Individuare i bugiardi è difficile, ma c’è un metodo efficace ed etico

Liar Printmaking by Sierk van Meeuwen |

La maggior parte delle persone di tanto in tanto mente. Le bugie sono spesso banali ed essenzialmente irrilevanti, come fingere di apprezzare un regalo indesiderato. Ma in altri contesti, l’inganno è più grave e può avere effetti dannosi sulla giustizia penale. Da una prospettiva sociale, è meglio rilevare tali bugie che ignorarle e tollerarle. Sfortunatamente, è difficile rilevare le bugie con precisione. I rilevatori di bugie, come i poligrafi, che funzionano misurando il livello di ansia in un soggetto mentre rispondono alle domande, sono considerati “teoricamente deboli” e di dubbia affidabilità. Questo perché, come sa bene qualsiasi viaggiatore interrogato dai funzionari doganali, è possibile essere ansiosi senza essere colpevoli. I ricercatori hanno sviluppato un nuovo approccio per individuare i bugiardi basato sulla tecnica di intervista e sulla manipolazione psicologica, con risultati appena pubblicati sul Journal of Applied Research in Memory and Cognition. Questa tecnica fa parte di una nuova generazione di metodi di rilevamento della menzogna basati sulla cognizione che vengono sempre più studiati e sviluppati. Questi approcci postulano che i processi mentali e strategici adottati da chi dice la verità durante le interviste differiscono significativamente da quelli dei bugiardi. Utilizzando tecniche specifiche, queste differenze possono essere amplificate e rilevate. Uno di questi approcci è la tecnica Asymmetric Information Management (AIM). In sostanza, è progettata per fornire ai sospettati un mezzo chiaro per dimostrare la loro innocenza o colpevolezza agli investigatori fornendo informazioni dettagliate. I piccoli dettagli sono la linfa vitale delle indagini forensi e possono fornire agli investigatori fatti da controllare e testimoni da interrogare. È importante sottolineare che affermazioni più lunghe e dettagliate in genere contengono più indizi per un inganno rispetto a dichiarazioni brevi. In sostanza, il metodo AIM prevede di informare i sospettati di questi fatti. In particolare, gli intervistatori chiariscono agli intervistati che se forniscono dichiarazioni più lunghe e dettagliate sull’evento di interesse, l’investigatore sarà in grado di rilevare meglio se stanno dicendo la verità o mentendo. Per chi dice la verità, questa è una buona notizia. Per i bugiardi, questa è una notizia meno buona. In effetti, la ricerca mostra che quando ai sospetti vengono fornite queste istruzioni, si comportano in modo diverso a seconda che stiano dicendo la verità o meno. I rivelatori di verità in genere cercano di dimostrare la loro innocenza e comunemente forniscono informazioni più dettagliate in risposta a tali istruzioni. Al contrario, i bugiardi desiderano nascondere la loro colpa. Ciò significa che è più probabile che nascondano strategicamente le informazioni in risposta alle istruzioni AIM. La loro ipotesi (totalmente corretta) qui è che fornire più informazioni renderà più facile per l’investigatore rilevare la loro menzogna, quindi, invece, forniscono meno informazioni. Questa asimmetria nelle risposte di bugiardi e di chi dice la verità – da cui la tecnica AIM prende il nome – suggerisce due conclusioni. Quando si utilizzano le istruzioni AIM, se all’investigatore viene presentato un potenziale sospetto che sta fornendo molte informazioni dettagliate, è probabile che stia dicendo la verità. Al contrario, se il potenziale sospetto sta mentendo, allo sperimentatore vengono solitamente presentate dichiarazioni più brevi. Ma quanto è efficace questo approccio? La ricerca preliminare sulla tecnica AIM è stata promettente. Per lo studio, hanno reclutato 104 persone che sono state inviate in una delle due missioni segrete in luoghi diversi in un’università per recuperare e/o depositare materiale di intelligence. A tutti gli intervistati è stato poi comunicato che in loro assenza si era verificata una violazione dei dati. Erano, quindi, un sospetto e hanno affrontato un colloquio con un analista indipendente. Alla metà è stato detto di dire la verità sulla loro missione di convincere l’intervistatore della loro innocenza. All’altra metà è stato detto che non potevano rivelare alcuna informazione sulla loro missione e che avrebbero dovuto inventare una storia di copertura su dove erano stati al momento e nel luogo della violazione per convincere l’analista della loro innocenza. Sono stati quindi intervistati e la tecnica AIM è stata utilizzata nella metà dei casi. Hanno scoperto che quando veniva utilizzata la tecnica AIM, era più facile per l’intervistatore individuare i bugiardi. In effetti, i tassi di accuratezza del rilevamento della menzogna sono aumentati dal 48% (nessun AIM) all’81%, con chi dice la verità che fornisce più informazioni. La ricerca sta anche esplorando metodi per migliorare la tecnica AIM utilizzando segnali che possono aiutare chi dice la verità a fornire ancora più informazioni. Ricordare le informazioni può essere difficile e chi dice la verità spesso ha difficoltà a richiamarle. Gli strumenti di memoria noti come “mnemonici ” potrebbero essere in grado di migliorare questo processo. Ad esempio, se un testimone di una rapina ha fornito una dichiarazione iniziale e non è in grado di ricordare ulteriori informazioni, gli investigatori potrebbero utilizzare un mnemonico “cambia prospettiva” – chiedendo al testimone di pensare agli eventi dal punto di vista di qualcun altro. Questo può suscitare nuove informazioni – precedentemente non riportate – dalla memoria. Se questo è il caso, la nuova tecnica potrebbe diventare ancora più precisa per essere in grado di rilevare le differenze verbali tra chi dice la verità e bugiardo. In ogni caso, questo metodo è un approccio etico, non accusatorio e di raccolta di informazioni all’intervista. Le istruzioni AIM sono semplici da capire, facili da implementare e sembrano promettenti. Sebbene inizialmente testate per l’uso nelle interviste a sospetti della polizia, tali istruzioni potrebbero essere implementate in una varietà di contesti, come le strutture per i reclami assicurativi.

Daniele Corbo

Bibliografia: Cody Porter – The Conversation

Immagine: Liar (Sierk van Meeuwen)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.