Il disturbo post traumatico da stress può raddoppiare il rischio di demenza

Questo mostra due teste

Le persone che hanno sofferto di disturbo post-traumatico da stress (PTSD) hanno fino al doppio delle probabilità di sviluppare la demenza più avanti nella vita, secondo un nuovo studio dei ricercatori dell’UCL. La ricerca, pubblicata sul British Journal of Psychiatry , è la prima meta-analisi di prove globali su PTSD e rischio di demenza. Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i risultati di 13 studi condotti in quattro continenti, inclusi i dati di un totale di 1.693.678 persone, indagando se una diagnosi di disturbo post-traumatico da stress fosse associata ad un aumento del rischio di demenza fino a 17 anni dopo. Mettendo insieme i dati di otto studi, i ricercatori hanno scoperto che le persone con disturbo post-traumatico da stress affrontano un rischio maggiore del 61% di demenza. Analizzando i dati di due studi che hanno utilizzato metodi diversi, hanno scoperto che il disturbo post-traumatico da stress era associato con il doppio delle probabilità di sviluppare demenza. Il rischio di demenza tra le persone che hanno avuto PTSD era più alto nella popolazione generale rispetto ai veterani, poiché nella popolazione generale le persone con una diagnosi di PTSD avevano più del doppio delle probabilità di sviluppare demenza. I ricercatori affermano che questo potrebbe indicare un effetto del trattamento del disturbo post-traumatico da stress: i veterani hanno in genere maggiori probabilità di ricevere un trattamento per il PTSD (almeno nei paesi in cui sono stati condotti gli studi), quindi i risultati suggeriscono che il trattamento del disturbo post-traumatico da stress può ridurre il successivo rischio di demenza. Questo studio fornisce nuove importanti prove di come le esperienze traumatiche possono avere un impatto sulla salute del cervello e di come gli effetti a lungo termine del trauma possono avere un impatto sul cervello in molti modi aumentando la vulnerabilità al declino cognitivo e alla demenza. Molte persone con disturbo post-traumatico da stress non accedono alle cure, a volte a causa della mancanza di capacità di assistenza sanitaria mentale ma anche a causa dello stigma che spesso impedisce alle persone di cercare aiuto. Ora ci sono più prove di come le esperienze traumatiche e l’accesso alle cure potrebbero avere un impatto duraturo per gli individui e influenzare il rischio futuro di sviluppare demenza. I ricercatori affermano che il rischio potrebbe essere più alto di quanto suggeriscono gli studi, poiché il disturbo post-traumatico da stress aumenta anche la probabilità di sviluppare altri fattori di rischio di demenza noti, come depressione, isolamento sociale o elevato consumo di alcol. La maggior parte degli studi si è adeguata ad alcuni di questi fattori, quindi i risultati complessivi potrebbero sottostimare il vero costo del PTSD. Non è chiaro come il disturbo da stress post-traumatico aumenti il ​​rischio di demenza, ma i ricercatori affermano che potrebbe essere correlato all’ipervigilanza e al ripetersi di traumi, contribuendo alla minaccia e all’attività correlata allo stress nel cervello, mentre il ritiro dalla vita sociale può ridurre la riserva cognitiva e la resilienza. Questi risultati si aggiungono a un crescente corpo di prove che la demenza a volte può essere prevenuta affrontando i fattori di rischio durante il corso della vita di un individuo. Qui hanno identificato un ulteriore gruppo di persone che affrontano un elevato rischio di demenza, che potrebbero beneficiare di un ulteriore supporto per la salute mentale. Il disturbo post-traumatico da stress, che sembra essere comune tra le persone che sono state ricoverate in ospedale con Covid-19, rimane una condizione di salute mentale sottodiagnosticata, sotto trattata e sotto ricercata, ma può avere gravi conseguenze a lungo termine. Come ha dimostrato questo studio, il PTSD ha un impatto sulla salute del nostro cervello aumentando la vulnerabilità alla demenza. Una domanda importante è come e se possiamo imparare da questi risultati per sviluppare trattamenti preventivi per coloro che presentano un rischio elevato. Questa ricerca fornisce un valido motivo per ulteriori studi per capire se il trattamento del disturbo post-traumatico da stress potrebbe avere l’ulteriore vantaggio di ridurre il rischio di sviluppare la demenza più avanti nella vita. Con i casi di demenza nel Regno Unito destinati a salire alle stelle a 1 milione entro il 2025, le prove crescenti sui fattori di rischio fanno sperare di poter ridurre il nostro rischio di demenza – sappiamo già che uno stile di vita sano fa bene sia al nostro corpo che alla mente. Sfortunatamente, a causa della pandemia in corso, la ricerca medica vitale come questa ha subito un colpo finanziario devastante e ha un disperato bisogno di investimenti governativi per garantire questo lavoro che cambia la vita e la speranza che fornisce a tutti coloro che sono affetti da demenza non è persa. Questa ricerca è l’ultima di una serie di studi condotti dall’UCL che indagano su come i fattori modificabili nel corso della vita possono influenzare il rischio di demenza, inclusa una revisione importante e una meta-analisi di 12 fattori di rischio come mancanza di istruzione, perdita dell’udito e fumo, come così come altri studi recenti su come il pensiero negativo ripetitivo e il vivere da soli possono aumentare il rischio di demenza.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Post-traumatic stress disorder as a risk factor for dementia: systematic review and meta-analysis” by Vasiliki Orgeta et al. British Journal of Psychiatry.

Immagine: L’immagine è di dominio pubblico.

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Imperius ha detto:

    Lo stress può essere devastante

    "Mi piace"

    1. è vero, spesso da periodi di stress derivano patologie psichiatriche anche gravi.

      "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Importanti informazioni in questo articolo.

    "Mi piace"

  3. M. Rebecca Farsi ha detto:

    Questo articolo ci offre ulteriore dimostrazione dell’indefettibile interazione tra corpo e psihce. Un trauma come quello provocato dal PTSD, che per la sua gravità travalica le possibilità di contenimento emotivo e di rielaborazione attiva da parte del soggetto, è in grado di ripercuotere i suoi effetti negativi anche nella dimensione cerebrale, andando a provocare ua degenerazione della stessa. Motivo in più per cercare sostegno psicologico in tutte le occasioni in cui subiamo un trauma. Compresi quelli che ci sembrano meno destabilizzanti, magari perchè si ripercuotono nel tempo- come quelli subiti a vario titolo tra le mura domestiche- creando una sorta di percepita abituazione, in realtà non veritiera.
    Ai traumi e al dolore dagli stessi provocato non ci si abitua mai. meglio intervenire al più presto, per il bene di corpo e anima.
    grazie a daniele, come al solito

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Rebecca. Anche per questo esiste Orme Svelate: per dare sostegno a persone che hanno piccoli traumi o stress che ritengono poco importanti per andare da un professionista, ma che riescono a chiedere aiuto ad un’associazione come la nostra.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.