La depressione è collegata all’infiammazione e al cambiamento metabolico

depression Painting by DULEA DANIEL

Ansia e depressione sono spesso collegate e si presume siano strettamente correlate, ma ora una ricerca, presentata al Congresso ECNP, ha dimostrato per la prima volta che depressione e ansia hanno diverse associazioni biochimiche con l’infiammazione e il metabolismo dei lipidi (grassi). Ciò indica che possono esserci possibili trattamenti diversi e più mirati per trattare l’ansia e la depressione. La depressione e l’ansia condividono diversi sintomi, hanno fattori di rischio comuni e spesso vengono trattati con gli stessi farmaci. Oltre il 50% dei pazienti con depressione (disturbo depressivo maggiore) ha anche una storia di ansia. Tuttavia, gli psichiatri li classificano come disturbi diversi, sebbene fino ad ora sia stato difficile identificare prove biochimiche per questo. Scienziati dello Studio olandese sull’ansia e la depressione (NESDA) hanno utilizzato campioni di sangue di 304 persone attualmente con depressione, 548 con ansia, 531 con depressione e ansia, 807 con disturbi remessi e 634 controlli sani. Usando un rilevatore di risonanza magnetica nucleare hanno testato le associazioni tra 40 metaboliti presenti nel sangue e sintomi di depressione e sintomi di ansia (come panico, preoccupazione patologica, ecc.). Ci sono due risultati principali: in primo luogo il gruppo depresso mostrava segni di una maggiore infiammazione che non era stata osservata nel gruppo ansioso, inoltre il gruppo depresso aveva quantità e tipi di lipidi molto diversi nel sangue. Ad esempio, le persone depresse avevano livelli elevati di trigliceridi, ma livelli più bassi di acidi grassi omega-3. Al contrario, quelle persone che avevano disturbo d’ansia avevano una composizione lipidica molto simile al gruppo di controllo sano. Hanno anche scoperto che quei metaboliti associati alla depressione erano anche associati alla gravità della depressione: in altre parole, se avevi più di un lipide associato alla depressione, la tua depressione tendeva ad essere peggiore. Negli ultimi anni, la depressione è stata associata a disturbi del sistema immunitario e del metabolismo del corpo e precedenti ricercatori hanno dimostrato che le persone depresse tendono ad avere marcatori biochimici diversi da quelli delle persone sane. Tuttavia, nessuna analisi di questo tipo di una serie così ampia di marker è stata intrapresa per l’ansia. Questo lavoro mostra, per la prima volta, che il sistema immunitario e il metabolismo dei lipidi cambia nelle persone depresse ma non nelle persone ansiose. I ricercatori sperano che questi risultati porteranno a trattamenti migliori. Il gruppo di ricerca sta ora pianificando di verificare se le persone depresse con infiammazione alterata potrebbero rispondere al trattamento con farmaci antinfiammatori. Questa è una scoperta importante per diversi motivi. Innanzitutto identifica biomarcatori del sangue di facile misurazione che caratterizzano un sottotipo di depressione il cui meccanismo sottostante è specifico e probabilmente richiederà un trattamento appropriato. Inoltre va sottolineato il fatto che i disturbi mentali dovrebbero essere visti in una prospettiva di tutto il corpo in cui sono coinvolti i principali sistemi fisiologici regolatori come il sistema immunitario e il metabolismo dei lipidi. Inoltre, sia il sistema immunitario che i lipidi sono fortemente coinvolti nel metabolismo cerebrale. Non sorprende quindi che questo lavoro dimostri che la gravità della depressione è maggiore nei pazienti con biomarcatori più compromessi. CS Lewis diceva che “il dolore mentale è meno drammatico del dolore fisico, ma è più comune e anche più difficile da sopportare. Il tentativo di nascondere i frequenti dolori mentali ne aumenta il peso: è più facile dire “Il mio dente fa male” che dire “Il mio cuore è spezzato.” Oramai questo dualismo deve essere considerato superato, la mente è in interazione con tutto il corpo e dietro un problema mentale c’è spesso una condizione organica per cui poter dire “sono depresso ed ho dei marcatori biochimi diversi”. Per cui dovrebbe sparire l’anacronistico stigma che esiste intorno al disagio mentale.

Daniele Corbo

Bibliografia: European College of Neuropsychopharmacology

Immagine: depression (DULEA DANIEL)

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Purtroppo il dualismo tra dolore fisico e mentale non è ancora superato.Chi è superficiale considera il mal di vivere un’idiozia di chi non ha altri problemi più seri a cui dedicarsi

    "Mi piace"

    1. Si, cara Luisa hai centrato perfettamente il punto…

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        🌼🌼🌼

        "Mi piace"

  2. A. ha detto:

    Questo lo sapevo anche io 😊

    "Mi piace"

    1. Eh, sei preparatissima!😉☺️

      "Mi piace"

      1. A. ha detto:

        Di queste cose si 🤣🤣

        Piace a 1 persona

  3. Laura Parise ha detto:

    Mi sorge una domanda. Può la depressione far aumentare notevolmente il tasso di glicemia nel sangue di un malato di diabete 2?

    "Mi piace"

    1. Potrebbe esserci una correlazione, ma notevolmente non credo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.