Somiglianze e differenze cerebrali tra persone con anoressia e disturbo da dismorfismo corporeo

Un nuovo studio dell’UCLA mostra modelli parzialmente sovrapposti della funzione cerebrale nelle persone con anoressia nervosa e in quelli con disordine dismorfico del corpo, una condizione psichiatrica correlata caratterizzata dall’errata percezione che particolari caratteristiche fisiche siano brutte o addirittura mostruose. Lo studio, pubblicato sulla rivista Brain Imaging and Behaviour, ha scoperto che le anomalie nella funzione cerebrale sono correlate alla gravità dei sintomi in entrambi i disturbi e possono essere utili per lo sviluppo di nuovi metodi di trattamento. I risultati rafforzano la comprensione che i disturbi alimentari e il disturbo dismorfico del corpo sono altro che semplicemente scegliere di mangiare o non mangiare o non apprezzare il proprio aspetto. Queste sono anomalie cerebrali e il modo in cui vengono trattate queste anomalie cerebrali potrebbe essere con la psicoterapia o con farmaci psichiatrici, ma è necessario che avvengano cambiamenti cerebrali per affrontare questi disturbi. Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 64 partecipanti di sesso femminile: 20 con anoressia nervosa, 23 con disordine dismorfico del corpo e 21 controlli sani. I pazienti con anoressia nervosa hanno un’immagine corporea distorta e un’intensa paura di aumentare di peso, che li porta a mangiare molto poco. Il disturbo da dismorfismo corporeo (BDD) è caratterizzato da ossessioni per una particolare parte del corpo o per un difetto percepito piuttosto che per il peso. Ai partecipanti sono state mostrate immagini di corpi maschili e femminili mentre i ricercatori hanno osservato la loro attività cerebrale tramite risonanza magnetica. Sono stati utilizzati tre tipi di immagini: foto normali, immagini “a bassa frequenza spaziale” (LSF), con dettagli sfocati, e immagini “ad alta frequenza spaziale” (HSF), in cui i bordi e i dettagli sono stati accentuati. La risonanza magnetica funzionale è una tecnica di imaging del cervello che rileva il flusso sanguigno all’interno del cervello, consentendo ai ricercatori di vedere quali parti del cervello sono attive mentre una persona svolge vari compiti. Può anche essere usata per capire quali attività delle regioni del cervello sono sincronizzate tra loro; cioè “connesse”. Ciascuna delle donne ha eseguito un compito di “corrispondenza” mentre era all’interno dello scanner MRI. Nella parte superiore dello schermo, la persona vedeva l’immagine di un corpo e avrebbe dovuto scegliere il corpo corrispondente tra due immagini mostrate nella parte inferiore dello schermo. Durante la visualizzazione delle immagini che differivano da quelle di individui sani, le persone con anoressia nervosa e quelle con BDD hanno mostrato modelli di attività e connettività nelle reti cerebrali visive e parietali. Queste anomalie nell’attività erano diverse in BDD e anoressia nervosa, mentre le anomalie di connettività erano in gran parte simili. Più gravi sono i sintomi, più pronunciato è il modello di attività cerebrale e connettività quando le immagini sono state visualizzate, in particolare per le immagini LSF. Inoltre, la connettività e le anomalie dell’attività sono state associate al modo in cui i partecipanti hanno giudicato l’aspetto e il peso corporeo degli individui nelle foto. Ciò che i ricercatori hanno visto ha indicato che mentre il cervello dei pazienti con anoressia nervosa e quelli con BDD elaborano in modo anomalo immagini con livelli di dettaglio alti, bassi o normali, le anomalie per il basso livello di dettaglio, cioè le immagini a “bassa frequenza spaziale”, hanno le relazioni più dirette con la gravità dei sintomi e la percezione del corpo. I risultati possono aiutare i ricercatori a comprendere la neurobiologia sottostante che porta alle caratteristiche distorsioni dell’immagine corporea in entrambi i casi. Questo fornisce un quadro più chiaro delle basi neurologiche per ciò che caratterizza un disturbo e quali caratteristiche condividono. Un passo successivo per la ricerca sarà vedere se, con la psicoterapia e i trattamenti farmacologici esistenti, l’attività cerebrale nei pazienti inizia a normalizzarsi, oppure cambia in modo diverso per compensare le anomalie sottostanti.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brain activation and connectivity in anorexia nervosa and body dysmorphic disorder when viewing bodies: relationships to clinical symptoms and perception of appearance” by Teena D. Moody, Francesca Morfini, Gigi Cheng, Courtney L. Sheen, Wesley T Kerr, Michael Strober & Jamie D. Feusner. Brain Imaging and Behavior.

Immagine: Anorexia (Gloria Perez Herrero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.