Nella fiction, ricordiamo meglio le morti che ci rendono tristi

tears in the rain Painting by Bernard Burridge

Le persone possono rallegrarsi per la scomparsa dei personaggi cattivi nella narrativa, ma le morti che ricordiamo di più sono i finali significativi e tristi dei personaggi che abbiamo amato, suggerisce la ricerca. In un nuovo studio, i ricercatori hanno scoperto che quando alle persone veniva chiesto di ricordare la morte di un personaggio immaginario, era più probabile che menzionassero morti percepite come “significative” rispetto a quelle viste come “piacevoli”. Ricordiamo le morti che ci hanno fatto piangere e pensare più di quelle che ci hanno fatto rallegrare. Sembra che quando ricordiamo la morte, anche negli spazi relativamente privi di conseguenze dell’intrattenimento mediatico, la viviamo come un’esperienza significativa e riflessiva. Lo studio, pubblicato di recente su Omega – Journal of Death and Dying, ha coinvolto 506 persone che hanno partecipato online. Sono stati suddivisi in tre gruppi. Ad uno è stato chiesto di pensare a una scena di morte da un racconto che hanno trovato particolarmente significativo. A un altro gruppo è stato chiesto di pensare a una morte che trovavano piacevole. Al terzo gruppo è stato semplicemente chiesto di pensare a una scena di morte da un racconto. La maggior parte delle persone in tutti i gruppi ha scelto scene di morte dai media visivi, i più comuni sono film e programmi TV. Ma alcuni hanno scelto scene di videogiochi o fumetti. Ai partecipanti sono state poste una serie di domande sulle loro risposte emotive alle scene di morte, sul loro apprezzamento e godimento delle scene e sulla percezione dei personaggi che sono morti. Come i ricercatori si aspettavano, le persone a cui è stato chiesto di ricordare la morte di un personaggio che hanno trovato particolarmente piacevole tendevano a scegliere i cattivi, come Joffrey di “Game of Thrones”. Coloro a cui è stato chiesto di ricordare morti significative tendevano ad andare con personaggi comprensivi, ma non necessariamente quelli che erano sempre eroi. Piton nei film di “Harry Potter” e Walter White in “Breaking Bad” sono stati entrambi menzionati spesso. Quando è stato chiesto di pensare a morti significative, molte persone hanno scelto personaggi che hanno attraversato una sorta di redenzione. Ad esempio, Roy Batty, che era l’antagonista nella maggior parte di “Blade Runner”, ma alla fine ha un’azione salvifica. “Darth Vader di” Star Wars “è apparso anche un paio di volte. I risultati hanno mostrato che i film d’azione, horror e thriller avevano meno probabilità di essere associati a morti significative di personaggi e più probabilità di essere collegati a morti piacevoli di personaggi. I drammi e gli strappalacrime avevano maggiori probabilità di essere associati a morti significative di personaggi. Alcuni generi cinematografici – commedia, documentario, romanticismo e fantascienza – non erano collegati a un tipo di morte del personaggio rispetto a un altro. Ma ciò che è stato notevole nello studio, è che coloro a cui è stato chiesto di ricordare la morte di un personaggio il più delle volte hanno dato risposte come quelle a cui è stato chiesto di nominare morti “significative”, piuttosto che quelle che hanno ricordato morti “piacevoli”. Le morti che le persone avevano più probabilità di ricordare erano strettamente associate all'”apprezzamento” nello studio piuttosto che al “divertimento”. Le persone ricordavano morti significative, commoventi e stimolanti. Fornisce ulteriori conferme che le persone non consumano narrativa solo per divertimento. La morte di personaggi che piacciono alle persone può essere un modo per elaborare il dolore o per comprenderlo. Il cinema e l’arte in generale possono esporci a queste esperienze che potremmo non voler vivere, ma sappiamo che un giorno lo faremo. Può aiutarci a capire come sarà questa esperienza.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Memorable, Meaningful, Pleasurable: An Exploratory Examination of Narrative Character Deaths” by Kaitlin Fitzgerald, C. Joseph Francemone, Matthew Grizzard.  OMEGA – Journal of Death and Dying

Immagine: tears in the rain (Bernard Burridge)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. moragnoffke ha detto:

    I find it thought provoking to read this. I don’t remember death scenes very well and I think it is because of this. My father died when I was 6 and so when I watch death scenes I compare it to my father’s death.. I feel a lot of empathy because I remember seeing my father die and suffering pain but I know I it is only a movie I am watching so I feel mostly detached as I know I am tapping into my own pain. Nothing can compare to reality and so I dismiss what I am watching and don’t really remember it. I wonder how many other people feel this way. 🤔

    "Mi piace"

    1. I find that your is a sort of post traumatic stress disorder, so it’s quite normal what you fell, I think 😔

      "Mi piace"

      1. moragnoffke ha detto:

        Oh thank you, that does make sense. I have been told that I suffer from post traumatic stress disorder effects still.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.