Valutazione della punizione nei bambini di 4 anni

Molti bambini sono disposti a fare sacrifici personali per punire i trasgressori – e ancora di più se credono che la punizione insegnerà una lezione al trasgressore, mostra un nuovo studio di Yale pubblicato il 23 novembre sulla rivista Nature Human Behaviour. Filosofi e psicologi hanno a lungo discusso se la ragione principale per cui le persone puniscono gli altri per un comportamento scorretto sia per mettere in atto una retribuzione o impartire una lezione morale. Negli adulti, la maggior parte degli studi mostra che la risposta è che le persone hanno entrambi i motivi. Ma che dire dei bambini, che sono meno intrisi di valori sociali?  I bambini sono meno esposti alle idee sociali su come comportarsi in un certo modo. I ricercatori volevano sapere se i bambini sono interessati a punire gli altri perché vogliono che i trasgressori paghino, perché vogliono dare una lezione ai cattivi, o una combinazione di entrambi. Per lo studio, i neuroscienziati hanno monitorato le risposte di 251 bambini di età compresa tra 4 e 7 anni che hanno guardato un video di un bambino che strappava l’opera d’arte di un altro giovane. I bambini dovevano prima decidere se punire il distruttore di opere d’arte portando via il loro iPad. Tuttavia, se i bambini avessero deciso di punire il trasgressore, dovrebbero fare un sacrificio personale: il loro iPad sarebbe bloccato. I ricercatori hanno diviso i bambini in due gruppi. Al primo gruppo è stato detto che se avessero scelto la punizione “retributiva”, il trasgressore avrebbe perso l’uso del proprio iPad ma non gli sarebbe stato detto il motivo. Al secondo gruppo è stato detto che se avessero punito il trasgressore gli sarebbe stato detto che era per aver strappato il disegno, quella che i ricercatori hanno chiamato la condizione “comunicativa”. Circa un quarto dei bambini (26%) nel primo gruppo ha deciso di punire il trasgressore anche dopo che gli era stato detto che avrebbero perso l’uso del proprio iPad. La retribuzione è una forza trainante nel giudizio morale dei bambini piccoli. Tuttavia, i bambini del secondo gruppo, che sapevano che al trasgressore sarebbe stato detto il motivo per cui veniva punito, avevano il 24% di probabilità in più di punire rispetto al primo gruppo. L’opportunità di insegnare una lezione a un trasgressore motiva i bambini a punire al di là del desiderio di vederli soffrire per le loro azioni. I bambini sembrano dotati in tenera età sia del desiderio che i punitori ricevano la loro giusta punizione, sia del desiderio di fare migliorare il loro comportamento per la volta successiva. Nonostante il gusto per la retribuzione, i bambini piccoli apprezzano anche i benefici sociali che la punizione può portare. Il modo in cui l’apprendimento sociale influisce sull’equilibrio dei motivi retributivi e lungimiranti per la punizione è una strada importante per lo studio futuro.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Children punish third parties to satisfy both consequentialist and retributive motives” by Julia Marshall, Daniel A. Yudkin & Molly J. Crockett . Nature Human Behavior

Immagine: Adrift Refugee Children (Connie Freid)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.