Un antidepressivo potrebbe aiutare a combattere il covid-19

This shows a person in a mask

L’antidepressivo fluvoxamina sembra prevenire il peggioramento delle infezioni da COVID-19 e può aiutare a tenere i pazienti fuori dall’ospedale, suggerisce uno studio basato sulla ricerca della University of Virginia School of Medicine. Lo studio clinico, condotto dalla Washington University School of Medicine di St. Louis, ha confrontato la fluvoxamina con un placebo in 152 pazienti ambulatoriali adulti infettati dal coronavirus. Nessuno dei partecipanti che hanno ricevuto fluvoxamina ha visto un “deterioramento clinico” dopo 15 giorni, mentre sei pazienti che hanno ricevuto il placebo lo hanno fatto. Di questi sei, quattro sono stati ricoverati in ospedale, per periodi che vanno da quattro a 21 giorni. Uno era con un ventilatore per 10 giorni. Sebbene la dimensione dello studio fosse piccola, i ricercatori affermano che i risultati sono statisticamente significativi e che la fluvoxamina merita ulteriori studi come trattamento COVID-19. Hanno in programma di lanciare una prova più ampia nelle prossime settimane. I pazienti che hanno assunto fluvoxamina non hanno sviluppato gravi difficoltà respiratorie o hanno richiesto il ricovero in ospedale per problemi con la funzione polmonare. La maggior parte dei trattamenti sperimentali per COVID-19 sono stati rivolti ai pazienti più malati, ma è anche importante trovare terapie che impediscano ai pazienti di ammalarsi abbastanza da richiedere ossigeno supplementare o da dover andare in ospedale. Questo studio suggerisce che la fluvoxamina può aiutare a riempire quella nicchia. I ricercatori della Washington University hanno lanciato lo studio randomizzato in doppio cieco basato su una ricerca in cui hanno scoperto l’anno scorso che la fluvoxamina può fermare l’infiammazione mortale nota come sepsi, in cui la risposta immunitaria sfugge al controllo. Il farmaco, hanno determinato, ha ridotto la produzione di citochine, che sono state collegate a “tempeste di citochine” potenzialmente mortali che si ritiene si verifichino nei casi gravi di COVID-19. Questa connessione ha spinto il team della Washington University a indagare sulla possibilità che la fluvoxamina potesse avere un effetto protettivo per i pazienti con COVID-19. Forse, hanno pensato, il farmaco potrebbe aiutare a prevenire le reazioni eccessive del sistema immunitario innescate da questo strano nuovo coronavirus. E il loro lavoro suggerisce che potrebbe farlo. Poiché livelli elevati di citochine sono stati associati alla gravità del COVID-19, testare la fluvoxamina in uno studio clinico ha avuto molto senso. Non è ancora chiara la modalità di azione della fluvoxamina contro SARS-CoV-2, ma la ricerca è in corso per trovare la risposta. Il team della Washington University ha notato che una recente ricerca ha sollevato dubbi sul fatto che le citochine stiano davvero giocando un ruolo importante nelle morti per COVID-19. In caso contrario, dicono i ricercatori, la fluvoxamina potrebbe avere effetti benefici in qualche altro meccanismo non ancora compreso. Ci sono diversi modi in cui questo farmaco potrebbe funzionare per aiutare i pazienti COVID-19, ma si pensa che molto probabilmente potrebbe interagire con il recettore sigma-1 per ridurre la produzione di molecole infiammatorie. Ricerche passate hanno dimostrato che la fluvoxamina può ridurre l’infiammazione nei modelli animali di sepsi e potrebbe fare qualcosa di simile nei nostri pazienti. I ricercatori hanno sottolineato che c’erano diversi limiti alla loro ricerca. Oltre alle sue ridotte dimensioni, lo studio è stato ostacolato da altri fattori, incluso il fatto che il 20% dei partecipanti ha smesso di rispondere ai sondaggi durante i 15 giorni di prova. (I ricercatori hanno stabilito che nessuno di quei partecipanti richiedeva il ricovero in ospedale o le visite al pronto soccorso, ma non potevano escludere che i partecipanti cercassero cure altrove, ad esempio presso le cliniche di pronto soccorso). A causa di queste limitazioni, i ricercatori affermano che i risultati dello studio non dovrebbero essere trattati come una misura dell’efficacia della fluvoxamina contro COVID-19, ma come un indicatore incoraggiante che il farmaco merita ulteriori test. Se uno studio clinico più ampio (fase III) confermasse i risultati, la fluvoxamina sarebbe un trattamento perfetto per i pazienti COVID di nuova diagnosi. La fluvoxamina non è un farmaco sperimentale, è economico e sicuro e potrebbe essere disponibile come prima linea di difesa per alleggerire gli ospedali che sono sopraffatti dalla crisi sanitaria COVID.

Daniele Corbo

Bibliografia:”Fluvoxamine vs Placebo and Clinical Deterioration in Outpatients WithSymptomatic COVID-19: A Randomized Clinical Trial” by Eric J. Lenze, MD; Caline Mattar, MD; Charles F. Zorumski, MD; Angela Stevens, BA; Julie Schweiger; Ginger E. Nicol, MD; J. Philip Miller, AB; Lei Yang, MPH, MSIS; Michael Yingling, MS; Michael S. Avidan, MBBCh; Angela M. Reiersen, MD, MPE. JAMA

Immagine: L’immagine è di dominio pubblico

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. elettasenso ha detto:

    Sempre interessanti i tuoi articoli

    "Mi piace"

    1. Grazie, fa piacere sentirselo dire… Buona giornata

      "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Spero davvero vengano confermati gli studi sul farmaco e che possa essere d’aiuto presto.

    "Mi piace"

    1. Sarebbe un aiuto molto importante nella battaglia al Covid-19..

      Piace a 1 persona

  3. fulvialuna1 ha detto:

    Sarebbe davvero una grande possibilità:

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.