Risveglio grazie al sonnifero

Un paziente che non poteva muoversi e parlare spontaneamente per otto anni ha ricominciato a farlo dopo aver ricevuto un sonnifero. L’effetto spettacolare ma temporaneo è stato visualizzato con scansioni cerebrali, offrendo ai ricercatori del centro medico universitario di Radboud e dell’UMC di Amsterdam una migliore comprensione dei processi neurofisiologici alla base di questo disturbo. L’articolo è stato pubblicato su Cortex. Otto anni fa, Richard, all’epoca un uomo sulla ventina, fu ricoverato in ospedale per una grave mancanza di ossigeno. È sopravvissuto ma ha subito una grave lesione cerebrale. Richard non era più in grado di parlare, mangiare in modo indipendente o muoversi spontaneamente. È stato ricoverato in una casa di cura specializzata. I medici riferiscono che era chiaro che Richard ci vedeva e ci sentiva, ma a causa della sua lesione cerebrale, era a malapena in grado di rispondere. Questa rara condizione è nota come mutismo acinetico. Acinetico significa che il paziente non è più in grado di muoversi consapevolmente. Il mutismo si riferisce all’assenza di parola. C’è una piccola possibilità che i pazienti con questa condizione si riprendano temporaneamente dopo la somministrazione del farmaco per dormire Zolpidem. Poiché la situazione di Richard sembrava disperata, i medici e la famiglia decisero di somministrare questo farmaco a Richard. Contro ogni aspettativa, Zolpidem ha avuto effetti notevoli. Dopo aver preso il sonnifero, Richard iniziò a parlare, voleva chiamare suo padre e ricominciò a riconoscere i suoi fratelli. Con un po’ di aiuto, avrebbe potuto persino alzarsi dalla sedia a rotelle e camminare per brevi distanze. I ricercatori dell’UMC di Amsterdam, hanno utilizzato scansioni cerebrali per dimostrare le differenze tra le due situazioni. Ciò ha fornito loro informazioni che potrebbero essere importanti per Richard e altri pazienti con gravi lesioni cerebrali non congenite. Le scansioni cerebrali di Richard mostrano un’iperattività in alcune parti del cervello. Questa iperattività provoca rumore e in qualche modo interrompe la “buona attività cerebrale”. Hanno scoperto che la somministrazione di questo farmaco per dormire può sopprimere questa iperattività cerebrale indesiderata, creando spazio per la parola e il movimento. I ricercatori hanno presentato le loro scoperte e un video di Richard sulla rivista Cortex. Da allora la ricerca è continuata. Gli effetti positivi di Zolpidem hanno una durata limitata, motivo per cui i ricercatori stanno ora cercando una soluzione più permanente per Richard e altri pazienti con questa specifica forma di grave lesione cerebrale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Awakening after a sleeping pill: Restoring functional brain networks after severe brain injury” by Hisse Arnts et al. Cortex.

Immagine: dominio pubblico

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Una scoperta straordinaria! Se riuscissero a scoprirne un’altra permanente sarebbe meraviglioso.

    "Mi piace"

    1. Si, sono sulla buona strada però.. Buona domenica Rita

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Grazie, buona domenica anche a te 😊

        "Mi piace"

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Una scoperta bellissima! Buon pomeriggio 🌹

    "Mi piace"

  3. wabi ha detto:

    Molto interessante! grazie per la condivisione!

    "Mi piace"

    1. Grazie mille! Buona serata

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.