La privazione di sonno facilita i pensieri indesiderati

Un nuovo studio rivela che la mancanza di sonno compromette in modo significativo la nostra capacità di impedire che pensieri indesiderati e spiacevoli entrino nella nostra mente. I risultati potrebbero avere implicazioni per le persone che soffrono di condizioni psichiatriche associate a pensieri indesiderati, come disturbo post-traumatico da stress, depressione e schizofrenia. Lo studio, dell’Università di York, ha testato la capacità dei partecipanti di sopprimere i pensieri intrusivi quando erano privati del sonno o ben riposati. I partecipanti privati del sonno hanno subito un aumento dei pensieri indesiderati di quasi il 50% rispetto a quelli che hanno dormito bene la notte. Nella vita di tutti i giorni, gli incontri banali possono ricordarci esperienze spiacevoli. Ad esempio, un’auto che viaggia troppo velocemente in autostrada potrebbe farci recuperare ricordi indesiderati di un incidente d’auto molti anni fa. Per la maggior parte delle persone, le intrusioni di un pensiero passano rapidamente, ma per coloro che soffrono di condizioni psichiatriche come il disturbo post-traumatico da stress, possono essere ripetitive, incontrollabili e angoscianti. È chiaro che la capacità di sopprimere i pensieri indesiderati varia notevolmente da individuo a individuo, ma fino ad ora i fattori che guidano questa variabilità sono stati misteriosi. Questo studio suggerisce che la perdita di sonno ha un impatto considerevole sulla nostra capacità di tenere i pensieri indesiderati fuori dalla nostra mente. Per lo studio, sessanta partecipanti sani hanno imparato ad associare volti a fotografie di scene emotivamente negative (come un’immagine da una zona di guerra) o scene neutre (come un’immagine di un paesaggio urbano). La mattina seguente, dopo una notte di sonno o di totale privazione del sonno, ai partecipanti sono stati mostrati i volti e chiesto di cercare di sopprimere i pensieri relativi alle scene con cui erano accoppiati. Rispetto al gruppo del sonno, i partecipanti privati del sonno hanno avuto molte più difficoltà a tenere lontani i pensieri indesiderati dalle scene emotivamente negative e neutre. Mentre il compito è diventato più facile con la pratica per i partecipanti riposati, per coloro che erano andati senza dormire, le intrusioni di pensiero sono rimaste costantemente alte. Per lo studio, sessanta partecipanti sani hanno imparato ad associare volti a fotografie di scene emotivamente negative (come un’immagine da una zona di guerra) o scene neutre (come un’immagine di un paesaggio urbano). La mattina seguente, dopo una notte di sonno o di totale privazione del sonno, ai partecipanti sono stati mostrati i volti ed è stato chiesto di cercare di sopprimere i pensieri relativi alle scene con cui erano accoppiati. Rispetto al gruppo del sonno, i partecipanti privati del sonno hanno avuto molte più difficoltà a tenere lontani i pensieri indesiderati dalle scene emotivamente negative e neutre. Mentre il compito è diventato più facile con la pratica per i partecipanti riposati, per coloro che erano stati senza dormire, le intrusioni di pensiero sono rimaste costantemente alte. Questo studio offre una visione importante dell’impatto del sonno sulla salute mentale. Oltre al disturbo post-traumatico da stress e alla depressione, i risultati potrebbero avere implicazioni per la comprensione di altri disturbi legati ai disturbi del sonno, come il disturbo ossessivo-compulsivo e la schizofrenia. Lo studio suggerisce anche che l’insorgenza di pensieri intrusivi e disturbi emotivi a seguito di periodi di sonno povero potrebbe creare un circolo vizioso, per cui intrusioni sconvolgenti e angoscia emotiva esacerbano i problemi del sonno, inibendo il sonno necessario per supportare il recupero.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Losing Control: Sleep Deprivation Impairs the Suppression of Unwanted Thoughts” by Marcus Harrington et al. Clinical Psychological Science

Immagine: insomnia (nadiaanna crosignani)

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.