Effetti della povertà sullo sviluppo dell’infanzia

wery pollier |

In uno studio a livello nazionale, i ricercatori dell’UCLA hanno scoperto che le disuguaglianze di salute possono essere misurate nei bambini di 5 anni. La ricerca, pubblicata su Health Affairs, contribuisce a un crescente corpo di letteratura che rileva che i bambini di colore che sono anche poveri affrontano maggiori disuguaglianze di salute rispetto ai loro omologhi bianchi. I ricercatori hanno formato insegnanti d’asilo in 98 distretti scolastici negli Stati Uniti per amministrare lo strumento per lo sviluppo precoce (EDI), una misura dello sviluppo fisico, sociale, emotivo e linguistico dei bambini. La valutazione è stata somministrata a più di 185.000 asili nido dal 2010 al 2017. Dopo aver analizzato e correlato i risultati in base a dove vivevano i bambini, i ricercatori hanno scoperto che il 30% dei bambini nei quartieri a reddito più basso era vulnerabile in uno o più domini della salute sviluppo, rispetto al 17% dei bambini in ambienti a reddito più elevato. I ricercatori hanno anche scoperto che le differenze legate al reddito nella vulnerabilità dello sviluppo variavano sostanzialmente tra i bambini di diversi gruppi etnici. I bambini di colore, ad esempio, erano a più alto rischio, seguiti dai bambini dell’america latina. I bambini asiatici erano a rischio più basso. Le differenze nella vulnerabilità dello sviluppo tra bambini neri e bambini bianchi erano più pronunciate ai livelli socioeconomici più elevati e tendevano a restringersi per i bambini neri e bianchi provenienti da quartieri a basso reddito. Tali disparità iniziali possono avere una profonda influenza sullo sviluppo a lungo termine dei bambini, portando a tassi più elevati di condizioni croniche come diabete, malattie cardiache, uso di droghe, disturbi della salute mentale e demenza da adulti. I risultati sottolineano le marcate disparità per etnia nei bambini piccoli. Molti altri studi hanno evidenziato modelli di reddito e disuguaglianza razziale nei risultati sanitari e scolastici. Ciò che questo studio mostra è che questi modelli di disuguaglianza sono chiaramente evidenti e misurabili prima che i bambini inizino la scuola. Il rapporto sottolinea anche il valore di comprendere le disuguaglianze nello sviluppo del bambino ai livelli più microscopici. Poiché l’EDI è segnalato e collegato agli indici di rischio di vicinato a livello di tratto di censimento, questo strumento di misurazione aiuta le città e gli sforzi locali di base a sviluppare supporti e servizi mirati per affrontare le disparità per etnie. Lo strumento EDI è stato sviluppato presso l’Offord Center for Child Studies della McMaster University in Ontario, Canada, ed è stato convalidato a livello internazionale e ampiamente utilizzato in Canada, Australia e altre nazioni. L’EDI è stato sperimentato per la prima volta nel 2009 dalla UCLA a Santa Ana, in collaborazione con First Five Orange County. Negli ultimi 10 anni, l’UCLA ha consentito ai dirigenti delle città e dei distretti scolastici di oltre 85 comunità, in 18 stati, di valutare la salute, lo sviluppo e il benessere di oltre 350.000 bambini dell’asilo negli Stati Uniti. I ricercatori dell’UCLA rendono questi dati accessibili alle comunità locali per aiutarle a sviluppare le proprie iniziative per affrontare le cause profonde delle disuguaglianze. Questi risultati non solo evidenziano le sfide dell’equità che bisogna affrontare, ma rivelano anche la progettazione veramente iniqua di tutti i sistemi responsabili di garantire che i bambini prosperino. Solo affrontando lo sfruttamento storico e l’esclusione delle comunità emarginate, possiamo iniziare a riparare i dolori e le pratiche di sfruttamento del passato e ridisegnare i nostri sistemi comunitari in modo che tutti i bambini crescano nel migliore dei modi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Measuring Equity From The Start: Disparities In The Health Development Of US Kindergartners” by Neal Halfon, Efren Aguilar, Lisa Stanley, Emily Hotez, Eryn Block, Magdalena Janus. Health Affairs

Immagine: the blue bird (wery pollier)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Una grande tristezza….ancor di più rapportata alla nostra opulenta società.

    "Mi piace"

    1. Opulenta non per molti, ormai la povertà ha raggiunto tante fette di popolazione, purtroppo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.