Perché i robot simili a umani suscitano sentimenti inquietanti

Cycle History of One Android - №1 Painting by Georgi Panayotov |

Gli androidi, o robot con caratteristiche umane, sono spesso più attraenti per le persone rispetto a quelli che assomigliano a macchine, ma solo fino a un certo punto. Molte persone provano una sensazione di disagio in risposta a robot che sono quasi realistici, eppure in qualche modo non del tutto “giusti”. La sensazione di affinità può precipitare in una di repulsione man mano che la somiglianza umana di un robot aumenta, una zona nota come “la valle misteriosa”. La rivista Perception ha pubblicato nuovi approfondimenti sui meccanismi cognitivi alla base di questo fenomeno realizzati dagli psicologi della Emory University. Poiché la valle misteriosa è stata descritta per la prima volta, si è sviluppata un’ipotesi comune per spiegarla. Conosciuta come teoria della percezione mentale, propone che quando le persone vedono un robot con caratteristiche simili a quelle umane, aggiungono automaticamente una mente ad esso. Secondo questa teoria, la crescente sensazione che una macchina sembri avere una mente porta alla sensazione inquietante. Invece i ricercatori hanno scoperto che è vero il contrario. Non è il primo passo per attribuire una mente a un androide, ma il passo successivo per ‘disumanizzarlo’ sottraendo l’idea che abbia una mente che conduce alla valle misteriosa. I risultati hanno implicazioni sia per la progettazione dei robot sia per la comprensione di come ci percepiamo l’un l’altro come esseri umani. I robot stanno entrando sempre più nel dominio sociale per tutto, dall’istruzione alla sanità. Il modo in cui li percepiamo e ci relazioniamo con essi è importante sia dal punto di vista degli ingegneri che degli psicologi. Al centro di questa ricerca c’è la questione di ciò che percepiamo quando guardiamo un volto. Probabilmente è una delle domande più importanti in psicologia. La capacità di percepire le menti degli altri è il fondamento delle relazioni umane. La ricerca può aiutare a svelare i meccanismi coinvolti nella cecità mentale – l’incapacità di distinguere tra esseri umani e macchine – come nei casi di autismo estremo o alcuni disturbi psicotici. L’antropomorfizzazione, o la proiezione delle qualità umane sugli oggetti, è comune. Ad esempio, vediamo spesso volti in una nuvola. A volte antropomorfizziamo anche macchine che stiamo cercando di capire, come le nostre macchine o un computer. Dare un nome alla propria auto o immaginare che una nuvola sia un essere animato, tuttavia, non è normalmente associato a una sensazione inquietante. Ciò ha portato a ipotizzare che durante la visualizzazione di un androide potrebbe verificarsi qualcosa di diverso dalla semplice antropomorfizzazione. Per smascherare i ruoli potenziali della percezione mentale e della disumanizzazione nel fenomeno della valle misteriosa, i ricercatori hanno condotto esperimenti incentrati sulle dinamiche temporali del processo. Ai partecipanti sono stati mostrati tre tipi di immagini: volti umani, volti di robot dall’aspetto meccanico e volti di androidi che somigliavano molto agli esseri umani, ed è stato chiesto loro di valutare ciascuno per l’animazione o “vitalità” percepita. I tempi di esposizione delle immagini sono stati sistematicamente manipolati, entro millisecondi, poiché i partecipanti hanno valutato la loro animosità. I risultati hanno mostrato che l’animazione percepita è diminuita in modo significativo in funzione del tempo di esposizione per i volti degli androidi ma non per i robot dall’aspetto meccanico o per i volti umani. E nei volti androidi, l’animazione percepita scende tra 100 e 500 millisecondi di tempo di visualizzazione. Questa tempistica è coerente con la ricerca precedente che mostrava che le persone iniziano a distinguere tra volti umani e artificiali circa 400 millisecondi dopo l’inizio dello stimolo. Una seconda serie di esperimenti ha manipolato sia il tempo di esposizione che la quantità di dettagli nelle immagini, spaziando da uno schizzo minimo delle caratteristiche a un’immagine completamente sfocata. I risultati hanno mostrato che la rimozione dei dettagli dalle immagini delle facce degli androidi riduceva l’animazione percepita insieme alla stranezza percepita. L’intero processo è complicato ma avviene in un batter d’occhio. Questi risultati suggeriscono che a prima vista antropomorfizziamo un androide, ma in pochi millisecondi rileviamo deviazioni e lo disumanizziamo. E quel calo di percezione di quanto sia senziente o vivo l’androide probabilmente contribuisce alla sensazione inquietante.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Human Perception of Animacy in Light of the Uncanny Valley Phenomenon” by Shensheng Wang, Philippe Rochat. Perception.

Immagine: History of One Android (Georgi Panayotov)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Li trovo inquietanti, anche se non mi dispiacciono.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.