La connessione umana alla natura ha radici psicologiche e potrebbe ridurre il rischio di malattie

Forest Painting by Elena Shnit | Saatchi Art

La connessione emotiva o la sensazione di calma che accompagna una passeggiata in un parco o in una foresta è il risultato di esigenze psicologiche soddisfatte, secondo un recente studio condotto da ricercatori della Texas A&M University, dell’Università della Georgia e del Dipartimento delle risorse naturali del Minnesota. Lo studio ha scoperto che l’attaccamento delle persone alla natura selvaggia può essere spiegato dai loro bisogni psicologici di base di autonomia, parentela e competenza. Ulteriori collegamenti di ricerca collocano l’attaccamento, in particolare alle aree in cui gli alberi sono abbondanti, a sensazioni di benessere, suggerendo che trascorrere del tempo in aree naturali può fornire risultati positivi per la salute mentale e fisica e migliorare la guarigione. Con l’aumento dello stress e dell’isolamento dovuti a COVID-19, le aree naturali e i benefici psicologici che forniscono sono necessari ora più che mai, dicono i ricercatori.   Nel contesto del COVID-19, i benefici per la salute fisica e mentale umana sono diventati sempre più importanti con l’aumento delle visite alle aree protette e la partecipazione ad attività all’aperto come l’escursionismo, il campeggio e la pesca. Il team ha condotto uno studio trasversale insieme a un gruppo selezionato di ex colleghi e studenti, esaminando 795 americani per valutare il loro attaccamento a un’area selvaggia che è speciale per loro. Lo studio, Psychological Needs Satisfaction and Attachment to Natural Landscapes, è stato recentemente pubblicato su Environment and Behaviour. Agli intervistati è stato chiesto di valutare il loro attaccamento sulla base dell’identità del luogo, dell’attaccamento emotivo e della dipendenza e anche su quanto bene soddisfacesse i loro bisogni di autonomia e connessione emotiva. I risultati dello studio hanno mostrato che la capacità dell’area selvaggia di soddisfare i bisogni psicologici di base prediceva il livello di attaccamento che si provava verso l’area.  I ricercatori hanno trovato forti relazioni tra l’attaccamento emotivo degli intervistati e l’autonomia che sentivano che l’ambiente forniva loro. I loro dati suggeriscono che l’identità del luogo è fortemente legata al bisogno psicologico di un individuo di parentela o connessione emotiva.  Il bisogno dell’uomo per la natura varia notevolmente per una serie di ragioni, ma è stato anche collegato all’evoluzione. Per alcuni, il bisogno, o il tratto, è forte. Per molti, i contesti ambientali sono anche legate a una serie di ricordi di esperienze passate con altri significativi. Questi ricordi possono risalire alla prima infanzia e possono essere profondamente emotivi. Dato che le persone spesso partecipano ad attività ricreative all’aperto con amici o altri significativi, i ricercatori non sono rimasti sorpresi da questa scoperta, che promuove anche ulteriori indagini sui risultati dell’attaccamento al benessere e sui benefici sociali delle aree selvagge nelle comunità.  Partendo dalla ricerca che suggerisce che la natura selvaggia e gli alberi promuovono la salute fisica, psicologica e sociale, il Texas A&M Forest Service ha introdotto un’iniziativa che chiamano “Healthy Trees, Healthy Lives” in collaborazione con il servizio forestale degli Stati Uniti e Associazione nazionale forestali dello Stato. L’agenzia sta ora promuovendo tale iniziativa con Texas A&M AgriLife e la Texas A&M School of Public Health.  Sicuramente questa collaborazione è molto interessante, non solo perché porta più alberi nell’ambiente urbano, ma anche per fare la ricerca che mostra quale beneficio hanno sia per la salute fisica umana che per la salute mentale umana. La letteratura mostra che i paesaggi degli alberi hanno un impatto sulla salute umana in tre aree principali: obesità, malattie croniche e salute mentale. Come mostrato nello studio, trovarsi in aree selvagge può influenzare i comportamenti e contribuire al benessere psicologico, e il supporto della ricerca mostra vari benefici per la salute del cuore e dei polmoni, la cura della pelle e il funzionamento cognitivo, tra gli altri, dall’esposizione agli alberi. Si sa che gli alberi svolgono un ruolo importante nella salute umana e promuovono il benessere e che attirano le persone all’aria aperta in modo che possano fare più esercizio, il che riduce il rischio di malattie croniche. I partner di ricerca della Texas A&M non stanno solo cercando di incoraggiare il tempo trascorso nella natura selvaggia e tra i paesaggi degli alberi, ma sperano di aumentare l’accessibilità di questi spazi per coloro che altrimenti potrebbero non avere accesso regolare ai spazi verdi.  È altrettanto importante portare quelle foreste nei centri urbani in modo che le persone possano avere questa esposizione proprio nei loro cortili per promuovere l’esercizio e la sensazione di benessere che si prova quando si è in presenza di alberi.  Quando vengono portati nelle città e nelle aree urbane, gli spazi naturali hanno il potenziale per migliorare il benessere, oltre la semplice salute fisica. Le aree protette situate all’interno e intorno alle città, spesso denominate infrastrutture verdi, sono importanti per la gamma di servizi ecosistemici che offrono. Inoltre hanno tanti altri vantaggi che contribuiranno alla capacità di adattamento e alla resilienza delle nostre città. Queste aree naturali sono note per migliorare le minacce di inondazioni, calore urbano, qualità dell’acqua e inquinamento atmosferico, migliorando la qualità generale della vita. Garantire l’accesso alle aree naturali è diventato sempre più importante sulla scia del COVID-19, poiché le linee guida sanitarie hanno limitato l’interazione sociale e il tempo trascorso fuori casa. Gli spazi verdi, in particolare quelli vicino a casa, offrono opportunità per sfuggire all’isolamento in modo sano e sicuro. Oltre a garantire la disponibilità di più spazi verdi, questa ricerca consolida la necessità di una gestione e protezione adeguate degli spazi naturali e selvaggi attualmente esistenti. I paesaggi selvaggi offrono un’opportunità unica per comportamenti autoregolati e, di conseguenza, meritano una considerazione speciale come luoghi di valore e protezione.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Psychological Needs Satisfaction and Attachment to Natural Landscapes” by Gerard Kyle et al.Environment and Behavior

Immagine: Forest (Elena Shnit)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Su di me la natura e in particolare gli alberi generano una pace assoluta. Ho la fotuna di vivere a ridosso di un bosco e spesso mi ci infilo dentro e ci sto meravigliosamente bene. Dimentico tutto. Fisicamente può avere i suoi efetti, ma mentalmente è davvero un benificio.

    "Mi piace"

    1. E purtroppo ancora non vengono fatti adeguati investimenti per aumentare le superfici di boschi. Sono un aiuto importante per il benessere mentale.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.