I giovani con autismo mostrano guadagni cognitivi dall’infanzia alla prima età adulta

Autism Series Painting by Ben Chong

Gli individui con diagnosi di disturbo dello spettro autistico (ASD) affrontano una sfida permanente caratterizzata da menomazioni qualitative sia nella comunicazione che nell’interazione sociale. Tuttavia, un nuovo studio apparso sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ( JAACAP ), riporta che in una coorte di 126 individui con ASD, il QI è aumentato in media di 7,48 punti da 12 a 23 anni. Lo studio ha mostrato che gli aumenti del QI erano maggiori tra quei partecipanti che avevano sperimentato una regressione precoce delle abilità linguistiche e avevano maggiori problemi di comunicazione all’età di 12 anni. Gli individui con ASD con una storia di regressione avevano un aumento del QI di 15,4 punti rispetto a 6,6 punti in quelli non riportanti una regressione precoce. In contrasto con il miglioramento del QI, le traiettorie generali dei tratti autistici riportate dai genitori, sebbene variabili, non sono cambiate in media nello stesso periodo di tempo. La frequenza all’istruzione ordinaria, rispetto a un tirocinio specialistico, era collegata al relativo miglioramento dei sintomi autistici, una scoperta che è rimasta dopo aver tenuto conto di possibili fattori di confusione. Hanno seguito questa coorte unica di bambini autistici basata sulla popolazione per comprendere meglio i loro risultati nella prima età adulta. Gran parte dell’attuale comprensione di come se la cavano i bambini autistici nella vita adulta si basa su coorti cliniche che spesso includono l’estremità più grave dello spettro. Basato sulla coorte UK Special Needs and Autism Project (SNAP), una coorte basata sulla popolazione studiata per la prima volta nel 2000 per stimare la prevalenza dell’autismo, il campione è stato originariamente tratto da una popolazione di oltre 56.000 bambini di età compresa tra 9 e 10 anni nel sud-est dell’Inghilterra. Il campione includeva anche persone con bisogni educativi speciali per qualsiasi motivo o che avevano ricevuto una diagnosi clinica di autismo. Un totale di 158 bambini visti all’età di 12 anni hanno ricevuto una diagnosi di ricerca sull’autismo e sono stati seguiti rispettivamente all’età di 16 e 23 anni. Il QI e i tratti autistici sono tra i più importanti predittori di funzionamento indipendente nella vita adulta per le persone autistiche. Un punto di forza dello studio è l’uso delle stesse misure in ogni punto temporale, rendendo i confronti più facili da interpretare. L’approccio statistico (modellazione della curva di crescita latente) identifica i fattori che influenzano il livello generale di QI/tratti autistici, nonché i fattori che predicono il cambiamento rispetto al resto della coorte. La coorte include partecipanti dell’intera gamma di QI osservata nelle persone autistiche, da gravemente intellettualmente disabili (QI <20) a gamma superiore (> 120). Poiché il QI è standardizzato per ogni età, non ci si aspetta che cambi nel tempo. L’aumento medio di 7,48 è un aumento sostanziale e sarebbe evidente da genitori e insegnanti. Sebbene non sia possibile escludere che il miglioramento sia in parte dovuto a una maggiore motivazione o capacità di accedere ai test del QI, piuttosto che a un miglioramento intrinseco della capacità di apprendimento, queste alternative sono anche aspetti importanti del funzionamento della vita reale che possono aprire nuove opportunità educative e lavorative per le persone autistiche. Un livello di linguaggio inferiore e una maggiore gravità dell’autismo a 12 anni predicevano il livello generale di QI (ma non il cambiamento relativo). Questo è il primo studio che dimostra che la regressione del linguaggio precoce influisce sulla traiettoria del QI. Un precedente rapporto di questa coorte ha mostrato che quelli con regressione avevano uno sviluppo cognitivo precoce più avanzato rispetto al resto della coorte; una possibile spiegazione da perseguire è l’idea che la regressione sia un indicatore osservabile di una perturbazione nel corso dello sviluppo e questo sottogruppo continua a tornare alla traiettoria cognitiva sottostante. I sintomi autistici della prima infanzia e i problemi di salute mentale predicono il livello generale dei tratti autistici dalla tarda infanzia all’età adulta. La presente scoperta che un’istruzione più tradizionale rispetto alla fornitura specialistica per l’autismo e/o la disabilità intellettiva predice un minor numero di sintomi autistici ha implicazioni politiche potenzialmente importanti. Questo approccio statistico cerca di tenere conto di possibili fattori di confusione, i bambini non sono stati assegnati in modo casuale al tipo di scuola e non si può escludere completamente che le caratteristiche non misurate stiano guidando questo risultato. Tuttavia, suggerisce i benefici sociali dell’educazione inclusiva per gli alunni autistici. Poiché non tutti gli alunni possono accedere all’istruzione ordinaria, l’identificazione degli ingredienti attivi più importanti da aggiungere all’offerta educativa specialistica potrebbe migliorare i risultati autistici in modo più ampio.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Trajectories in Symptoms of Autism and Cognitive Ability in Autism From Childhood to Adult Life: Findings From a Longitudinal Epidemiological Cohort” by Emily Simonoff, et al. JAACAP

Immagine: Autism Series (Ben Chong)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.