L’orologio “epigenetico” fornisce informazioni sull’invecchiamento del cervello umano

Mentre il nostro orologio biologico circadiano determina il nostro ritmo preferito di sonno o veglia, un concetto relativamente nuovo – l’orologio epigenetico – potrebbe informarci su quanto velocemente invecchiamo e quanto siamo inclini alle malattie della vecchiaia. Le persone invecchiano a ritmi diversi, con alcuni individui che sviluppano sia caratteristiche che malattie legate all’invecchiamento precocemente rispetto ad altri. Comprendere di più su questa cosiddetta “età biologica” potrebbe aiutarci a saperne di più su come possiamo prevenire le malattie associate all’età, come la demenza. I marcatori epigenetici controllano la misura in cui i geni vengono attivati e disattivati attraverso i diversi tipi di cellule e tessuti che compongono un corpo umano. A differenza del nostro codice genetico, questi segni epigenetici cambiano nel tempo e questi cambiamenti possono essere utilizzati per prevedere con precisione l’età biologica da un campione di DNA. Ora, gli scienziati dell’Università di Exeter hanno sviluppato un nuovo orologio epigenetico specifico per il cervello umano. Come risultato dell’utilizzo di campioni di tessuto cerebrale umano, il nuovo orologio è molto più accurato rispetto alle versioni precedenti, che erano basate su campioni di sangue o altri tessuti. I ricercatori sperano che il loro nuovo orologio, pubblicato su Brain e finanziato dall’Alzheimer’s Society, fornirà informazioni su come l’invecchiamento accelerato nel cervello potrebbe essere associato a malattie cerebrali come l’Alzheimer e altre forme di demenza. L’area di ricerca degli orologi epigenetici è davvero entusiasmante e ha il potenziale per aiutare a comprendere i meccanismi coinvolti nell’invecchiamento. Questo nuovo orologio aiuterà a esplorare l’invecchiamento accelerato nel cervello umano. Dato che stanno usando campioni di cervello, questo chiaramente non è un modello che può essere usato nelle persone viventi per dire quanto velocemente invecchiano, tuttavia, è possibile applicarlo al tessuto cerebrale donato per aiutare a saperne di più sui fattori coinvolti nelle malattie del cervello come la demenza. Il team di ricerca ha adottato un approccio unico per analizzare 1.397 campioni di cervello umano, da persone di età compresa tra uno e 108 anni. I modelli precedenti si basavano in gran parte su campioni di sangue di persone di mezza età, quindi l’ampia fascia di età è un altro punto di forza che rende il nuovo modello un predittore più accurato. Il team ha analizzato un marker epigenetico noto come metilazione del DNA nella corteccia umana, una regione del cervello coinvolta nella cognizione e implicata in malattie come il morbo di Alzheimer. Il team ha identificato 347 siti di metilazione del DNA che predicono in modo ottimale l’età nella corteccia umana, se analizzati in combinazione. Hanno quindi testato il loro modello in una raccolta separata di 1.221 campioni di cervello umano della coorte Brains for Dementia Research (BDR), finanziata dall’Alzheimer’s Society e Alzheimer’s Research UK, e in un set di dati di 1.175 campioni di sangue. Questo nuovo orologio biologico epigenetico ha notevolmente superato i modelli precedenti nella previsione dell’età biologica nel cervello umano. Lo studio evidenzia l’importanza dell’utilizzo di tessuti rilevanti per il meccanismo che si desidera esplorare durante lo sviluppo di modelli di orologio epigenetico. In questo caso, l’utilizzo del tessuto cerebrale garantisce che l’orologio epigenetico sia adeguatamente calibrato per indagare sulla demenza. Il team di ricerca sta ora lavorando sull’utilizzo del modello su campioni di cervello di persone che avevano il morbo di Alzheimer. Ipotizzano che troveranno prove di un invecchiamento biologico elevato in questi campioni. L’epigenetica è un’area fiorente della ricerca sulla demenza e questo studio è estremamente prezioso poiché continuiamo a comprendere meglio il ruolo e l’impatto dell’Alzheimer sull’invecchiamento cerebrale. Se si riesce a prevedere in modo più accurato l’invecchiamento del cervello e scoprire le cause alla base di questa condizione altamente complessa, c’è la più grande opportunità di sviluppare trattamenti efficaci che potrebbero rallentarne la progressione. Questo lavoro è possibile solo grazie al sostegno di enti di beneficenza come l’Alzheimer’s Society, che ha finanziato questo lavoro, ma c’è bisogno di maggiori investimenti. I governi dovrebbero impegnarsi a raddoppiare i finanziamenti per la ricerca sulla demenza in modo da poter mantenere lo slancio in questo campo, dando speranza alle milioni di persone che vivono con demenza.

Daniele Corbo

Bibliografia: lo studio apparirà su Brain.

Immagine: L’immagine è di dominio pubblico.

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.