I risultati psicologici dei giovani sono condizionati dal tempo passato al monitor o nel verde

La prevalenza della malattia mentale tra bambini e adolescenti è in aumento a livello globale. In Europa più del 2% tra bambini e adolescenti risulta in contatto con centri di salute mentale specifici. Gli sviluppi tecnologici negli ultimi decenni hanno aumentato il coinvolgimento dei giovani con le tecnologie basate su di un monitor (tempo allo schermo) e contemporaneamente è stata osservata una riduzione del contatto dei giovani con la natura (tempo verde). Secondo uno studio pubblicato il 2 settembre sulla rivista ad accesso libero PLOS ONE dell’Università di Adelaide, meno tempo davanti allo schermo e più tempo nel verde sono associati a migliori risultati psicologici tra bambini e adolescenti. Questa combinazione di tempo allo schermo elevato e tempo verde ridotto può influire sulla salute mentale e sul benessere. Ma la ricerca che studia gli impatti psicologici del tempo allo schermo o del tempo verde in genere considera ogni fattore isolatamente e non riesce a delineare gli effetti reciproci dell’uso dell’alta tecnologia e del basso contatto con la natura sulla salute mentale e sui risultati cognitivi. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno analizzato i risultati di 186 studi per raccogliere prove che valutassero le associazioni tra tempo sullo schermo, tempo trascorso nel verde e risultati psicologici nei giovani e adolescenti (salute mentale, funzioni cognitive e risultati accademici). In generale, alti livelli di tempo allo schermo sembravano essere associati a esiti psicologici sfavorevoli, mentre il tempo verde sembrava essere associato a esiti psicologici favorevoli. I giovani provenienti da contesti socioeconomici bassi erano sottorappresentati nella letteratura in generale e potrebbero essere influenzati in modo sproporzionato dall’elevato tempo di visualizzazione e dal basso tempo verde, rendendo questo un gruppo prioritario per la ricerca futura. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi longitudinali per determinare se la diminuzione del tempo allo schermo e l’aumento del tempo nel verde migliorerebbero i risultati psicologici. Secondo gli autori, le prove preliminari suggeriscono che il tempo verde potrebbe potenzialmente tamponare le conseguenze del tempo passato davanti allo schermo, il che significa che la natura potrebbe essere una risorsa di salute pubblica sottoutilizzata per promuovere il benessere psicologico dei giovani in un’era high-tech. Questa revisione sistematica dell’ambito evidenzia che la natura può attualmente essere una risorsa di salute pubblica sottoutilizzata, che potrebbe potenzialmente funzionare come un intervento preventivo e di promozione del benessere psicologico a monte per bambini e adolescenti in un’era high-tech. Tuttavia, sono necessarie prove solide per guidare le politiche e le raccomandazioni intorno al tempo di visualizzazione appropriato e al tempo verde nelle fasi critiche della vita, per garantire in definitiva un benessere psicologico ottimale per i giovani.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Psychological impacts of “screen time” and “green time” for children and adolescents: A systematic scoping review” by Oswald TK, Rumbold AR, Kedzior SGE, Moore VM. PLOS ONE.

Immagine: The image is credited to Oswald TK, et al (2020); PLOS ONE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.