Includere cibi malsani può diminuire gli effetti positivi di una dieta altrimenti sana

Pasta alla Norma Painting by Lucia Accordino | Saatchi Art

Mangiare una dieta sana, come la dieta mediterranea, ha un impatto positivo sulla salute, ma si sa poco sugli effetti dell’inclusione di cibi malsani in una dieta altrimenti sana. Ora i ricercatori del Rush University Medical Center hanno riportato una diminuzione dei benefici di una dieta mediterranea tra coloro che hanno un’alta frequenza nel mangiare cibi malsani. I risultati del loro studio sono stati pubblicati su Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association il 7 gennaio. Mangiare una dieta che enfatizza verdure, frutta, pesce e cereali integrali può influire positivamente sulla salute di una persona. Ma quando è combinato con fritture, dolci, cereali raffinati, carne rossa e carni lavorate, hanno osservato che i benefici del mangiare la parte mediterranea della dieta sembrano essere ridotti. Una dieta mediterranea è associata a tassi più lenti di declino cognitivo negli anziani. Lo studio osservazionale ha incluso 5.001 anziani residenti a Chicago che facevano parte del Chicago Health and Aging Project, una valutazione della salute cognitiva negli adulti di età superiore ai 65 anni condotta dal 1993 al 2012. Ogni tre anni, i partecipanti allo studio hanno completato un questionario di valutazione cognitiva che ha testato le capacità di elaborazione delle informazioni di base e la memoria, e hanno compilato un questionario sulla frequenza con cui hanno consumato 144 prodotti alimentari. I ricercatori hanno analizzato quanto da vicino ciascuno dei partecipanti allo studio aderisse a una dieta mediterranea, che include il consumo giornaliero di frutta, verdura, legumi, olio d’oliva, pesce, patate e cereali non raffinati, oltre a un consumo moderato di vino. Hanno anche valutato quanto ogni partecipante seguisse una dieta occidentale, che includeva cibi fritti, cereali raffinati, dolci, carni rosse e lavorate, latticini interi e pizza. Hanno assegnato punteggi da zero a cinque per ogni alimento per compilare un punteggio totale della dieta mediterranea per ogni partecipante in un intervallo da zero a 55. I ricercatori hanno quindi esaminato l’associazione tra i punteggi della dieta mediterranea e i cambiamenti nella funzione cognitiva globale dei partecipanti, nella memoria episodica e nella velocità percettiva. I partecipanti con un declino cognitivo più lento negli anni di follow-up erano quelli che aderivano più strettamente alla dieta mediterranea, insieme a limitare gli alimenti che fanno parte della dieta occidentale, mentre i partecipanti che hanno mangiato di più della dieta occidentale non hanno avuto alcun effetto benefico di componenti alimentari sani nel rallentare il declino cognitivo. Non c’era interazione significativa tra età, sesso, etnia o istruzione e l’associazione con il declino cognitivo in livelli alti o bassi di alimenti dietetici occidentali. Lo studio includeva anche modelli per il fumo, l’indice di massa corporea e altre potenziali variabili come le condizioni cardiovascolari e i risultati sono rimasti gli stessi. Le diete occidentali possono influire negativamente sulla salute cognitiva. Gli individui che avevano un punteggio elevato nella dieta mediterranea rispetto a quelli che avevano il punteggio più basso erano equivalenti a essere cognitivamente 5,8 anni più giovani. I risultati completano altri studi che dimostrano che una dieta mediterranea riduce il rischio di malattie cardiache, alcuni tipi di cancro e diabete e supporta anche studi precedenti sulla dieta mediterranea e sulla cognizione. Lo studio rileva inoltre che la maggior parte dei modelli dietetici che hanno mostrato un miglioramento della funzione cognitiva tra gli anziani, comprese le diete Mediterranea, MIND e DASH, hanno una matrice di punteggio unica basata sulla quantità di porzioni consumate per ciascun componente della dieta. Più possiamo incorporare verdure a foglia verde, altre verdure, bacche, olio d’oliva e pesce nella nostra dieta, meglio è per il nostro cervello e corpo che invecchia. Altri studi dimostrano che la carne rossa e lavorata, il cibo fritto e il basso apporto di cereali integrali sono associati a una maggiore infiammazione e a un declino cognitivo più rapido nelle età più avanzate. Per beneficiare di diete come la dieta mediterranea o la dieta MIND, dovremmo limitare il nostro consumo di alimenti trasformati e altri cibi malsani come cibi fritti e dolci. Lo studio e i suoi risultati non possono essere facilmente generalizzati. Sono necessari futuri studi longitudinali sulla dieta e sulla cognizione tra la popolazione di mezza età per estendere questi risultati.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Unhealthy foods may attenuate the beneficial relation of a Mediterranean diet to cognitive decline” by Puja Agarwal et al. Alzheimer’s and Dementia

Immagine: Pasta alla Norma (Lucia Accordino)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.