stimare dove sarà il tuo accumulo di amiloide. Per quanto riguarda i prossimi passi, i ricercatori stanno esaminando come possono prendere i partecipanti allo studio che sono ad alto rischio di contrarre l’Alzheimer e implementare metodi che potrebbero migliorare la qualità del loro sonno. La loro speranza è che se interveniamo, in tre o quattro anni l’accumulo non è più dove pensavamo che sarebbe stato perché abbiamo migliorato il loro sonno. In effetti, se riusciamo a piegare la freccia del rischio di Alzheimer verso il basso migliorando il sonno, sarebbe un progresso significativo e pieno di speranza.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Sleep Disturbance Forecasts β-Amyloid Accumulation across Subsequent Years” by Matthew Walker et al. Current Biology.

Immagine: Sleep 1 (Jaroslav Leonets)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Una cura naturale, oltre ai vari farmaci.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.