La “nebbia cerebrale” dopo il recupero da COVID-19 può indicare un disturbo post-traumatico da stress.

Un nuovo rapporto suggerisce che la persistente “nebbia cerebrale” e altri sintomi neurologici dopo il recupero di COVID -19 potrebbero essere dovuti al disturbo post-traumatico (PTSD) da stress, un effetto osservato in precedenti epidemie di coronavirus umano come SARS e MERS. Le persone che si sono riprese da COVID-19 a volte sperimentano persistenti difficoltà di concentrazione, così come mal di testa, ansia, stanchezza o disturbi del sonno. I pazienti possono temere che l’infezione abbia danneggiato in modo permanente il loro cervello, ma i ricercatori dicono che non è necessariamente così. Un articolo scritto da ricercatori dell’UCLA, e della Rosalind Franklin University of Medicine and Science, a Chicago, esplora i dati storici sui sopravvissuti di precedenti coronavirus, che hanno causato la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria mediorientale (MERS). Il documento è stato pubblicato su The Clinical Neuropsychologist . L’idea è di aumentare la consapevolezza tra i neuropsicologi che il PTSD sia qualcosa da prendere in considerazione nel valutare le difficoltà cognitive ed emotive persistenti tra i sopravvissuti al COVID-19. Quando gli psicologi vedono qualcuno per i test neuropsicologici, si aspettano che sia al meglio, relativamente parlando. Se identificano una malattia psichiatrica durante la valutazione, e se credono che i sintomi di tale condizione stiano interferendo con la loro capacità di funzionare al meglio, vorrebbero che fosse trattata prima e poi riesaminarli una volta che è sotto controllo. Se i sintomi sono dovuti, anche parzialmente, a una condizione psichiatrica come il disturbo post-traumatico da stress, il trattamento aiuterà a gestire quei sintomi e fornirà una visione più chiara di eventuali problemi cerebrali sottostanti. Una volta che sono stati curati, e si spera che abbiano qualche remissione dei loro sintomi psichiatrici, se i disturbi cognitivi e i deficit nei test neuropsicologici sono ancora presenti, allora questa è un’ulteriore prova che sta succedendo qualcos’altro. Sarà importante per i medici a tutti i livelli essere al passo con la letteratura che sta uscendo, per assicurarsi di avere le informazioni più aggiornate mentre questi sopravvissuti stanno iniziando a presentarsi per i test neuropsicologici. Il team ha iniziato a perseguire questa domanda sulla base della propria esperienza di lavoro con pazienti con lieve trauma cranico, come la commozione cerebrale. Quando questi sintomi persistono per mesi o anni dopo la lesione originale, è molto più probabile che sia dovuto alla presenza di un disturbo psichiatrico. Una revisione dei dati dei focolai di SARS e MERS ha mostrato che quei sopravvissuti avevano un aumentato rischio di PTSD. Nel caso di COVID-19, i sintomi del PTSD possono insorgere in risposta alle misure invasive necessarie per trattare i pazienti, inclusa l’intubazione e la ventilazione, che possono essere traumatiche per i pazienti paurosi. Altre volte, il delirio fa sì che i pazienti con COVID-19 soffrano di allucinazioni e il ricordo di queste sensazioni terrificanti continua ad affliggere il paziente guarito. Oltre ai pazienti che sono stati ricoverati, anche gli operatori sanitari in prima linea possono essere colpiti in modo simile a causa del costante stress e della paura che devono affrontare sul lavoro. E per alcune persone, l’ansia di vivere una pandemia, di essere isolati dagli amici e di combattere la paura costante di una minaccia invisibile può infliggere un colpo simile al pensiero e alle capacità di memoria. Anche se una diagnosi di disturbo post-traumatico da stress potrebbe non sembrare una buona notizia, ci sono molti trattamenti disponibili per il disturbo, tra cui psicoterapia e farmaci. In confronto, i ricercatori stanno ancora lavorando per comprendere gli effetti neurologici diretti di COVID-19. Le opzioni di trattamento (per COVID) sono ancora una via d’uscita, perché è ancora una situazione in evoluzione. In realtà non sappiamo ancora nulla dai sopravvissuti di COVID-19. Fino a quando non si avranno quei dati, è molto difficile dire quale percentuale effettiva di pazienti avrà disturbi cognitivi a causa degli effetti diretti del virus, a causa di un intervento medico o di preoccupazioni psichiatriche.

Daniele Corbo

Bibliografia: The research will appear in The Clinical Neuropsychologist.

Immagine: dominio pubblico

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    La previsione non è incoraggiante, da quanto leggo.

    "Mi piace"

    1. No per niente, bisogna intervenire in modo attento.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.