Sette fattori che contribuiscono al razzismo americano

No racism Painting by Lina Heidt |

Nel pieno delle vicende sconvolgenti a sfondo razziali che stanno avvenendo negli Usa, un nuovo articolo di uno psicologo di Stanford, pubblicato sul prossimo numero di American Psychologist, sostiene che il razzismo americano è vivo e vegeto ed è un problema profondamente americano. In questo studio vengono identificati, sulla base di una revisione di una ricerca precedente pubblicata sul argomento, sette fattori che contribuiscono al razzismo negli Stati Uniti oggi. Le persone spesso definiscono il razzismo come detestare o maltrattare gli altri sulla base della razza. Questa definizione è sbagliata! Il razzismo è un sistema di vantaggio basato sulla razza. È una gerarchia, una pandemia. Il razzismo è così profondamente radicato nelle menti degli Stati Uniti e nella società statunitense che è praticamente impossibile scappare. Così come i cittadini delle società capitalistiche rafforzano il capitalismo, che si identifichino come capitalisti o no, e che lo vogliano o no, i cittadini delle società razziste rafforzano il razzismo, che si identificano come razzisti o no, e che lo vogliano o no. Dopo aver esaminato la ricerca sul razzismo in psicologia, scienze sociali e umanistiche, i ricercatori sostengono che il razzismo americano avvantaggia sistematicamente i bianchi americani e svantaggi gli americani di colore, ma non è necessario. Tutto inizia con la consapevolezza, sostengono. Molte persone, soprattutto i bianchi, sottovalutano la profondità del razzismo. Viene giustamente prestata molta attenzione ai recenti omicidi di Breonna Taylor, Ahmaud Arbery, George Floyd e troppi altri. Ma le persone devono capire che quegli eventi orribili sono una conseguenza di un sistema più ampio. I ricercatori desiderano che i lettori abbiano una migliore comprensione di come funziona quel sistema. I primi tre fattori esaminati da loro sono: Categorie, che organizzano le persone in gruppi distinti; Fazioni, che innescano la lealtà all’interno del gruppo e la competizione tra i gruppi; e Segregazione, che indurisce le percezioni, le preferenze e le convinzioni razziste. In poche parole, gli Stati Uniti costruiscono sistematicamente categorie razziali, collocano le persone all’interno di quelle categorie e separano le persone sulla base di tali categorie. Ad esempio, c’è un considerevole corpo di ricerca che mostra che le persone, adulti e bambini, tendono a sentirsi e ad agire in modo più positivo nei confronti di coloro che considerano come loro e nel loro “ingroup“. Ciò significa che è probabile che trattino le persone al di fuori dei loro circoli sociali in modo meno favorevole. Per molti bianchi americani, i loro ingroup non includono i neri americani. Parte della ragione di ciò ha a che fare con la dura storia americana di segregazione razziale, che ha tenuto separate le comunità bianche e nere. I ricercatori sottolineano gli studi che dimostrano che la quantità di esposizione che un bambino ha ad altri gruppi razziali all’inizio della vita influenza il modo in cui penseranno e agiranno nei confronti di quei gruppi quando saranno adulti. La ricerca mostra anche che i bambini sono più in sintonia con i volti del gruppo a maggioranza razziale. Cioè, i bambini neri sono più bravi a riconoscere i volti bianchi rispetto ai bambini bianchi a riconoscere i volti neri. Questa disparità può avere tragiche conseguenze nel mondo reale. Per un poliziotto bianco, ad esempio, non essere in grado di riconoscere i volti neri, associato a preferenze e credenze distorte, aumenta le probabilità che un sospetto nero innocente venga erroneamente identificato come autore di un crimine. I ricercatori notano che nei casi in cui le condanne per crimini sono state annullate a causa di prove del DNA, un numero significativo di condanne originali era dovuto a identificazioni di testimoni oculari errate. I restanti quattro fattori che contribuiscono al razzismo americano, secondo i ricercatori, includono: Gerarchia, che incoraggia le persone a pensare, sentire e comportarsi in modo razzista; Potere, che permette leggi razziste sia a livello micro che macro; Media, che legittimano le rappresentazioni sovrarappresentate e idealizzate dei bianchi americani, emarginando e minimizzando le persone di colore; e Passivismo, tale che trascurare o negare l’esistenza del razzismo incoraggia gli altri a fare lo stesso. In breve, gli psicologi sostengono che gli Stati Uniti prendono posizione e danno potere ad alcuni rispetto ad altri, rinforzando quelle differenze attraverso media tendenziosi, e poi lasciano quelle disparità e media al loro posto. Dei sette fattori che hanno identificato, forse il più insidioso è il passivismo o il razzismo passivo, secondo gli studiosi. Ciò include un’apatia verso i sistemi di vantaggio razziale o negazione che quei sistemi esistano. Le discussioni sul passivismo sono particolarmente rilevanti ora, mentre migliaia di persone scendono in piazza per protestare contro il razzismo. Se le persone avvantaggiate dalla gerarchia rimangono passive, non sorprende che quelle in basso gridino per essere ascoltate. Il problema esiste da secoli, ma adesso è necessario passare all’antirazzismo. In particolare bisogna guardare all’antirazzismo reattivo, definito come lo sfidare il razzismo ogni volta che appare, e l’antirazzismo proattivo, o sfidare il razzismo prima che appaia. Uno dei passi più importanti per la ricerca futura sarà spostare la nostra attenzione dal modo in cui le persone diventano razziste e verso le influenze contestuali, i processi psicologici e i meccanismi di sviluppo che aiutano le persone a diventare antirazziste. In uno stato di crescente disuguaglianza razziale, si spera di trovare futuri studenti e studiosi, sia negli Stati Uniti che altrove, ben versati e inseriti in una psicologia antirazzista.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Psychology of American Racism” by Steven Roberts and Michael Rizzo. American Psychologist.

Immagine: No racism (Lina Heidt)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. zoon ha detto:

    Ma… la razza non è sempre quella umana? semmai si può parlare di etnia, o di nazionalità diverse, non di razza. O sbaglio?

    "Mi piace"

    1. In ambito scientifico si usa la parola razza per descrivere un gruppo caratterizzato da caratteri somatici simili, senza includere caratteristiche genetiche. Praticamente l’etnia. Negli articoli si usa la parola inglese “race”, sarebbe improprio tradurla con etnia.

      "Mi piace"

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Interessante e informativo
    Grazie

    "Mi piace"

      1. luisa zambrotta ha detto:

        🌺 🌻 🌼 🌷

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.