Nuovi antidepressivi possono alleviare rapidamente la depressione e pensieri suicidari, ma non sono pozioni magiche

Depression Painting by Murat Tiryakioglu |

La depressione è la causa più comune di disabilità nel mondo. È molto probabile che tu o qualcuno che conosci vivrai un periodo in cui la depressione intralcia il lavoro, la vita sociale o la vita familiare. Quasi due persone su tre con depressione sperimenteranno effetti gravi. Molti soffrono di depressione “resistente al trattamento” e sono quasi costantemente alla ricerca di sollievo. Ci sono stati alcuni sviluppi entusiasmanti nel trattamento della depressione di recente, in particolare nuovi antidepressivi ad azione rapida. Ma è importante capire che questi farmaci non sono una panacea. I nuovi trattamenti per la depressione promettono di alleviare i sintomi angoscianti, incluso il pensiero suicida, più velocemente di qualsiasi trattamento precedente. Includono la ketamina, un anestetico che viene anche abusato come droga di strada e un derivato della ketamina chiamato esketamina. Questi farmaci hanno dimostrato di aiutare ad alleviare i sintomi della depressione entro poche ore , ma ogni dose funziona solo per pochi giorni. Inoltre comportano rischi, compreso il potenziale di abuso di droghe. Con la pandemia di coronavirus che ha messo a dura prova la salute mentale, i pazienti sono alla ricerca di un rapido sollievo. I farmaci possono aiutare, ma per trattare efficacemente la depressione a lungo termine, con il suo mix di componenti biologiche, psicologiche, sociali e culturali, richiede più dei semplici farmaci. La prima storia dei trattamenti per la depressione si è concentrata sulle componenti psicologiche della malattia. L’obiettivo all’inizio del XX secolo era che un paziente comprendesse gli impulsi inconsci stabiliti durante l’infanzia. I trattamenti biologici all’epoca sembrano spaventosi oggi. Includevano la terapia del coma insulinico e versioni primitive, spesso utilizzate in modo improprio di una moderna procedura salvavita: la terapia elettroconvulsivante. A metà del 20° secolo furono scoperti farmaci che influivano sul comportamento. I primi farmaci erano sedativi e farmaci antipsicotici. La clorpromazina, commercializzata come “Thorazine”, ha aperto la strada negli anni ’50. Nel 1951 fu scoperta l’imipramina che sarebbe diventata uno dei primi antidepressivi. Il “blockbuster” antidepressivo Prozac, un inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina, o SSRI, è stato approvato nel 1987. Sono passati più di 30 anni da quando abbiamo visto una nuova classe di farmaci antidepressivi. Questa è una delle ragioni per cui gli antidepressivi ad azione rapida sono eccitanti. I trattamenti medici per la depressione influenzano alcune cellule di elaborazione nell’area del cervello sopra gli occhi e sotto la fronte. Quest’area, chiamata corteccia prefrontale, elabora informazioni complesse comprese le espressioni emotive e il comportamento sociale. Le cellule cerebrali chiamate neuroni sono controllate chimicamente da due molecole messaggere opposte, glutammato e acido gamma-ammino-butirrico (GABA). Il glutammato funziona come un pedale del gas e il GABA è il freno. Dicono ai neuroni di accelerare o rallentare. I farmaci ad azione rapida per la depressione riducono l’azione del glutammato, il pedale del gas. Sono stati sviluppati altri trattamenti per riequilibrare il GABA. Un neurosteroide chiamato allopregnanolone colpisce il GABA e applica il freno. Sia l’allopregnanolone che l’esketamina hanno l’approvazione federale per il trattamento della depressione, l’allopregnanolone per la depressione postpartum e l’esketamina per il disturbo depressivo maggiore e il pensiero suicida. Intorno al 2016-2017, i giovani psichiatri si stavano affrettando a implementare questi nuovi trattamenti antidepressivi, ma i supervisori della formazione dicevano, “non così in fretta”. Hanno spiegato perché avrebbero dovuto aspettare di vedere gli studi sui nuovi farmaci. Diversi anni prima, la comunità medica ha sperimentato un’eccitazione simile su Vivitrol per il trattamento della dipendenza da oppioidi. Vivitrol è una forma iniettata mensilmente di naltrexone, un medicinale che blocca gli oppioidi. Gli studi clinici vengono eseguiti in un ambiente altamente controllato e pulito, mentre il mondo reale può essere altamente incontrollato e molto disordinato. Senza riduzione del rischio, educazione e trattamento psicosociale, i potenziali rischi di farmaci come Vivitrol possono essere amplificati. Vivitrol può aiutare a ridurre le ricadute, ma non è una panacea da solo. Il National Institute on Drug Abuse  raccomanda un trattamento integrato  per la dipendenza. Il trattamento della depressione può essere  simile . I farmaci e il supporto psicologico insieme funzionano meglio di entrambi da soli. Nella depressione, più trattamenti una persona prova che non funzionano, meno è probabile che quella persona abbia successo con la successiva opzione di trattamento. Questo è stato il messaggio principale del più grande studio clinico che studia i farmaci contro la depressione, lo studio STAR-D diretto dal  National Institutes of Health , completato nel 2006. Fornire un’opzione più efficace per i pazienti che non rispondono a un primo o un secondo antidepressivo può ribaltare il messaggio di STAR-D. Tuttavia, quando si ha a che fare con una malattia che è affetta da  stress esterno  come traumi e perdite, è più probabile che il trattamento abbia successo sia con i farmaci che con il supporto psicologico. Un approccio di trattamento del mondo reale chiamato paradigma biopsicosociale tiene conto dell’ampia gamma di componenti biologiche, psicologiche e sociali rilevanti delle malattie mentali. Il paziente e il medico lavorano insieme per elaborare le esperienze, i pensieri e i sentimenti problematici del paziente. Una focalizzazione eccessiva sui nuovi farmaci può trascurare l’importanza di affrontare e monitorare tutti quei componenti, il che potrebbe significare che i problemi emergeranno in futuro. Farmaci come oppiacei o altre sostanze che forniscono un rapido sollievo dal dolore fisico o psicologico possono anche creare dipendenza fisica e psicologica e nuovi antidepressivi ad azione rapida  possono avere gli stessi rischi. Gli antidepressivi ad azione rapida possono essere strumenti potenti per il trattamento della depressione maggiore se usati con altre forme di terapia, ma sono la risposta? Non così in fretta!

Daniele Corbo

Bibliografia: The Conversation

Immagine: Depression (Murat Tiryakioglu)

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Certo, bisogna sempre sperimentare più e più volte per avere le conferme necessarie. In bocca al lupo a tutti i ricercatori, ai medici e ai loro pazienti.

    "Mi piace"

    1. Grazie Rita. A te un affettuoso augurio di buon anno

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Ti ringrazio moltissimo 😊 e ricambio il tuo affettuoso augurio

        "Mi piace"

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Notizia positiva … come positivo ti auguro che sia il 2021 ✨💖✨

    "Mi piace"

    1. Io ti auguro tante cose belle, ne meriti tante cara Luisa. Un abbraccio😘❤️

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        💖🌹✨🌹💖

        "Mi piace"

  3. fulvialuna1 ha detto:

    Sempre interessanti i post su questo argomento terribilmente attuale in questo momento.
    Buon 2021 Daniele!

    "Mi piace"

    1. Grazie. Buon anno a te, di cuore😘

      Piace a 1 persona

  4. vincenza63 ha detto:

    Spero tanto nella ricerca.
    Buon anno, Daniele ❤

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Vincenza! Buon anno anche a te, che ti doni tanti sorrisi❤️

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.