I bambini con dislessia mostrano risposte emotive più forti

Dyslexia Drawing by Thomas Will Whittaker | Saatchi Art

I bambini con diagnosi di dislessia mostrano una maggiore reattività emotiva rispetto ai bambini senza dislessia, secondo un nuovo studio collaborativo dei neuroscienziati dell’UC San Francisco con l’UCSF Dyslexia Center e l’UCSF Memory and Aging Center. Nello studio, pubblicato online in una prima forma il 20 novembre 2020 su Cortex, i bambini con dislessia che hanno guardato video emotivamente evocativi hanno mostrato un aumento delle risposte fisiologiche e comportamentali rispetto ai bambini senza dislessia. Questa maggiore reattività emotiva è stata correlata con una connettività più forte nella rete di salienza del cervello, un sistema che supporta la generazione di emozioni e l’autocoscienza. I risultati ampliano le attuali concettualizzazioni della dislessia tipica e suggeriscono che la sindrome è molto più complessa di una semplice debolezza nelle capacità di lettura, aggiungendo supporto alla crescente consapevolezza che la dislessia è spesso associata a punti di forza interpersonali nascosti. Ci sono aneddoti che alcuni bambini con dislessia hanno una maggiore intelligenza sociale ed emotiva. Non è possibile dire che tutti i bambini con dislessia siano necessariamente dotati in questo modo, ma è corretto pensare che la dislessia sia associata sia ai punti di forza che a quelli di debolezza. I ricercatori hanno reclutato 32 bambini di età compresa tra gli 8 ei 12 anni con la classica forma “fonologica” di dislessia per partecipare allo studio, oltre a 22 bambini senza dislessia. Il team ha testato i bambini con dislessia per confermare che avevano tutti difficoltà a leggere, valutare la loro comprensione dei termini emotivi e misurare le loro prestazioni su una serie di test cognitivi. Bambini e genitori hanno anche risposto a questionari riguardanti la loro salute emotiva e mentale. All’UCSF Dyslexia Center, i bambini sono stati dotati di sensori per monitorare la respirazione, la conduttanza della pelle e la frequenza cardiaca e le loro espressioni facciali sono state filmate mentre guardavano brevi filmati progettati per suscitare emozioni positive e negative specifiche come divertimento e disgusto. Ad esempio, hanno visto un bambino che rideva e una donna che stava per vomitare. I ricercatori hanno scoperto che i bambini con dislessia mostravano un comportamento facciale emotivo maggiore ed erano più reattivi fisiologicamente durante la visione dei filmati rispetto ai bambini senza dislessia. Inoltre, le scansioni MRI funzionali dell’attività cerebrale dei bambini hanno rivelato che i bambini più espressivi avevano una connettività più forte tra l’insula anteriore destra e la corteccia cingolata anteriore destra, strutture chiave nella rete di salienza che supportano la generazione di emozioni e la consapevolezza di sé. Nei bambini con dislessia, quelli con espressioni facciali emotive più forti avevano anche maggiori abilità sociali riferite dai genitori ma anche maggiori sintomi di ansia e depressione. Questi risultati suggeriscono che molti bambini con dislessia possono possedere punti di forza intorno all’acume sociale, poiché risposte emotive più forti possono essere un elemento chiave di relazioni sociali di successo. Alcuni adulti con dislessia riferiscono di aver superato la scuola “affascinando i loro insegnanti”. Questa capacità di stabilire connessioni sociali, spesso interpretata come una strategia puramente compensativa, potrebbe invece essere un segno di capacità emotive potenziate a livello neurologico. Tuttavia, una diagnosi di dislessia non è una garanzia di successo sociale. Come indicano i genitori, una maggiore reattività e sensibilità emotiva può anche essere un fattore di rischio per lo sviluppo di ansia e depressione, poiché questi bambini potrebbero rilevare segnali emotivi in ​​modo diverso dagli individui neurotipici. Un motivo in più per assicurarsi che questi bambini siano protetti e adeguatamente serviti nelle scuole, all’università ma anche sul posto di lavoro da adulti. Il messaggio per le famiglie è che questa condizione può essere definita dai suoi effetti negativi sulla lettura, ma bisogna guardare più in profondità e in modo più ampio a tutte le funzioni cerebrali nella dislessia al fine di ottenere una migliore comprensione dei punti di forza associati e identificare strategie di rimedio efficaci. Questi risultati hanno implicazioni per l’educazione dei bambini con dislessia. Bisogna basare l’insegnamento sui punti di forza e sui punti deboli. Ad esempio, i bambini con dislessia possono fare meglio in scenari di insegnamento individuale o di gruppo a seconda di come si connettono emotivamente con insegnanti o coetanei. Ma dobbiamo anche essere consapevoli della loro vulnerabilità all’ansia e alla depressione ed essere sicuri che abbiano un supporto adeguato per elaborare le loro emozioni potenzialmente forti. I ricercatori hanno altre domande a cui sperano di rispondere. Nel lavoro futuro cercheranno di determinare se la reattività emotiva porta a una maggiore empatia. I ricercatori sperano che, comprendendo meglio l’elaborazione sociale ed emotiva e altri punti di forza nella dislessia, saranno in grado di sviluppare interventi più mirati e ridurre lo stigma verso questa condizione. Nonostante alcune domande senza risposta, lo studio è un importante passo avanti nella comprensione della dislessia. È una novità per un istituto medico affrontare la dislessia perché è spesso considerata un problema accademico ed educativo. Ma la dislessia ha sede nel cervello e c’è bisogno di un approccio integrato tra neurologia, psichiatria, psicologia e istruzione per servire meglio questi bambini e le loro famiglie. Ogni volta che vengono condivisi questi risultati con le famiglie rimangono sbalordite perché aiuta a capire loro che la dislessia è molto più che sfide accademiche: si tratta di avere un particolare tipo di cervello con i suoi punti di forza e di debolezza, proprio come tutti.

Daniele Corbo

Bibliografia: lo studio apparirà su Cortex

Immagine: Dyslexia (Thomas Will Whittaker)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Hi dear
    Would be glad if you follow my blog
    Will follow your page too

    "Mi piace"

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Interessantissimo argomento.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.