Uno scarso sonno può portare alla depressione negli adolescenti

ADOLESCENT PAU Painting by Tomasa Martin |

L’interruzione cronica del sonno durante l’adolescenza può portare alla depressione sia nei maschi che nelle femmine e altera la reattività allo stress nelle femmine, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Ottawa. I loro risultati, pubblicati sulla rivista Behavioral Brain Research, sono particolarmente rilevanti nel contesto di una pandemia, quando la salute mentale degli adolescenti è già sotto pressione. Più di 264 milioni di persone nel mondo soffrono di depressione. È un disturbo dell’umore prevalente che riduce la nostra qualità della vita. Gli individui con diagnosi di depressione sperimentano diversi sintomi tra cui malessere generale, riduzione della libido, disturbi del sonno e tendenze suicide nei casi gravi. Il doppio delle femmine rispetto ai maschi è attualmente affetto da depressione. Le prove preliminari suggeriscono che i canadesi stanno vivendo maggiori sintomi depressivi quest’anno, probabilmente a causa dei cambiamenti nello stile di vita dovuti alla pandemia COVID-19. Gli adulti con depressione spesso manifestano i primi sintomi depressivi nella prima adolescenza. Tuttavia, le cause alla base della depressione adolescenziale e i suoi tassi di prevalenza sesso-specifici rimangono poco chiari. Una teoria popolare suggerisce che la depressione abbia origine negli adolescenti sovraesposti allo stress e che le differenze tra i tassi di depressione maschili e femminili siano attribuite a una maggiore vulnerabilità femminile allo stress cronico. L’interruzione del sonno è un fattore di stress comune durante lo sviluppo dell’adolescente. La sua esposizione ripetuta potrebbe essere parzialmente responsabile della suscettibilità delle adolescenti alla depressione. Utilizzando un modello murino, i ricercatori hanno esaminato se i ripetuti ritardi del sonno influenzassero in modo differenziato i topi adolescenti maschi e femmine ed esaminato come cambiava la loro risposta allo stress. Il sonno di 80 topi adolescenti e adulti (40 maschi e 40 femmine) è stato interrotto manualmente per le prime quattro ore di ogni ciclo di riposo o è stato permesso un riposo normale per otto giorni consecutivi. Sono stati quindi esposti a un fattore di stress per valutare il comportamento simile alla depressione. I risultati hanno mostrato che i topi maschi e femmine adolescenti mostravano entrambi un comportamento depressivo significativamente maggiore dopo soli 7 giorni di ritardo del sonno, mentre i topi maschi e femmine adulti non mostravano comportamenti depressivi in ​​condizioni simili. Quando esposti a un nuovo fattore di stress dopo 7 giorni di ritardo del sonno ripetuto, solo i topi maschi e femmine adolescenti hanno mostrato una maggiore attività nella corteccia prelimbica del cervello, non negli adulti. La corteccia prelimbica è associata alle strategie di coping dello stress e può essere danneggiata dall’eccessiva attivazione a seguito della privazione del sonno. Le femmine adolescenti hanno anche mostrato un maggiore rilascio dell’ormone dello stress e attivazione di cellule cerebrali sensibili allo stress rispetto ai maschi adolescenti dopo il ritardo del sonno ripetuto. I risultati suggeriscono che significativi ritardi nel sonno durante l’adolescenza possono aumentare la probabilità di insorgenza della depressione sia nei maschi che nelle femmine. Inoltre, il ritardo del sonno può sensibilizzare le femmine adolescenti ad altri fattori di stress e aumentare la probabilità di sviluppo di disturbi dell’umore. Poiché i requisiti di quarantena di COVID-19 – come l’apprendimento da remoto, le interazioni sociali limitate di persona e l’aumento del tempo davanti allo schermo – hanno rimosso alcune pressioni per aderire a programmi di sonno regolari, gli adolescenti potrebbero essere a più alto rischio che mai di sviluppare depressione e altri disturbi degli stati d’animo.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Behavioural Brain Research

Immagine: ADOLESCENT PAU (Tomasa Martin)

Un commento Aggiungi il tuo

  1. fulvialuna1 ha detto:

    Credo che questo si potrebbe ripetere anche nell’età adulta pur tornando alla “normalità”.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.