Più della metà delle persone che usano la cannabis per il dolore sperimentano molteplici sintomi di astinenza

Questo mostra un cervello con fulmini

Più della metà delle persone che usano prodotti a base di marijuana medica per alleviare il dolore sperimentano anche gruppi di più sintomi di astinenza quando sono tra un uso e l’altro, rileva un nuovo studio. E circa il 10% dei pazienti che hanno preso parte allo studio ha sperimentato un peggioramento dei cambiamenti del sonno, dell’umore, dello stato mentale, dell’energia e dell’appetito nei due anni successivi mentre continuavano a usare la cannabis. Molti di loro potrebbero non riconoscere che questi sintomi non derivano dalla loro condizione di base, ma dalla reazione del cervello e del corpo all’assenza di sostanze nei prodotti a base di cannabis che stanno fumando, vaporizzando, mangiando o applicando sulla loro pelle, afferma l’Università di Psicologia del Michigan Addiction Center che ha condotto lo studio. Quando qualcuno sperimenta più di alcuni di questi sintomi, si chiama sindrome da astinenza da cannabis e può significare un rischio maggiore di sviluppare problemi ancora più gravi come un disturbo da uso di cannabis. Nella nuova ricerca pubblicata sulla rivista Addiction , un team della UM Medical School e del VA Ann Arbor Healthcare System riporta i risultati di indagini dettagliate su due anni di 527 residenti del Michigan. Tutti partecipavano al sistema statale per certificare le persone con determinate condizioni per l’uso della cannabis medica e avevano dolore non correlato al cancro. Alcune persone riferiscono di aver sperimentato benefici significativi dalla cannabis medica, ma questi risultati suggeriscono una reale necessità di aumentare la consapevolezza sui segni dei sintomi di astinenza che si sviluppano per ridurre i potenziali svantaggi dell’uso di cannabis, specialmente tra coloro che sperimentano sintomi gravi o in peggioramento nel tempo. I ricercatori hanno chiesto ai pazienti se avevano sperimentato uno qualsiasi dei 15 sintomi diversi – che vanno da disturbi del sonno e nausea a irritabilità e aggressività – quando hanno trascorso molto tempo senza usare cannabis. I ricercatori hanno utilizzato un metodo analitico per raggruppare empiricamente i pazienti in quelli che non avevano sintomi o sintomi lievi all’inizio dello studio, quelli che avevano sintomi moderati (nel senso che avevano più sintomi di astinenza) e quelli che avevano gravi problemi di astinenza che includevano la maggior parte o tutti i sintomi. Hanno poi esaminato come le cose sono cambiate nel tempo, esaminando i pazienti un anno e due anni dopo la loro prima indagine. All’inizio, il 41% dei partecipanti allo studio rientrava nel gruppo con sintomi lievi, il 34% nel gruppo moderato e il 25% era classificato come grave. Molte persone che si rivolgono alla cannabis medica per il dolore lo fanno perché altri analgesici non hanno funzionato. Potrebbero anche voler evitare l’uso a lungo termine di farmaci antidolorifici oppioidi perché rappresentano un rischio di uso improprio e altre conseguenze negative per la salute. Le persone che sperimentano problemi legati al loro uso di cannabis per il dolore dovrebbero parlare con i loro fornitori di assistenza sanitaria per ricevere altri trattamenti per il dolore, inclusi trattamenti psicosociali come la terapia cognitivo comportamentale. La percezione della cannabis come “innocua” non è corretta. Contiene sostanze chiamate cannabinoidi che agiscono sul cervello e che nel tempo possono indurre il cervello a reagire quando quelle sostanze sono assenti. Oltre al desiderio generale di usare cannabis, i sintomi di astinenza possono includere ansia, difficoltà nel sonno, diminuzione dell’appetito, irrequietezza, umore depresso, aggressività, irritabilità, nausea, sudorazione, mal di testa, mal di stomaco, strani sogni, aumento della rabbia e tremore. Ricerche precedenti hanno dimostrato che maggiore è il numero di sintomi e la maggiore gravità dei sintomi di una persona, minori sono le probabilità che sia in grado di ridurre il proprio uso di cannabis, smettere di usarla o starne alla larga una volta che smette. Possono erroneamente pensare che i sintomi si manifestino a causa delle loro condizioni mediche sottostanti e possono persino aumentare la quantità o la frequenza del loro consumo di cannabis per cercare di contrastare l’effetto, portando a un ciclo di utilizzo crescente e ritiro crescente. Inoltre le persone che decidono di utilizzare un prodotto a base di cannabis per scopi medici dovrebbero discutere la quantità, la via di somministrazione, la frequenza e il tipo di prodotto a base di cannabis con il proprio medico. Dovrebbero anche familiarizzare con i sintomi dell’astinenza da cannabis e dire al loro fornitore se li stanno vivendo. Sentire l’impulso di usare la