Perché le persone fanno affermazioni salutiste ma si abbandonano a comportamenti malsani

Cheers! Painting by Valérie LE MEUR

Il periodo di tempo che precede il Natale è caratterizzato da un’eccessiva indulgenza. Mentre diciamo agli altri che stiamo mangiando e bevendo con moderazione, controllando le nostre spese e ci stiamo esercitando di più, in realtà facciamo l’esatto contrario. Allora da dove viene questa disconnessione? Spesso quando rispondono a domande su comportamenti misurabili (ad esempio, aumento di peso, eccesso di cibo, consumo di alcol), le persone vogliono apparire socialmente “corrette” mentre minimizzano i comportamenti cattivi. Gli psicologi chiamano questa risposta subconscia social desiderability bias (SDB) e per i ricercatori che stanno cercando di comprendere il comportamento effettivo di una persona, queste risposte distorte sono un problema. Siamo umani. Vogliamo che gli altri ci piacciano e ci considerino brave persone. Tuttavia, gli operatori sanitari ei ricercatori necessitano di dati auto-riportati accurati. Comprendere gli SDB è fondamentale per essere in grado di raccogliere dati validi sui comportamenti umani, in particolare dati auto-riportati su argomenti misurabili, come l’aumento di peso e l’alimentazione durante le festività natalizie. I ricercatori dell’Oklahoma State, hanno recentemente pubblicato uno studio sul riconoscimento e la mitigazione degli SDB nelle risposte alle domande sui comportamenti legati alla salute durante le vacanze, nella rivista Springer Nature Humanities and Social Sciences Communications. Hanno chiesto agli intervistati di segnalare i loro comportamenti legati alla salute durante le vacanze e le loro convinzioni sui comportamenti dell’americano medio. Hanno quindi confrontato le risposte per determinare quale percentuale di intervistati si è giudicata migliore di quella che hanno valutato come americano medio. Questa differenza è dove vengono trovate le prove del pregiudizio. La maggior parte degli intervistati che hanno mostrato prove di SDB è stata trovata in risposta a due affermazioni: “Consumerò più alcol durante le festività natalizie rispetto ad altri periodi dell’anno” (il 66% degli intervistati ha mostrato prove di SDB) e “Faccio un proposito per il nuovo anno di perdere peso ”(il 62% degli intervistati ha mostrato prove di SDB). Queste risposte suggeriscono che gli intervistati berranno meno alcol e saranno più propensi a prendere una decisione per perdere peso, rispetto all’americano medio. Tuttavia, mentre i ricercatori si proponevano di riconoscere SDB, volevano anche trovare modi per combatterlo. Il loro metodo? Aggiungi affermazioni “a buon mercato”. Le chiacchiere a buon mercato vengono spesso utilizzate nei sondaggi per informare esplicitamente gli intervistati dei diversi pregiudizi che possono sorgere in relazione alla domanda che viene posta. Nello studio, hanno testato un’affermazione che informava semplicemente le persone che a volte l’inclinazione umana ci spinge a rispondere in un modo che si discosta dal nostro vero comportamento perché vogliamo essere socialmente ‘corretti’. L’idea è che la persona potrebbe essere più propensa a fornire una risposta accurata perché il potenziale di bias è stato esplicitamente portato alla sua attenzione. Lo studio ha incluso due gruppi di partecipanti. Un gruppo ha ricevuto una dichiarazione di conversazione a buon mercato prima di valutare il proprio livello di accordo sui comportamenti salutari durante le vacanze, mentre l’altro no. Confrontando i due gruppi, i ricercatori sono stati in grado di determinare se le prove di SDB fossero diminuite per gli intervistati che ricevevano la dichiarazione di discorso a buon mercato. I neuroscienziati hanno notato che parlare a buon mercato è stato efficace nel ridurre gli SDB per alcune domande e in alcuni intervistati ma non per tutti. Per alcune persone o alcune affermazioni studiate, SDB è così radicato che la dichiarazione del discorso a buon mercato non ha avuto un impatto misurabile.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Consistently biased: documented consistency in self-reported holiday healthfulness behaviors and associated social desirability bias” by Courtney Bir & Nicole Olynk Widmar. Humanities and Social Sciences Communications

Immagine: Cheers! (Valérie LE MEUR)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. elettasenso ha detto:

    Sempre interessanti i tuoi articoli

    "Mi piace"

    1. Grazie di cuore! Mi fa davvero piacere!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.