In che modo il COVID-19 può avere un impatto sul cervello

Un articolo pubblicato il 5 gennaio su Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association cita decenni di prove scientifiche pubblicate per dimostrare in modo convincente gli effetti a lungo termine attesi da SARS-CoV-2 sul cervello e sul sistema nervoso. I ricercatori sulla demenza dell’Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) sono i primi e gli autori senior del rapporto e sono affiancati dai coautori dell’Alzheimer’s Association e delle università di Nottingham e Leicester in Inghilterra. Dalla pandemia influenzale del 1917 e del 1918, molte delle malattie simili all’influenza sono state associate a disturbi cerebrali. Quei virus respiratori includevano H1N1 e SARS-CoV. Il virus SARS-CoV-2, che causa COVID-19, è noto anche per avere un impatto sul cervello e sul sistema nervoso. Sta diventando chiaro che il danno causato dalla pandemia non sarà limitato agli effetti acuti, come il delirio in ospedale, ma avrà conseguenze croniche che avranno un impatto sulla qualità della vita e sull’indipendenza di molti individui. La domanda è in che misura e sotto quale forma. Anche le infezioni lievi da COVID-19 possono avere effetti negativi sul cervello a lungo termine. La storia medica sotto-riconosciuta di questi virus nel secolo scorso suggerisce un forte legame con le malattie del cervello che influenzano la memoria e il comportamento. In questo momento difficile, bisogna creare un ‘rivestimento d’argento’ capitalizzando la portata e la reputazione globali dell’Alzheimer’s Association per riunire la comunità di ricerca per illuminare l’impatto a lungo termine di COVID-19 sul cervello. L’Alzheimer’s Association sta finanziando il lavoro iniziale di un consorzio di esperti di oltre 30 paesi per capire come COVID-19 aumenta il rischio, la gravità, il ritmo e la progressione delle malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e malattie psichiatriche inclusa la depressione. I membri del consorzio arruoleranno partecipanti allo studio selezionati da un pool di milioni di casi confermati di COVID-19 documentati negli ospedali di tutto il mondo. Un secondo gruppo di iscritti sarà composto da persone che partecipano a studi di ricerca internazionali esistenti. I partecipanti saranno valutati su una serie di misure al loro appuntamento iniziale e di nuovo a sei, nove e 18 mesi. Queste misure includono la cognizione, il comportamento e, quando possibile, i volumi cerebrali misurati mediante risonanza magnetica. È noto che il coronavirus entra nelle cellule attraverso i recettori chiamati ACE2. La più alta concentrazione di recettori ACE2 si trova nel bulbo olfattivo, la struttura cerebrale coinvolta nell’olfatto. L’idea di base dello studio è che alcuni dei virus respiratori hanno affinità per le cellule del sistema nervoso. Le cellule olfattive sono molto suscettibili all’invasione virale e sono particolarmente colpite da SARS-CoV-2, ed è per questo che uno dei sintomi principali di COVID-19 è la perdita dell’olfatto. l bulbo olfattivo si collega con l’ippocampo, una struttura cerebrale principalmente responsabile della memoria a breve termine. La traccia del virus, quando invade il cervello, porta quasi direttamente all’ippocampo. Si ritiene che questa sia una delle fonti del deterioramento cognitivo osservato nei pazienti COVID-19. Si sospetta che possa anche essere parte del motivo per cui ci sarà un declino cognitivo accelerato nel tempo negli individui suscettibili. Si può riassumere dicendo che:

  • La somministrazione intranasale di SARS-CoV-2 nei topi provoca una rapida invasione del cervello.
  • Cefalea, ipogeusia (ridotta capacità gustativa) e anosmia (perdita dell’olfatto) sembrano precedere l’insorgenza dei sintomi respiratori nella maggior parte dei pazienti affetti.
  • SARS-CoV-2 può essere trovato nel cervello post-mortem.
  • L’imaging cerebrale anormale che può essere caratterizzato dalla comparsa di lesioni in diverse regioni del cervello – e dalla comparsa di altri cambiamenti cerebrali anormali che possono influenzare la presentazione clinica – è emerso come una caratteristica importante di COVID-19 da tutte le parti del mondo.
  • Immagini anormali sono state osservate in un individuo il cui unico sintomo era la perdita dell’olfatto. Lo studio raccoglierà informazioni nei prossimi due o tre anni. I primi risultati sono previsti all’inizio del 2022 per la prima serie di valutazioni. Il consorzio è aiutato dalla guida tecnica dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Chronic Neuropsychiatric Sequelae of COVID-19: the need for a prospective study of viral impact on brain functioning” by Gabriel A. de Erausquin, MD, PhD, Msc; Heather Snyder, PhD; María Carrillo, PhD; Akram A. Hosseini, MD, MRCP, PhD; Traolach S. Brugha, MD, FRCPsych, SFHEA; Sudha Seshadri, MD. Alzheimer’s & Dementia

Immagine: dominio pubblico

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Siamo rovinati!

    "Mi piace"

    1. Bisogna stare molto attenti

      "Mi piace"

      1. Le perle di R. ha detto:

        Attenti a non essere contagiati? Non sempre si fa in tempo ad accorgersene e non tutti si preoccupano degli effetti sugli altri.

        "Mi piace"

      2. Eh lo so… Facciamo il nostro meglio

        "Mi piace"

      3. Le perle di R. ha detto:

        Avrei un’altra domanda da ignorante in merito: il vaccino non è composto da molecole del virus indebolito? Se così fosse non rischiamo tutti, compresi coloro che non hanno contratto il virus, di compromettere parti del nostro organismo?

        "Mi piace"

      4. Dopo che si riceve una dose, le particelle del vaccino entrano in contatto con le cellule e rilasciano l’mRNA. Al suo interno ci sono le istruzioni per costruire le proteine che si trovano sulle punte del coronavirus, senza che si producano le altre parti più pericolose del virus. Le cellule seguono le istruzioni e costruiscono queste proteine, al termine del processo l’mRNA viene distrutto senza che lasci tracce. Dopo vari passaggi cellulari si ha la produzione di un’enorme quantità di anticorpi che rimangono in circolazione nel nostro organismo. Nel caso in cui si entri in contatto con il coronavirus vero e proprio, il sistema immunitario dispone in questo modo degli strumenti per riconoscere la proteina sulle sue pericolose punte. Gli anticorpi si legano proprio a queste per impedire che entrino in contatto con le membrane delle cellule, eludendone le difese. Tutto è assolutamente sicuro ed io farò il vaccino martedì, ti farò sapere se il mio organismo sarà compromesso…😉

        "Mi piace"

      5. Le perle di R. ha detto:

        Come ho detto era una domanda da ignorante in materia 😊 E ti ringrazio per le informazioni

        "Mi piace"

      6. Di niente, è un piacere risponderti😘

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.