Perché la nostra ossessione per il lieto fine può portare a decisioni sbagliate

Happy-Ending Paintings For Sale | Saatchi Art

“Tutto è bene quel che finisce bene”, scrisse William Shakespeare oltre 400 anni fa. Le parole potrebbero ancora sembrare vere oggi, invece risulta che non lo sono. Hanno appena sfatato il vecchio mito in un recente esperimento di imaging cerebrale,  pubblicato sul Journal of Neuroscience. Le esperienze che finiscono bene non sono necessariamente buone nel complesso e le esperienze che finiscono meno bene non sono necessariamente così negative. Ad esempio, se giochi cinque round di poker, ti diverti di più a vincere due volte a metà gioco invece di una volta sola alla fine, ma non sempre ce ne rendiamo conto. In effetti, una delle numerose debolezze che ci spingono a prendere decisioni sbagliate è una preferenza ingiustificata per il lieto fine. Un lieto fine significa che le cose sono migliorate man mano che l’esperienza si svolgeva. Tuttavia, concentrarci sul lieto fine può farci trascurare ciò che è successo lungo la strada. Un lieto fine può essere breve e arrivare dopo un lungo periodo di mediocrità. Alla maggior parte di noi piace quando le nostre esperienze piacevoli sono il più lunghe possibile, ma allo stesso tempo vogliamo che le cose finiscano bene. Quando Silente è morto alla fine del film di Harry Potter, alcune persone potrebbero aver pensato che la loro intera esperienza fosse rovinata. Ma il divertimento che è già stato avuto non dovrebbe essere scontato a causa di una fine deludente. Una lunga vacanza con un tempo brillante tranne l’ultimo giorno non è complessivamente peggiore di una vacanza molto più breve con bel tempo ovunque. Tuttavia, questo è esattamente come alcune persone si sentono riguardo alle esperienze passate. E questa ossessione per le cose che migliorano sempre di più è un  errore del banchiere,  che si concentra sulla crescita a breve termine a scapito del risultato a lungo termine. Il nocciolo del problema è la differenza tra ciò che ci piace finché dura e ciò che vogliamo di nuovo dopo l’impressione finale. Fissare il lieto fine massimizza solo la nostra impressione finale, non il nostro godimento generale. Per esaminare questo fenomeno, i ricercatori hanno invitato 27 volontari a prendere parte a un esperimento di gioco d’azzardo virtuale. I partecipanti hanno guardato pentole di denaro sullo schermo di un computer mentre monete d’oro di diverse dimensioni cadevano nelle pentole una per una. Un lieto fine sarebbe quello in cui le monete d’oro più grandi cadevano alla fine della sequenza. L’esperimento si è svolto in uno scanner MRI, che ha permesso di monitorare l’attività del cervello mentre i partecipanti esaminavano coppie di sequenze di monete d’oro. Dopo ogni coppia dovevano decidere quale piatto preferivano. Si è scoperto che c’è una buona ragione per cui le persone sono attratte dal lieto fine. Le analisi computazionali delle registrazioni cerebrali hanno mostrato che viene registrato il valore di un’esperienza in due distinte regioni del cervello. Il valore complessivo è codificato in una regione del cervello chiamata amigdala, che ha una reputazione mista. È  stato affermato  che l’attivazione dell’amigdala media le risposte emotive che possono portare a comportamenti irrazionali, ma è stato anche dimostrato che può codificare razionalmente il risultato di  strategie di risparmio economico. Ma l’influenza dell’amigdala sul processo decisionale è segnata da attività disincentivante in una regione chiamata  insula anteriore  se un’esperienza precedente non finisce bene. L’insula anteriore è talvolta associata all’elaborazione di esperienze negative, come il disgusto, suggerendo che alcune persone sono  attivamente respinte dalla fine infelice. Nell’esperimento del gioco d’azzardo, i buoni decisori hanno scelto i piatti con la maggior parte dei soldi in totale, indipendentemente dal fatto che abbiano ottenuto monete d’oro più grandi alla fine. Hanno mostrato una forte rappresentazione del valore complessivo dell’amigdala, mentre i decisori subottimali avevano un’attività più forte nell’isola anteriore. In altre parole, i bravi responsabili delle decisioni devono essere in grado di annullare un’impressione sgradevole di un’esperienza, come una fine infelice. Diciamo che stai uscendo a cena e hai scelto tra un ristorante greco e uno italiano dove sei stato prima, essenzialmente chiedendo al tuo cervello di calcolare quale pasto era il migliore l’ultima volta. Se tutti i piatti del ristorante greco erano “abbastanza buoni” allora chiaramente l’intera cena era “abbastanza buona”. Ma se l’antipasto italiano era “così così”, il piatto principale era solo “a posto” ma il tiramisù alla fine era incredibile, allora potresti aver formato un’impressione eccessivamente positiva di quel ristorante italiano perché il pasto ha avuto un lieto fine. Poiché questi meccanismi cerebrali operano che lo vogliamo o no, possono essere rafforzati dalla cultura umana con il suo interesse a manipolare le nostre percezioni attraverso la pubblicità, la propaganda, le fake news e così via, sfruttando la nostra suscettibilità alla narrazione. Nessuno è immune dalla pubblicità. Più le istituzioni manipolano il nostro pensiero, più è minacciata la nostra capacità di prendere buone decisioni. Il nostro cervello intuitivo ha davvero bisogno dell’intervento dei nostri processi di pensiero più deliberati per aiutarci a resistere alle notizie false e ad altre manipolazioni. La maggior parte di noi sa già come farlo, ad esempio scrivendo un elenco di pro e contro per sostenersi in decisioni più sagge, piuttosto che fare affidamento sul nostro istinto. Quindi non è solo Shakespeare ad aver sbagliato. Se il nostro comportamento quotidiano si concentra troppo strettamente sul passato immediato, ci stiamo perdendo. Dobbiamo fermarci e pensare a ciò che stiamo facendo usando la nostra corteccia prefrontale e annullare questi impulsi e concentrarci sull’aspetto più rilevante della decisione.

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Committed Retro Comic Couple II (Dane Shue)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviacavalieri ha detto:

    Sono troppo attratta dal lieto fine e tendo a dare una connotazione molto negativa a esperienze nel complesso buone, ma contaminate da un finale sgradevole. così butto via interi anni del mio passato e molto, molto di più.

    "Mi piace"

    1. E pensi che si possa correggere questa modalità di sentire e pensare?

      Piace a 1 persona

      1. silviacavalieri ha detto:

        Per il caso mio sono molto dubbiosa. Cerco persino i film a lieto fine! Tuttavia niente è impossible… La consapevolezza di una diversa possibile scelta è già motivo di riflessione.

        "Mi piace"

      2. Infatti, sono d’accordo con te!

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.