La scarsa memoria è collegata a cadute di attenzione e al multitasking multimediale

Gli occhi possono essere le finestre dell’anima, ma possono anche fornire scorci penetranti nella memoria. Gli scienziati di Stanford sono ora in grado di prevedere se un individuo ricorderà o dimenticherà in base alla propria attività neurale e alle dimensioni della pupilla. Mentre andiamo avanti nelle nostre vite, abbiamo questi periodi in cui siamo frustrati perché non siamo in grado di portare la conoscenza alla mente, esprimendo ciò che sappiamo. Fortunatamente, la scienza ora dispone di strumenti che ci consentono di spiegare perché un individuo, di momento in momento, potrebbe non riuscire a ricordare qualcosa immagazzinato nella sua memoria. Oltre a indagare sul motivo per cui le persone a volte ricordano e altre volte dimenticano, il team di scienziati voleva anche capire perché alcuni di noi sembrano avere un ricordo della memoria migliore di altri e come il multitasking dei media potrebbe essere un fattore. La ricerca, pubblicata nel numero di questa settimana della rivista Nature, inizia a rispondere a queste domande fondamentali, che possono avere implicazioni per condizioni di memoria come il morbo di Alzheimer e potrebbero portare ad applicazioni per migliorare l’attenzione delle persone – e quindi la memoria – nella vita quotidiana. Per monitorare i vuoti di attenzione in relazione alla memoria, 80 soggetti di studio di età compresa tra 18 e 26 anni hanno avuto la misura delle loro pupille e la loro attività cerebrale monitorata tramite un elettroencefalogramma (EEG) – in particolare, le onde cerebrali denominate potenza alfa posteriore – durante l’esecuzione dei compiti come ricordare o identificare le modifiche a elementi studiati in precedenza. L’aumento del potere alfa nella parte posteriore del cranio è stato correlato a perdite di attenzione, vagabondaggio della mente, distraibilità e così via. Sappiamo anche che le costrizioni nel diametro della pupilla, in particolare prima di svolgere compiti diversi, sono legate a fallimenti delle prestazioni come tempi di reazione più lenti e più vagabondaggio mentale. Le differenze nella capacità delle persone di mantenere l’attenzione sono state misurate anche studiando quanto bene i soggetti fossero in grado di identificare un cambiamento graduale in un’immagine, mentre il multitasking dei media è stato valutato chiedendo alle persone di riferire quanto bene potevano interagire con più fonti multimediali, come inviare messaggi di testo e guardare la televisione, entro una determinata ora. Gli scienziati hanno quindi confrontato le prestazioni della memoria tra gli individui e hanno scoperto che quelli con una capacità di attenzione sostenuta inferiore e multitasker multimediali più pesanti hanno entrambi ottenuto risultati peggiori nelle attività di memoria. È importante sottolineare che questo lavoro dimostra una correlazione, non una causalità. Non si può dire che il multitasking dei media più pesanti causi difficoltà con attenzione sostenuta e problemi di memoria, anche se si sta imparando sempre di più sulle direzioni delle interazioni. Una direzione in cui il campo nel suo insieme è andato è concentrarsi su ciò che accade prima dell’apprendimento o, come in questo caso, prima ancora che si verifichi il ricordo. Questo perché la memoria dipende in gran parte dalla cognizione diretta all’obiettivo – abbiamo essenzialmente bisogno di essere pronti a ricordare, avere l’attenzione impegnata e un obiettivo di memoria in mente – al fine di recuperare i nostri ricordi. Sebbene sia logico che l’attenzione sia importante per l’apprendimento e per il ricordo, un punto importante qui è che le cose che accadono anche prima di iniziare a ricordare influenzeranno la possibilità o meno di riattivare effettivamente un ricordo che è rilevante per il tuo obiettivo attuale. Alcuni dei fattori che influenzano la preparazione della memoria sono già sotto il nostro controllo e possono quindi essere sfruttati per aiutare il richiamo. Ad esempio, la consapevolezza cosciente dell’attenzione, la prontezza a ricordare e la limitazione delle potenziali distrazioni consentono alle persone di influenzare la loro mentalità e alterare l’ambiente circostante per migliorare le prestazioni della memoria. Sebbene queste strategie relativamente semplici possano essere applicate ora, i ricercatori notano che alla fine potrebbero esserci esercizi o interventi mirati di formazione dell’attenzione che le persone possono utilizzare per aiutarli a rimanere coinvolti. Questi sono indicati come “interventi a circuito chiuso” e sono un’area attiva di ricerca. Ad esempio, i ricercatori immaginano sensori indossabili per gli occhi che rilevano i vuoti di attenzione in tempo reale in base alle dimensioni della pupilla. Se l’individuo che lo indossa può quindi essere sollecitato a riorientare la propria attenzione sull’attività da svolgere, i sensori possono aiutare l’apprendimento o il richiamo delle informazioni. Infine, i progressi nella misurazione degli stati attenzionali e del loro impatto sull’uso degli obiettivi per guidare il ricordo promettono anche una migliore comprensione della malattia o delle condizioni di salute che influenzano la memoria. Adesso esiste un’opportunità di esplorare e capire come le interazioni tra le reti cerebrali che supportano l’attenzione, l’uso degli obiettivi e la memoria si relazionano alle differenze individuali nella memoria negli anziani sia indipendenti che in relazione al morbo di Alzheimer.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Nature

Immagine: Laptop with fish (Christos Charalambous)

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Artamia ha detto:

    . . . Mappare il cervello. Realtà o fantasia? https://oggiscienza.it/2020/10/28/mappare-cervello-realta-fantasia/ via @OggiScienza

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.