Il test dell’udito può rilevare l’autismo nei neonati

Seeds of life, newborn baby with blue Painting by Adelacreative Adela  Trifan | Saatchi Art

Per anni, i ricercatori hanno saputo attraverso numerosi studi che l’udito e altri sistemi sensoriali di adulti e bambini con autismo differiscono dai bambini o dagli adulti senza autismo. Ora, i ricercatori dell’Università di Miami e della Harvard Medical School che hanno esplorato le risposte al test dell’udito standard somministrato a milioni di neonati in tutto il mondo, si stanno avvicinando a un modo per rilevare i primi indicatori di autismo, forse già alla nascita. Pubblicati sulla rivista Autism Research, i risultati potrebbero informare ulteriori ricerche e aprire la strada a valutazioni che possono identificare meglio i neonati con elevato rischio di autismo utilizzando test uditivi standard. I ricercatori osservano che tali test sono già regolarmente e ampiamente utilizzati per lo screening dei neonati per la perdita dell’udito. I test funzionano misurando la risposta uditiva del tronco cerebrale (ABR), che misura quanto bene l’orecchio interno e il cervello di un bambino rispondono al suono. Non sono ancora al punto in cui si può dire ai medici di utilizzare il test ABR come determinante per l’autismo nei bambini. Invece questo studio presenta una direzione promettente su come il test ABR può essere utilizzato come metodo per il rilevamento preciso dell’autismo alla nascita. L’importanza di diagnosticare l’autismo precocemente durante lo sviluppo del neonato e del bambino, quando gli interventi possono avere il maggior impatto, non può essere sopravvalutata. Qualsiasi strumento aggiuntivo in grado di chiarire gli indizi diagnostici sarebbe inestimabile a tale riguardo. Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato grandi set di dati di neonati della Florida che sono stati sottoposti a screening per ipoacusia con test ABR. Solitamente condotti nei reparti di maternità ospedalieri, i test effettuano registrazioni al computer dell’attività del nervo uditivo dei bambini esposti ai suoni trasmessi dagli elettrodi posti sul cuoio capelluto. Il suono del test è molto lieve e può essere eseguito mentre i bambini dormono. Il team di ricerca ha analizzato quasi 140.000 registrazioni uditive di bambini nati in Florida e ha confrontato i dati con i documenti del Florida Department of Education che indicano bambini con disabilità dello sviluppo. Alla fine, hanno scoperto che i neonati a cui è stato successivamente diagnosticato l’autismo avevano risposte cerebrali più lente ai suoni durante i loro test ABR. All’interno del set di dati che hanno utilizzato dai registri del Dipartimento dell’Istruzione dei bambini affetti da autismo, hanno visto quanti potevamo abbinare dagli screening dei test ABR. Hanno individuato 321 bambini che erano stati sottoposti a screening ABR quando erano neonati e che sono stati successivamente diagnosticati con autismo in età prescolare. Con ulteriori indagini, i ricercatori sperano di aggiungere ulteriori livelli agli screening ABR in modo che i medici possano utilizzarli non solo per comprendere meglio l’udito di un neonato e il rischio di autismo, ma potenzialmente altri problemi di sviluppo, come la parola, disturbi del linguaggio e sindrome della morte improvvisa infantile che potrebbe sorgere in seguito. Si sa che il disturbo dello spettro autistico è collegato al modo in cui i bambini elaborano il suono, quindi anche se l’udito del bambino è normale, può comunque essere elaborato in modo diverso. Con una migliore comprensione di come i test ABR possono essere utilizzati per identificare i bambini a rischio, è possibile segnalare i bambini che potrebbero essere a rischio.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Prolonged Auditory Brainstem Response in Universal Hearing Screening of Newborns with Autism Spectrum Disorder” by . Autism Research

Immagine: Seeds of life, newborn baby with blue (Adelacreative Adela Trifan)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. moragnoffke ha detto:

    That’s amazing!

    "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Una scoperta che potrebbe essere applicata a diverse problematiche! Complimenti a tutti i ricercatori.

    "Mi piace"

  3. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.