Come i neuroni cerebrali influenzano le scelte

Questa vignetta mostra una donna che decide tra due bicchieri di succo

Quando ti trovi di fronte a una scelta – ad esempio, se prendere un gelato o una torta al cioccolato per dessert – una serie di cellule cerebrali appena sopra i tuoi occhi si attivano mentre valuti le tue opzioni. Studi su animali hanno dimostrato che ogni opzione attiva un insieme distinto di neuroni nel cervello. Più l’offerta è allettante, più velocemente si attivano i neuroni corrispondenti. Ora, uno studio sulle scimmie condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis ha dimostrato che l’attività di questi neuroni codifica il valore delle opzioni e determina la decisione finale. Negli esperimenti, i ricercatori hanno permesso agli animali di scegliere tra diversi gusti di succo. Modificando l’attività dei neuroni, i ricercatori hanno cambiato il modo in cui le scimmie hanno trovato ogni opzione attraente, portando gli animali a fare scelte diverse. Lo studio è stato pubblicato il 2 novembre sulla rivista Nature. Una comprensione dettagliata di come vengono valutate le opzioni e vengono fatte le scelte nel cervello aiuterà a capire come il processo decisionale va storto nelle persone con condizioni come dipendenza, disturbi alimentari, depressione e schizofrenia. In una serie di disturbi mentali e neuropsichiatrici, i pazienti fanno costantemente scelte sbagliate, ma non capiamo esattamente perché. Ora i ricercatori hanno individuato un pezzo fondamentale di questo puzzle. Facendo luce sui meccanismi neurali alla base delle scelte, acquisiremo una più profonda comprensione di questi disturbi. Nel XVIII secolo, gli economisti Daniel Bernoulli, Adam Smith e Jeremy Bentham suggerirono che le persone scegliessero tra le opzioni calcolando il valore soggettivo di ciascuna offerta, prendendo in considerazione fattori come la quantità, la qualità, il costo e la probabilità di ricevere effettivamente l’offerta promessa. Una volta calcolati, i valori verrebbero confrontati per prendere una decisione. Ci sono voluti quasi tre secoli per trovare le prime prove concrete di tali calcoli e confronti nel cervello. Nel 2006, un team di neurobiologia presso la Harvard Medical School, ha pubblicato un documento innovativo su Nature che descrive la scoperta di neuroni che codificano il valore soggettivo offerto e i beni scelti. I neuroni sono stati trovati nella corteccia orbitofrontale, un’area del cervello appena sopra gli occhi coinvolta nel comportamento diretto allo scopo. All’epoca, tuttavia, non erano in grado di dimostrare che i valori codificati nel cervello portassero direttamente a scegliere un’opzione rispetto a un’altra. Hanno trovato neuroni che codificano valori soggettivi, ma i segnali di valore possono guidare tutti i tipi di comportamenti, non solo la scelta. Possono guidare l’apprendimento, l’emozione, l’attenzione percettiva e gli aspetti del controllo motorio. Dovevano dimostrare che i segnali di valore in una particolare regione del cervello guidano le scelte. Per esaminare la connessione tra i valori codificati dai neuroni e il comportamento di scelta, i ricercatori hanno eseguito due esperimenti. In un esperimento, i ricercatori hanno ripetutamente presentato alle scimmie due bevande e registrato le selezioni degli animali. Le bevande erano offerte in quantità variabili e comprendevano limonata, succo d’uva, succo di ciliegia, succo di pesca, punch alla frutta, succo di mela, succo di mirtillo rosso, tè alla menta, punch al kiwi, succo di anguria e acqua salata. Le scimmie spesso preferivano un gusto piuttosto che un altro, ma a loro piaceva anche ottenere di più anziché di meno, quindi le loro decisioni non erano sempre facili. Ogni scimmia indicò la sua scelta guardando verso di essa e la bevanda scelta fu consegnata. Quindi, i ricercatori hanno posizionato minuscoli elettrodi nella corteccia orbitofrontale di ciascuna scimmia. Gli elettrodi stimolano in modo indolore i neuroni che rappresentano il valore di ogni opzione. Quando i ricercatori hanno erogato una bassa corrente attraverso gli elettrodi mentre a una scimmia venivano offerti due drink, i neuroni dedicati a entrambe le opzioni hanno iniziato a sparare più velocemente. Dal punto di vista della scimmia, ciò significava che entrambe le opzioni diventavano più allettanti ma, a causa del modo in cui i valori sono codificati nel cervello, l’attrattiva di un’opzione è aumentata più di quella dell’altra. Il risultato è che la stimolazione di basso livello ha reso l’animale più propenso a scegliere un’opzione particolare, in modo prevedibile. In un altro esperimento, le scimmie hanno visto prima un’opzione, poi l’altra, prima di fare una scelta. Fornire una corrente più elevata mentre la scimmia stava valutando un’opzione ha interrotto il calcolo del valore in corso in quel momento, rendendo la scimmia più propensa a scegliere quale opzione non è stata interrotta. Questo risultato indica che i valori calcolati nella corteccia orbitofrontale sono una parte necessaria per fare una scelta. Quando si tratta di questo tipo di scelte, il cervello della scimmia e il cervello umano sembrano molto simili. Si pensa che questo stesso circuito neurale sia alla base di tutti i tipi di scelte che le persone fanno, come tra diversi piatti nel menu di un ristorante, investimenti finanziari o candidati a un’elezione. Anche le decisioni importanti della vita come quale carriera scegliere o chi sposare probabilmente utilizzano questo circuito. Ogni volta che una scelta si basa su preferenze soggettive, questo circuito neurale ne è responsabile.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Values encoded in orbitofrontal cortex are causally related to economic choices” by Sébastien Ballesta, Weikang Shi, Katherine E. Conen & Camillo Padoa-Schioppa. Nature

Immagine: L’immagine è attribuita a Mike Worful

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. luisa zambrotta ha detto:

    Lettura interessante!
    Buon pomeriggio ❤

    "Mi piace"

    1. Grazie cara. Spero che tu stia bene… Buon pomeriggio a te ed un abbraccio forte🤗❤️💕

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Benino, diciamo
        Buon pomeriggio a te 🤗❤️🤗❤️

        "Mi piace"

  2. Ana de Lacalle ha detto:

    en algunos individuos con cortocircuitos severos!!!!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.