Gli smartphone possono prevedere le funzioni cerebrali associate all’ansia e alla depressione

Spesso sul nostro sito parliamo degli effetti negativi del cellulare, ma è giusto parlare anche delle possibili applicazioni utili. Secondo uno studio del Dartmouth College, le informazioni sull’attività sociale, il tempo trascorso davanti allo schermo e la posizione dagli smartphone possono prevedere la connettività tra le regioni del cervello responsabili delle emozioni. Nella ricerca, i dati sull’utilizzo del telefono sono stati analizzati insieme ai risultati delle scansioni fMRI per confermare che le informazioni raccolte passivamente possono rispecchiare l’attività nel cervello collegata a tratti come l’ansia. Le previsioni basate esclusivamente sui dati del telefono corrispondevano alle scansioni cerebrali con una precisione dell’80%. Lo studio, presentato all’ACM UbiComp, una conferenza annuale sull’informatica, rappresenta la prima volta in cui i ricercatori sono stati in grado di prevedere la connettività tra specifiche regioni del cervello esclusivamente sulla base di dati passivi dagli smartphone. Semplici informazioni su come qualcuno utilizza il proprio smartphone possono fornire una sbirciatina nel complesso funzionamento del cervello umano. Sebbene questa ricerca sia appena iniziata, la combinazione dei dati degli smartphone, piuttosto che della sola fMRI, si spera acceleri la ricerca per capire meglio come funziona il cervello umano. Secondo la ricerca, quanto spesso e per quanto tempo un individuo utilizza il proprio telefono fornisce informazioni sul funzionamento tra la corteccia prefrontale ventromediale e l’amigdala, due centri chiave del cervello legati allo stato emotivo. La corteccia prefrontale ventromediale è responsabile dell’autocontrollo, del processo decisionale e della valutazione del rischio. L’amigdala innesca la risposta “combatti o fuggi” e aiuta gli individui a determinare le emozioni degli altri. Oltre ai dati sull’attività sociale, sul tempo trascorso davanti allo schermo e sulla posizione, per lo studio sono state raccolte anche informazioni sull’attività fisica e sui modelli di sonno. La ricerca ha scoperto che più tempo davanti allo schermo, esercizio fisico regolare, prima di andare a letto, maggiore interazione sociale e determinati modelli di localizzazione dedotti passivamente dai dati del telefono corrispondevano a uno stato di maggiore connettività funzionale tra le regioni del cervello. Questa maggiore attività indica uno stato emotivo più positivo. Non stiamo suggerendo che i telefoni dovrebbero sostituire la tecnologia come la fMRI, ma possono aiutare le persone e gli operatori sanitari a imparare di più sui modelli di comportamento dalle osservazioni quotidiane. Il risultato della ricerca è in linea con le prove cliniche che dimostrano che una connettività più forte tra la corteccia prefrontale ventromediale e l’amigdala è associata a livelli più bassi di ansia e depressione. La connettività funzionale più debole, d’altra parte, rappresenta uno stato emotivo più negativo. I dati anonimi della fMRI dei partecipanti volontari sono stati inseriti in due categorie divise per livelli di connettività cerebrale bassi e alti. Confrontando i dati del telefono con i risultati della fMRI, i ricercatori sono stati in grado di prevedere quali soggetti di ricerca avevano una connettività maggiore o minore tra le regioni del cervello con una precisione dell’80%. Secondo il team di ricerca, l’uso di informazioni passive da uno smartphone può aiutare ad eliminare la soggettività che spesso complica altre tecniche di raccolta di informazioni sul benessere emotivo come le interviste personali e l’auto-segnalazione sui questionari. Le informazioni telefoniche hanno permesso ai ricercatori di prevedere lo stato emotivo degli individui in un dato momento senza raccolta di dati intrusiva. I dati supportano anche le previsioni dei tratti emotivi a lungo termine negli individui. Si spera che questo studio mostri come il rilevamento dagli smartphone possa fornire dati comportamentali umani longitudinali profondi per completare le scansioni cerebrali. Questo potrebbe offrire nuove intuizioni sul benessere emotivo dei soggetti che semplicemente non sarebbe possibile senza un rilevamento continuo. La ricerca, pubblicata in Proceedings of the ACM on Interactive, Mobile, Wearable and Ubiquitous Technologies, fa parte dello studio Student Life di Dartmouth che monitora i dati telefonici degli studenti volontari per determinare il benessere mentale. Oltre 100 studenti del primo anno hanno partecipato allo studio di un anno sul rilevamento passivo e sulla funzione cerebrale.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will be presented at ACM UbiComp 2020.

Immagine: Travel with a smartphone (Wojtek Herman)

Un commento Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.