cannabis dopo un periodo di inutilizzo, come subito dopo il risveglio, può essere un segno di una sindrome da astinenza. Lo stesso vale per l’incapacità di ridurre l’uso senza provare desiderio o altri sintomi di astinenza. Poiché non esiste uno standard medico accettato per il dosaggio della cannabis medica per condizioni diverse, i pazienti si trovano spesso di fronte a una vasta gamma di prodotti a base di cannabis che variano in forza e via di somministrazione. Alcuni prodotti potrebbero rappresentare un rischio maggiore per lo sviluppo di sintomi di astinenza rispetto ad altri. Ad esempio, le persone che fumavano cannabis tendevano ad avere sintomi di astinenza più gravi di altre, mentre le persone che vaporizzavano cannabis riportavano sintomi che tendevano a rimanere gli stessi o peggiorare, ma generalmente non miglioravano, nel tempo. Poiché più stati degli USA legalizzano la cannabis per uso medico o generale, inclusi diversi stati che legalizzeranno il suo uso sulla base dei risultati delle elezioni dello scorso novembre, si prevede che l’uso aumenterà. I ricercatori hanno chiesto ai pazienti come usavano i prodotti a base di cannabis, quanto spesso e per quanto tempo li utilizzavano, nonché sulla loro salute mentale e fisica, sulla loro istruzione e sullo stato lavorativo. Col tempo, coloro che avevano iniziato nel gruppo con sintomi di astinenza lievi probabilmente sarebbero rimasti lì, ma alcuni sono progrediti fino a moderare i sintomi di astinenza. Le persone nel gruppo di ritiro moderato avevano maggiori probabilità di diminuire i sintomi che aumentare, e alla fine dello studio il numero delle persone nella categoria grave era sceso al 17%. In tutto, il 13% dei pazienti era passato al livello successivo di sintomi entro la fine del primo anno e l’8% era passato al livello superiore entro la fine di due anni. I problemi di sonno erano il sintomo più comune in tutti e tre i gruppi e molti nel gruppo mite hanno riportato anche voglie di cannabis. Nel gruppo moderato, i sintomi di astinenza più comuni erano problemi di sonno, umore depresso, diminuzione dell’appetito, desiderio ardente, irrequietezza, ansia e irritabilità. Il gruppo con sintomi di astinenza grave era molto più probabile che riferisse tutti i sintomi tranne la sudorazione. Quasi tutti i partecipanti a questo gruppo hanno riportato irritabilità, ansia e problemi di sonno. Era anche più probabile che fossero consumatori di cannabis di lunga data e frequenti. Quelli nel gruppo grave avevano maggiori probabilità di essere più giovani e di avere una salute mentale peggiore. Gli anziani avevano meno probabilità di aumentare la gravità dei sintomi da astinenza, mentre coloro che vaporizzavano cannabis avevano meno probabilità di passare a un gruppo con gravità di astinenza inferiore. Lo studio non ha valutato l’uso di nicotina, né ha cercato di distinguere tra sintomi che potrebbero anche essere correlati a dolore episodico intenso o condizioni di salute mentale diagnosticate/non diagnosticate durante l’astinenza. I ricercatori sperano che la ricerca futura possa esplorare ulteriormente i sintomi di astinenza da cannabis tra i pazienti con cannabis terapeutica, compreso l’impatto di diversi tentativi di astenersi, diversi tipi di utilizzo e vie di somministrazione e l’interazione con altri fattori di salute fisica e mentale. La maggior parte delle ricerche sull’astinenza da cannabis è stata effettuata su consumatori ricreativi, o “istantanea” esamina i pazienti con cannabis terapeutica in un unico momento. Ulteriori ricerche potrebbero aiutare a identificare le persone più a rischio di sviluppare problemi e ridurre il rischio di progressione verso il disturbo da uso di cannabis, ovvero quando qualcuno usa la cannabis ripetutamente nonostante i principali impatti sulla propria vita e sulla capacità di funzionare.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Progression of cannabis withdrawal symptoms in people using medical cannabis for chronic pain” by Lara Coughlin et al. Addiction

Immagine: l’immagine è accreditata all’Università del Michigan

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Olga ha detto:

    Interessante,spero che non mi serva.

    "Mi piace"

    1. Te lo auguro anche io…

      "Mi piace"

  2. auacollage ha detto:

    Verissimo.

    "Mi piace"

      1. auacollage ha detto:

        Scherzi? Grazie a Te Daniele. Inserisci sempre articoli interessanti. Buon fine settimana.

        "Mi piace"

      2. Grazie☺️ un abbraccio e buon fine settimana a te

        Piace a 1 persona

  3. vincenza63 ha detto:

    Daniele, sono stupita perché i sostenitori della legalizzazione affermano il contrario.
    Incredibile!
    Buona serata
    Vicky

    "Mi piace"

    1. Lo so… Ciao Vincenza. Un abbraccio

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.