La mancanza di positività può predire la ricaduta nel disturbo bipolare

Bipolar Painting by Marta Araujo |

Secondo uno studio pubblicato su eLife, la ricaduta nelle persone con disturbo bipolare può essere prevista con precisione dalla loro tendenza ad avere convinzioni pessimistiche. I risultati potrebbero fornire uno strumento urgentemente necessario per i medici per prevedere la ricaduta imminente e fornire un trattamento tempestivo. Il disturbo bipolare è caratterizzato da periodi successivi di euforia (mania) e depressione, intervallati da fasi asintomatiche, chiamate eutimia. Le persone che hanno periodi più brevi di eutimia asintomatica hanno maggiori probabilità di soffrire di disabilità, disoccupazione, ospedalizzazione e maggiori sentimenti di suicidio. Tuttavia, la previsione delle ricadute utilizzando gli strumenti diagnostici clinici esistenti o le informazioni demografiche si è dimostrata ampiamente inefficace nel disturbo bipolare. È già noto che le persone con depressione tendono a dare più peso alle informazioni negative rispetto alle informazioni positive, portando a visioni pessimistiche che possono peggiorare i sintomi. I ricercatori dell’Università di Parma volevano testare l’idea che, prima che si verifichi una ricaduta sintomatica nel disturbo bipolare, i pazienti mostrano uno schema specifico nel modo in cui aggiornano le loro convinzioni in base alle nuove informazioni, e questo schema li rende più vulnerabili alla ricaduta. Il team ha svolto un’attività di aggiornamento delle convinzioni con 36 persone con disturbo bipolare e poi le ha monitorate ogni due mesi per cinque anni per vedere quando hanno sviluppato i sintomi di una ricaduta. Nell’attività di aggiornamento delle convinzioni, ai pazienti sono state fornite informazioni su 40 eventi avversi della vita, come rapina o frode con carta di credito. È stato chiesto loro di stimare la probabilità che pensassero che l’evento si sarebbe verificato. Successivamente, sono state fornite informazioni sulla reale probabilità che l’evento accadesse. In alcuni casi, hanno ricevuto cattive notizie (ad esempio, una maggiore probabilità di una rapina di quanto pensassero) e in alcuni casi, buone notizie (ad esempio, avevano meno probabilità di essere vittime di frodi con carte di quanto pensassero). In una seconda sessione successiva è stato nuovamente chiesto loro di stimare la propria probabilità di incontrare l’evento. La differenza tra quanto hanno aggiornato le proprie convinzioni in risposta a notizie buone o cattive (chiamato pregiudizio di aggiornamento delle convinzioni) è stata quindi confrontata con la rapidità con cui hanno avuto una ricaduta. L’analisi ha mostrato che le persone che hanno avuto un cambiamento maggiore nelle loro convinzioni in risposta a informazioni positive ed erano più propense ad avere una visione ottimistica, hanno avuto un periodo di tempo più lungo prima della successiva insorgenza dei sintomi. Tuttavia, il compito non prevedeva se il successivo episodio sarebbe stato probabilmente mania o depressione. Quando testato contro altre caratteristiche cliniche, come l’età, la storia dei sintomi psicotici e la durata della malattia, solo il bias di aggiornamento delle convinzioni era fortemente collegato a più tempo trascorso nella fase euritmica e l’assunzione di antidepressivi era collegata a un tempo più breve trascorso nell’euritmia. Questi risultati mostrano che la misura in cui i pazienti bipolari hanno aggiornato le proprie convinzioni in risposta a informazioni positive, rispetto a informazioni negative, era predittiva di quando avrebbero avuto una ricaduta. Il modo in cui i pazienti aggiornano le loro convinzioni potrebbe essere introdotto in futuro come strumento di previsione del rischio per il disturbo bipolare, consentendo ai pazienti e ai medici di intensificare la vigilanza per riconoscere i sintomi e intervenire dove necessario.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Belief updating in bipolar disorder predicts time of recurrence” by Paolo Ossola, Neil Garrett, Tali Sharot, Carlo Marchesi. eLife

Immagine: Bipolar (Marta Araujo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.