Identificato collegamento mancante tra stress e infertilità

Fertility Painting by Karolina Venter |

Pubblicata su The Journal of Neuroscience e guidata dal team del Center for Neuroendocrinology, la ricerca ha confermato in test di laboratorio che una popolazione di cellule nervose vicino alla base del cervello – i neuroni RFRP – diventa attiva in situazioni di stress e poi sopprimere il sistema riproduttivo. Un passo avanti rivoluzionario che è diventato disponibile per i neuroscienziati negli ultimi anni è la capacità di controllare l’attività di gruppi selezionati di neuroni – per mettere a tacere o aumentare la loro attività, e quindi monitorare i risultati. Hanno utilizzato tecniche transgeniche all’avanguardia per dimostrare che quando l’attività delle cellule RFRP è aumentata, gli ormoni riproduttivi vengono soppressi, in modo simile a ciò che accade durante lo stress o durante l’esposizione al cortisolo, l’ormone dello stress. Sorprendentemente, quando hanno usato il cortisolo per sopprimere gli ormoni riproduttivi, ma hanno anche messo a tacere i neuroni RFRP, il sistema riproduttivo ha continuato a funzionare come se il cortisolo non fosse affatto presente – dimostrando che i neuroni RFRP sono un pezzo fondamentale del puzzle nello stress- soppressione della riproduzione indotta. Il team ha iniziato a ricercare il ruolo dei neuroni RFRP nel controllo della fertilità nei mammiferi circa un decennio fa. Si è interessato a sapere se questi neuroni potessero essere la causa della soppressione della fertilità durante lo stress cronico, dopo aver letto che queste cellule si attivano durante lo stress. Questa è una domanda che è rimasta ostinatamente senza risposta negli ultimi decenni. Sebbene sia noto che gli steroidi da stress – come il cortisolo – sono probabilmente parte del meccanismo coinvolto, è anche noto che le cellule cerebrali che controllano la riproduzione non sono in grado di rispondere al cortisolo, quindi sembrava esserci un anello mancante nel circuito da qualche parte. Hanno ora dimostrato che i neuroni RFRP sono davvero l’anello mancante tra stress e infertilità. Diventano attivi in situazioni di stress, forse percependo i livelli crescenti di cortisolo, e quindi sopprimono il sistema riproduttivo. È possibile che i farmaci possano essere utilizzati per bloccare le azioni dei neuroni RFRP, e questo sarà l’obiettivo di ulteriori ricerche per il team. Vorrebbero vedere se è possibile superare l’infertilità indotta dallo stress utilizzando farmaci che bloccano le azioni dei neuroni RFRP. Per le donne alle prese con l’infertilità, i farmaci che bloccano le azioni dei neuroni RFRP potrebbero rivelarsi una nuova terapia. Da quello che si sa di questi neuroni, un farmaco del genere non avrebbe effetti collaterali. Sono disponibili tali farmaci, ma non sono approvati per l’uso umano e probabilmente avrebbero bisogno di essere raffinati.

Daniele Corbo

Bibliografia: “RFamide-related peptide neurons modulate reproductive function and stress responses” by Asha Mamgain, India L. Sawyer, David A.M. Timajo, Mohammed Z. Rizwan, Maggie C. Evans, Caroline M. Ancel, Megan A. Inglis and Greg M. Anderson. Journal of Neuroscience

Immagine: Fertility (Karolina Venter)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Enza Graziano ha detto:

    Davvero interessante!

    "Mi piace"

    1. Grazie! Buona domenica

      "Mi piace"

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.