Il potere della validazione nell’aiutare le persone a rimanere positive

Dire a un amico o un familiare in difficoltà qualcosa di semplice come “Capisco perché ti senti in questo modo” può fare molto per aiutare i propri cari a sentirsi meglio, suggerisce una nuova ricerca. Nello studio, i partecipanti hanno descritto ai ricercatori un incidente di vita reale che li ha fatti arrabbiare. Quando i ricercatori non hanno mostrato supporto o comprensione per la rabbia che i partecipanti stavano descrivendo, i narratori hanno mostrato un calo delle emozioni positive. Ma quando i ricercatori hanno convalidato ciò che stavano dicendo i partecipanti, le loro emozioni positive sono state protette e sono rimaste le stesse. Allo stesso modo, i partecipanti allo studio hanno riportato cali nel loro umore generale mentre ricordavano l’evento che provocava rabbia e solo coloro che sono stati validati hanno riportato un recupero dell’umore al punto di partenza. Non è stata trovata alcuna differenza significativa nelle emozioni negative dei partecipanti – un risultato che parla del valore di concentrarsi sulla protezione della positività. Abbiamo sottovalutato il potere delle emozioni positive. Passiamo così tanto tempo a pensare a come porre rimedio alle emozioni negative, ma non passiamo molto tempo a pensare ad aiutare le persone a sfruttare e nutrire le emozioni positive. È molto importante aiutare le persone con la loro depressione, ansia e paura, ma è anche importante aiutare le persone a sfruttare la curiosità, l’amore, la flessibilità e l’ottimismo. Le persone possono sentirsi tristi e sopraffatte, e anche speranzose e curiose, nello stesso lasso di tempo generale. Lo studio è pubblicato online nel Journal of Positive Psychology. In tre esperimenti, i ricercatori hanno valutato gli effetti della validazione e dell’invalidazione su ciò che è noto clinicamente come affetto positivo e negativo. L’affetto positivo si riferisce alle emozioni positive e all’espressione che ci permette di essere curiosi, connessi e flessibili nel nostro pensiero. L’affetto negativo, d’altra parte, si riferisce a emozioni ed espressioni negative che vanno dal disgusto alla paura alla tristezza. Un totale di 307 studenti universitari hanno partecipato agli esperimenti. Gli studenti hanno completato questionari per misurare gli affetti positivi e negativi all’inizio e alla fine dello studio e l’umore generale in diversi momenti durante gli esperimenti. I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di pensare e scrivere per cinque minuti su un momento in cui hanno sentito una rabbia intensa, e poi descrivere verbalmente quelle esperienze a un ricercatore. Sulla base di incarichi randomizzati, lo sperimentatore ha validato o invalidato i loro sentimenti di rabbia. Le esperienze di rabbia dei partecipanti coprivano una vasta gamma: problemi con i compagni di stanza, partner romantici infedeli, l’essere vittima di un furto o arrabbiarsi con i genitori. Gli sperimentatori che ascoltavano le loro storie usavano script flessibili per rispondere. I commenti di validazione includevano frasi come “Certo che saresti arrabbiato per questo” o “Ho sentito quello che stai dicendo e capisco che ti senti arrabbiato”. Le risposte invalidanti andavano da “Non sembra rabbia” a “Perché questo ti farebbe arrabbiare così tanto? I risultati hanno mostrato che tutti i partecipanti hanno avuto una diminuzione dell’affetto positivo mentre pensavano e scrivevano sull’essere arrabbiati. Tuttavia, quando hanno iniziato a descrivere la situazione agli sperimentatori, l’affetto positivo dei partecipanti validati corrispondeva o addirittura ha superato le loro misure di base. I punteggi di affetto positivo per coloro che erano stati invalidati non si sono ripresi mentre si parlava con gli sperimentatori. Sulla base di cinque misurazioni dell’umore in due dei tre studi, l’umore dei partecipanti si è costantemente oscurato mentre consideravano ciò che li faceva arrabbiare. Gli stati d’animo dei partecipanti validati sono stati riportati alla normalità, ma gli stati d’animo degli studenti invalidati generalmente hanno continuato a peggiorare. Il team di ricerca ha condotto gli studi con piani per applicare i risultati in un contesto terapeutico. Ma i risultati sono rilevanti anche per le relazioni. Quando elabori emozioni negative, quell’affetto negativo si attiva. Ma se qualcuno ti valida, mantiene tamponato il tuo affetto positivo. La validazione protegge l’affetto delle persone in modo che possano rimanere curiose nelle interazioni interpersonali e nella terapia. Aggiungere la validazione alla terapia aiuta le persone a sentirsi comprese e quando ci sentiamo compresi possiamo ricevere feedback su come potremmo cambiare anche noi. Ma non è una cosa unicamente clinica – spesso gli stessi modi in cui migliori la terapia sono modi in cui migliori la genitorialità, le amicizie e le relazioni sentimentali.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The effect of validation and invalidation on positive and negative affective experiences” by Jennifer Cheavens et al. Journal of Positive Psychology

Immagine: dominio pubblico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.