Un’app prevede il rischio di sviluppare l’Alzheimer

This shows a brain and a neuron on a cell phone

Un nuovo studio dell’Università di Lund in Svezia mostra che biomarcatori convalidati possono rivelare il rischio di un individuo di sviluppare la malattia di Alzheimer. Utilizzando un modello che combina i livelli di due proteine ​​specifiche nel sangue di quelli con lieve compromissione della memoria, i ricercatori sono in grado di prevedere il rischio di sviluppare l’Alzheimer. I ricercatori hanno anche sviluppato un’app che i medici possono utilizzare per fornire ai pazienti una valutazione del rischio. I ricercatori hanno studiato a lungo biomarcatori diversi per produrre una migliore diagnostica in una fase iniziale della malattia di Alzheimer. Nell’ultimo anno, hanno anche sviluppato marcatori accurati negli esami del sangue per l’Alzheimer. L’obiettivo è stato quello di identificare la malattia in una fase precoce della sua progressione, prima della fase di demenza vera e propria, al fine di iniziare il trattamento per alleviare i sintomi, evitare esami non necessari e creare un senso di sicurezza tra i pazienti. Molte persone con malattia di Alzheimer attualmente cercano cure quando hanno sviluppato solo un lieve deterioramento della memoria, il che significa molti anni prima dello stadio di demenza della malattia. Spesso è difficile per i medici fornire la diagnosi corretta nelle persone con disturbi della memoria più lievi, poiché molte condizioni diverse dall’Alzheimer possono essere la causa. In questo studio hanno sviluppato un modello che si basa sui risultati di un semplice esame del sangue e che con un alto grado di validità può prevedere chi svilupperà la demenza di Alzheimer entro quattro anni. Tra i tanti biomarcatori che i ricercatori hanno indagato nel corso degli anni, l’attuale studio mostra che un modello che combina la concentrazione e i livelli delle due proteine ​​’tau fosforilata’ e ‘neurofilamet light’ nel sangue è quello che dà il risultato più affidabile e prognosi paragonabile alle odierne analisi del liquido spinale cerebrale (CSF). Il modello fornisce anche una risposta più affidabile rispetto all’attuale modello di base che coinvolge età, sesso, istruzione e test di memoria di base. Oltre a questa valutazione iniziale, i metodi attualmente offerti per la diagnosi della malattia di Alzheimer sono metodi costosi e che richiedono tempo utilizzando telecamere PET e analisi del liquido cerebrospinale, che sono disponibili solo in alcune strutture sanitarie specialistiche. Il loro obiettivo negli ultimi anni è stato quello di trovare metodi semplici che possano essere utilizzati nelle cure primarie per fare una diagnosi precoce e iniziare il trattamento per alleviare i sintomi in una fase precoce. Ciò richiederà più studi, ma hanno compiuto assolutamente un passo importante verso il loro obiettivo. I ricercatori hanno anche sviluppato uno strumento online – un’app – che combina i dati di base (età, sesso, istruzione e test cognitivi di base) con i risultati dei biomarcatori dell’individuo nel sangue. Presi insieme, forniscono informazioni sul rischio di un singolo paziente di sviluppare la malattia di Alzheimer entro due o quattro anni. L’app è attualmente destinata solo alla ricerca e deve essere convalidata in più studi prima di poter essere utilizzata in ambito sanitario. L’app è disponibile su:  https://brainapps.shinyapps.io/plasmaatnapp/ . Lo studio ha coinvolto un totale di 573 persone con decadimento cognitivo lieve e un’età media di 71 anni. I partecipanti, che rappresentavano una selezione di individui, provenivano dai due principali studi multicentrici: lo Swedish BioFinder Study e l’ADNI, the Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Nature Aging.

Immagine: The image is in the public domain

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.